L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

domenica 5 giugno 2016

Israele, il popolo eletto ha un unico obiettivo rubare terra ai palestinesi, schiacciarli perchè solo loro devono sopravvivere

Siria. Il ruolo di Israele e i contatti con Al Qaeda

(di Giampiero Venturi)
05/06/16
Il ruolo di Israele nell’attuale crisi siriana è sostanzialmente defilato. Per estensione, tutta la politica estera di Tel Aviv rivolta ai vicini (e ai meno vicini) Paesi arabi sembra essere sottovoce da almeno 4 anni. Fosse solo per questioni di sopravvivenza, l’importanza dei rapporti coi dirimpettai lascia presupporre che dietro le quinte, oltre l’apparente inerzia, si muovano invece leve importanti.
Le accuse ad Israele del governo siriano di giocare un ruolo nascosto a favore dei ribelli iniziarono ad essere esplicite nel 2013, quando l’offensiva da sud divenne tanto seria da costringere le Forze Armate siriane ad un ripiegamento generale.
Le voci non erano solo propaganda. Un rapporto del 2014 della UNDOF (la missione dell’ONU preposta al disimpegno militare israeliano e siriano nel Golan) individuava contatti fra Tsahal e gruppi armati ribelli proprio nel territorio collinare occupato nel 1967 da Israele con la Guerra dei sei giorni. Per contatti il rapporto intendeva l’appoggio logistico fornito ai ribelli feriti al fronte, curati in campi preposti ad hoc nel territorio del Golan occupato.
Le segnalazioni sono aumentate col peggioramento della crisi, quando nel corso del 2014 il fronte sud siriano è esploso e l’avanzata ribelle verso Damasco è diventata un dato conclamato di rilievo internazionale.
Precisiamo che l’UNDOF è formata da militari provenienti da Canada, Giappone, Polonia, Slovacchia, Austria, India e Nepal, Paesi non islamici e politicamente al di sopra di ogni sospetto di partigianeria (3 di loro sono anche membri NATO, quindi teoricamente più vicini a Israele che alla Siria).
Alle segnalazioni dell’ONU si sono sommate le dichiarazioni (rilasciate a fonti locali sotto copertura) di alcuni ribelli, uno dei quali alto ufficiale del cosiddetto Free Syrian Army. Secondo i miliziani i contatti fra israeliani e ribelli siriani sarebbero stati e sarebbero continui e riguarderebbero in modo particolare alti esponenti di Al-Nusra (la Al Qaeda siriana) e Ahara ash-Sham, entrambi gruppi fondamentalisti parte della galassia del terrorismo islamista internazionale. Le dichiarazioni dei ribelli (fatte sotto falso nome) lascerebbero trapelare anche il forte imbarazzo di molti miliziani integralisti nell’accettare l’appoggio di Israele, considerato per tutti un vero e proprio tradimento della causa islamista.
Israele dunque appoggia Al-Nusra?
Se ne parla da anni. Fatte salve le teorie complottiste e la “geopolitica del sentito dire”, dal 2011 si conferma attraverso fonti attendibili l’effettiva partecipazione di Tel Aviv nel conflitto siriano, ma è bene fare chiarezza partendo da dati oggettivi, comprovati da relazioni delle Nazioni Unite.
L’offensiva ribelle dell’autunno del 2014 nel Governatorato di Quneitra sarebbe stata condotta con l’aiuto militare diretto di Tsahal impegnato a colpire postazioni dell’esercito siriano e a fornire appoggio tattico e logistico. La città di Quneitra posta nell’estremo sud della Siria era già una città fantasma dal 1967, abbandonata dagli abitanti alla fine della Guerra dei sei giorni. Durante le operazioni 45 militari dell’UNDOF furono catturati proprio dai miliziani islamisti appoggiati da Israele per poi essere liberati, previo accordi di alto livello. 
Qual era e qual è dunque l’obiettivo di Israele?
Come già discusso su queste pagine, è presumibile che se Tel Aviv avesse voluto calcare la mano per defenestrare Assad, lo avrebbe già fatto: tra il 2013 e il 2014 la sorte del governo di Damasco sembrava appesa ad un filo. La Siria, nemico giurato dello Stato Ebraico già ai tempi di Assad padre, gioca però un ruolo essenziale per Israele soprattutto se l’alternativa è il caos. La regola del “meglio un nemico certo possibilmente sotto forma di Stato che milizie armate senza controllo” ha un peso decisivo nelle decisioni strategiche di Israele e ha influenzato le scelte apparentemente low profile degli ultimi anni. Tutto ha senso alla luce di tre punti centrali:
  • il nemico certo deve essere forte da tenersi in piedi, ma non abbastanza da essere offensivo;
  • nemici come Hezbollah, capaci di colpire il territorio di Israele, devono essere neutralizzati o comunque depotenziati;
  • il vero e forse unico nemico regionale di Israele, l’Iran, deve mantenere un ruolo marginale.
I tre obiettivi sono stati al centro dai colloqui fra Netanyahu e Putin del settembre 2015. Visti i pessimi rapporti fra il Likud e l’amministrazione Obama, il summit si è svolto senza il nulla osta USA (nonostante le dichiarazioni contrarie della Casa Bianca). Tel Aviv, in cambio dell’avallo all’azione militare russa contro lo Stato Islamico, ha ottenuto una duplice garanzia: Hezbollah, impegnato in modo dichiarato sul fronte siriano, non avrebbe ricevuto armi pesanti da poter riutilizzare poi contro Israele stesso; l’Iran sarebbe entrato sul territorio siriano solo indirettamente (consiglieri e volontari sì, truppe regolari no).
In altri termini, a Tel Aviv va bene che sopravviva Assad, possibilmente senza tornare alla forza militare precedente il 2011. Va bene a patto che si chiuda un occhio se gli F-16 prendono di mira di tanto in tanto convogli sospetti dei miliziani sciiti, soprattutto sulla linea di confine fra Siria e Libano, non lontani dal territorio israeliano.
Nel 2014 l’ingresso in campo della Russia, in grado di controllare Damasco e di influenzare pesantemente Teheran, madrina di Hezbollah, non era affatto certo. Le operazioni israeliane d’autunno in territorio siriano erano dirette all’occupazione dell’intero Golan e alla neutralizzazione del centro di osservazione di Tal Hara, usato per monitorare i movimenti delle forze aeree israeliane (secondo fonti ribelli diffuse poi in Occidente, usato anche dal GRU russo). L’operazione non era rivolta come sembrava in apparenza ad incentivare la vittoria degli islamisti, ma ad aumentare il cuscino di sicurezza oltre confine proprio in caso di crollo del governo di Damasco. In sintesi: una vittoria del fondamentalismo islamico non è negli interessi di Israele; un suo annientamento nemmeno…
L’attuale frazionamento del fronte siriano con lo scontro frontale fra Califfato e islamisti di altra provenienza (Al-Nusra su tutti), fa ulteriormente il gioco di Israele, perché impedisce di fatto che emerga un vincitore assoluto.
I contatti con Al Qaeda continuano?
Per Israele la sicurezza è un principio assoluto, in testa alla lista delle priorità. Tagliare un nodo gordiano scendendo a patti col diavolo, per Tel Aviv non è un problema.
(foto: IDF)

Nessun commento:

Posta un commento