L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

martedì 29 marzo 2016

Turchia - gli euroimbecilli stanno sovvenzionando un governo, 3+3 miliardi, che sta mettendo a ferro e a fuoco la comunità curda e ogni tipo di opposizione

Più di 1000 persone arrestate in 2 settimane in tutta la Turchia

Più di 1000 persone arrestate in 2 settimane in tutta la Turchia

28 marzo 2016


La detenzione e l’incarcerazione delle forze di opposizione ,principalmente curdi ,continua in tutta la Turchia e nel Kurdistan del Nord.Più di mille persone sono state poste in detenzione nelle scorse due settimane,con più di 300 persone che sono state arrestate e incarcerate.Amministratori locali ,accademici, giornalisti , studenti e ragazzini sono parte dell’ultima repressione contro le critiche al presidente e al governo.
Operazioni sono state effettuate a Izmir, Mugla, Aydin, Denizli e Manisa ,così 95 persone,alcune di loro dirigenti di HDP ,sono stati posti sotto detenzione con 31 persone che sono state condannate e inviate in carcere.A Istanbul 12 ragazzini , 5 studenti ,e un totale di 173 persone sono state poste in detenzione, 18 persone sono state inviate al carcere,4 membri del gruppo musicale Group Yorum e anche 7 membri della Gioventù Rivoluzionaria (DEV-GENC) sono detenuti.
6 avvocati appartenenti all’Associazione degli avvocati libertari sono stati arrestati e incarcerati. Anche  3 accademici che avevano sottoscritto la petizione “Non saremo parte di questo crimine” Muzaffer Kaya, Esra Mungan e Kivanc Ersoy sono stati incarcerati.Anche 6 dei 12 membri di HDP detenuti a Bursa a seguito delle celebrazioni del Newroz sono stati condannati e incarcerati.
10 studenti che hanno celebrato il Newroz sono stati posti in detenzione a Kocaeli e altri 7 studenti sono stati picchiati e posti in detenzione per aver protestato conto tutto questo. Anche il co-presidente di HDP di Sakarya, e i dirigenti di HDP a Yalova, così come molti studenti sono stati posti in detenzione.
Lo stato prende di mira i bambini
Un totale di 234 persone sono state arrestate a  Adana, Mersin, Maras, Antalya e Osmaniye, 86 persone sono state poste in detenzione a  Ankara, Konya, Eskisehir e Kirsehir, con 9 incarcerati.A Diyarbakir 18 persone, inclusi 3 giornalisti e 8 persone a Silvan sono state arrestate.12 persone su 19 sono state imprigionate a Mardin  e nei suoi distretti. 3 persone sono state imprigionate a Gaziantep.In Adiyaman polizia ha arrestato 9  dirigenti di HDP e del DBP.
A Sirnak e nei suoi distretti 27 persone sono state arrestate, mentre a Siirt 36 persone sono state poste in detenzione con una persona incarcerata.14 persone ,inclusi 2 ragazzini sono stati incarcerati a Urfa e 10 sono state poste in detenzione vicino al confine con il Rojava.Più di 100 persone state arrestate a  Van, Mus, Agri e Bitlis,con 52 persone inviate in prigione.Anche il co-presidente del DBP di Kars Kamuran Yüksek è stato arrestato e rilasciato a Kars.25 persone sono state arrestate e 11 incarcerate a Giresun quando la polizia ha perquisito le stanze degli studenti.A Izmir un mandato di arresto è stato rilasciato per i co-presidenti di HDP di Buca e Konak.
Si prevede che gli arresti continueranno mentre il governo dell’AKP persegue la sua persecuzione dei curdi e dei gruppi di opposizione.L’ultima ondata di arresti ricorda il caso dell’Unione delle Comunità del Kurdistan (KCK) nel 2009-2011, quando più di 8000 curdi e attivisti filo curdi erano stati arrestati e incarcerati senza accusa.
Özgür Gündem

Nessun commento:

Posta un commento