L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

martedì 14 giugno 2016

Forze armate - Mig-35, un aereo di 4° generazione, 40 milioni cadauno, è un affare

RUSSIA: IL GAME CHANGER DEL CREMLINO È UN CACCIA DA 40 MILIONI DI DOLLARI

(di Franco Iacch)
13/06/16 
La nuova versione del Mikoyan MiG-35 Fulcrum-Fcompleterà i test nel 2017, mentre le consegne inizieranno dall’anno successivo. Nonostante i ritardi accumulati, dalla Mikoyan garantiscono un rateo di produzione elevato per colmare il tempo perso.
L'Air Force russa, che non ha ancora ufficialmente adottato il nuovo MiG-35, si è impegnata ad acquistare un primo lotto di 37 velivoli che diverranno pienamente operativi entro il 2020. Eppure c’è un palpabile ottimismo per questo velivolo che, nelle intenzioni, dovrebbe andare ad inficiare lo strapotere dei caccia della Sukhoi nelle forniture ufficiali dell’aeronautica militare russa. È comunque un asso nella manica per il Cremlino, ancora ben lungi dal mettere in produzione il suo velivolo di quinta generazione, nel suo processo di modernizzazione.
Il MiG-35 è chiaramente un’evoluzione dell’amatissimo MiG-29, anche se è classificato come caccia di 4++ o di quarta generazione avanzata. Con tale termine si identifica una piattaforma che presenta accorgimenti della quinta generazione implementati su un disegno evoluto dalla precedente. Non propriamente un caccia stealth, ma che presente diversi accorgimenti come, ad esempio, per la bassa osservabilità, l’avionica e la spinta vettoriale. IlSuper Hornet e l’Eurofighter Typhoon, rispettivamente caccia per la superiorità aerea della U.S. Navy e della quasi totalità dei paesi della NATO, sono caccia di quarta generazione avanzata.
Il nuovo MiG è stato presentato per la prima volta in una manifestazione aerea a Bangalore, nel 2007. Sfrutta ilknow-how acquisito con il MiG-29 SMT Sokol (tra questi il sistema S-31E2 KOLS), sviluppato verso la fine degli anni novanta sulla cellula del MiG-29S Gorbatyi. Il Sokol presenta tutte le migliorie introdotte negli stage improvements del Gorbatyi, oltre ad essere rivestito di una nuova vernice radar assorbente.
Il MiG-35 è il 30 per cento più grande rispetto al MiG-29 e nelle intenzioni della Mikoyan-Gurevich, affiancherà il T-50 come piattaforma leggera a basso costo per la superiorità aerea. Rispetto all'originale Fulcrum, il MiG-35 presenta un nuovo sistema di controllo fly-by-wire. La struttura del velivolo, grazie al largo impiego di materiali compositi, è molto più leggera del MiG-29: rispetto a quest’ultimo, il MiG-35 è in grado di trasportare più carburante ottimizzato da un nuovo sistema di gestione digitale.
Il MiG-35 è stato progettato inizialmente per un apparato propulsivo a spinta vettoriale. È propulso da due RD-33MKB, disponibili anche nella variante a spinta vettoriale (tre attuatori idraulici che deviano gli ugelli montati intorno alla gondola motore). Recenti rapporti evidenziano capacità definite "eccezionali" per l’evoluzione del motore RD-33. I progettisti russi avrebbero risolto svariate criticità che attanagliavano i precedenti modelli, come la scarsa affidabilità e l’emissione di fumo.
Il MiG-35 può salire al ritmo di 330 m/s con una velocità massima di 2.400 chilometri all'ora. La sua autonomia è di 2.000 km in configurazione pulita, estesa a 3.100 km con pod supplementari esterni. Pesa circa 11,000 kg con una peso massimo al decollo di 29,700kg.
Le versioni mono e biposto D del MiG-35 non stravolgeranno il disegno finale della cellula: un modo per massimizzare l’efficacia della stessa linea di produzione. Il MiG-35 incorporerà il radar a scansione elettronica Zhuk-MA, in grado di monitorare gli obiettivi a distanze maggiori le 85 miglia nautiche. Sarà dotato di un sistema di localizzazione OLS, un sensore elettro-ottico passivo aria-aria che opera in entrambe le lunghezze d'onda infrarosso e visive. L’OLS rende il velivolo meno dipendente dalle intercettazione del controllo da terra,consentendogli di svolgere missioni multiruolo indipendenti. I russi credono che il sensore ad infrarossi OLS sarà fondamentale nell’identificare i velivoli stealth come l'F-22 e l’F-35.
C’è, infine, un ultimo dato particolarmente interessante: il costo. Un MiG-35, nella sua versione più performante, costa 40 milioni di dollari. Qualora confermasse le aspettative, i russi potrebbero acquistarne 100 nel breve termine (fino a triplicare tale numero), ma è a livello internazionale (proposto con radar a scansione elettronica Zhuk-AE) che il MiG-35 potrebbe rivelarsi un vero game-changer. L’Egitto ha praticamente chiuso per il MiG-35 come nuova piattaforma per la superiorità aerea. Una decisione che potrebbe ridisegnare gli equilibri nella Regione.
Il facile costo di accesso, rende la piattaforma di 4++ appetibile a molti paesi.
(foto: TASS / web)

Nessun commento:

Posta un commento