L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

martedì 14 giugno 2016

Snam Sulmona - il corrotto Pd vuole il degrado del territorio e l'insicurezza delle comunità

BALLOTTAGGIO SULMONA: DI MASCI-BIANCHI, ''INSIEME PER RISOLVERE PROBLEMI''

SULMONA - Gli obiettivi di programma dell'apparentamento tra Bruno Di Mascie la sua coalizione “La città che vogliamo” con Forza Italia, rappresentata daElisabetta Bianchi - si legge in una nota - riguardano l'inserimento di Sulmona nei poli di attrazione regionale, l'opposizione al progetto Snam, la tutela dei presìdi scolastici, sanitari, giudiziari, civici e della Pubblicazione amministrazione, la difesa e il potenziamento delle vie di comunicazione su gomma e su rotaia, la valorizzazione del patrimonio comunale ed una programmazione dell'edilizia pubblica, delle attività produttive agroalimentari e industriali e della sicurezza urbana, potenziamento della prevenzione e sicurezza antisismica.
"La città ha bisogno di esprimere un voto consapevole, noi abbiamo presentato in modo chiaro i nostri obiettivi programmatici ai cittadini, adesso è il momento di un confronto con l'altra coalizione – ha detto la Bianchi –  Annamaria Casini, candidata della coalizione di riferimento dell'assessore regionale Andrea Gerosolimo, deve dirci cosa pensa sui problemi della città, perché finora da lei non abbiamo sentito mai opinioni sui temi dell'attualità cittadina, come quelli già da noi approfonditi tra i quali la delocalizzazione del casello autostradale Sulmona-Pratola o il declassamento dell'ospedale dell'Annunziata, già svuotato delle funzioni di ospedale di primo livello, quindi pretendiamo risposte serie e non fumo negli occhi da parte di Annamaria Casini".
Bruno Di Masci, replicando a chi ha mosso accuse di inciuci, ha sottolineato di essere "molto preoccupato per il fatto che nella campagna elettorale della coalizione avversaria sia stata espressa solo povertà di argomenti, invece noi abbiamo trovato un punto d'incontro sui temi principali della città, confermando di essere forze propositive".
Di Masci ha aggiunto che "fin dall'inizio della campagna elettorale Annamaria Casini ha scelto solo dii scendere a critiche personali, compresa la scelta di cattivo gusto di ironizzare sulla mia età ma non ha mai espresso un suo punto di vista, né presentato mai una sua proposta su centrale Snam, ospedale, tribunale, macchina amministrativa del Comune, bretella autostradale, trasporti ferroviari e su gomma", ha concluso Di Masci.

Tornando infine sull'apparentamento Di Masci ha posto in evidenza come "Elisabetta Bianchi svolgerà un ruolo assai importante nel Consiglio comunale, per il contributo valido di proposte, idee e progetti che darà alla vita amministrativa cittadina".

Nessun commento:

Posta un commento