L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

lunedì 13 giugno 2016

NoMuos - Stati Uniti bugiardi il Muos non è contro il terrorismo, peraltro manovrato da sempre da loro

GLI USA

«Il Muos? Questione importante
da risolvere al più presto»

di Mario Barresi
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Il Muos di Niscemi? Una «questione importante», che «siamo ansiosi di vedere risolta». Anche perché «è giunto il momento di risolverla». Così John Phillips, ambasciatore degli Stati Uniti in Italia, a margine della celebrazione anticipata dell’“Indipendence Day”, ieri pomeriggio al Castello Ursino di Catania. Accolto dal sindaco Enzo Bianco, l’ambasciatore, assieme alla console generale per il Sud Italia, Colombia Barrosse, ha ricordato: «Abbiamo rapporti eccellenti con l'Italia, parte del mio lavoro consiste nel visitare ogni regione d'Italia, inclusa la Sicilia, dove sono stato in più di una occasione ed è una regione che mi affascina sempre, per la sua gente, la sua cultura, e il suo cibo. Abbiamo molte radici in questa terra, molti americani hanno origini siciliane e questa è una parte veramente speciale dell'Italia.  Mi fa sempre piacere avere l'opportunità di visitarla».
 
Poi, parlando del sistema satellitare della Marina Usa (in atto sotto sequestro e con un processo penale per abusivismo, oltre che una controversia amministrativa sui presunti danni alla salute) ha detto: «Ora abbiamo una questione importante ancora aperta, e cioè il Muos, che è un sistema per proteggere tutti noi, inclusi Italia, Stati Uniti e gli altri Paesi europei, che avranno così maggiori possibilità di difendersi dal terrorismo dilagante. Abbiamo un sistema da dieci miliardi di dollari, con quattro satelliti in tutto il mondo che raccolgono informazioni di cui abbiamo bisogno, e in questo momento funzionano solo i 3/4 di questo sistema perché uno di questi satelliti che si trova qui dovrebbe operare, ma non opera ancora. Quindi in questo momento è come se  la zona del nord Africa e l'intero medio Oriente fossero al buio.
 
E quello che il satellite dovrebbe fare è fornire le informazioni che servono a tutti i Paesi Nato, all'Italia e agli Stati Uniti per combattere il terrorismo, e non riusciamo a farlo funzionare a causa della decisione di un tribunale locale e siamo ansiosi di vedere questa questione risolta al più presto per il bene della nostra difesa e della sicurezza di tutti. È giunto il momento di risolverla».
 
http://lasicilia.it/articolo/il-muos-questione-importante-da-risolvere-al-pi-presto

Nessun commento:

Posta un commento