L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

martedì 26 luglio 2016

Acqua pubblica - L'acqua non può ne deve essere gestita dai privati per farci i soldi

Napoli: acqua, da che parte stai?

25.07.2016 Forum Italiano dei Movimenti per l'Acqua
Napoli: acqua, da che parte stai?
(Foto di www.loravesuviana.it)
L’ Acqua di Napoli è in pericolo!
dopo l’attentato dinamitardo nella sede di ABC, in attesa che il SIndaco di Napoli, Luigi de Magistris, ci incontri, come da noi richiesto più volte, non resteremo con le mani in mano.
Chiediamo a tutti i sostenitori dell’Acqua Pubblica, di aderire al messaggio di solidarietà all’ ABC e di diffonderne il testo affinché tutti sappiano quanto sta accadendo
La vittoria di tutti è in pericolo!
Sottoscrivi e diffondi il nostro Comunicato:
SOTTO ATTACCO L’ACQUA PUBBLICA DI NAPOLI
Solidarietà all’ABC, ai lavoratori e al Presidente.
L’esplosione di un ordigno all’interno di uno dei depositi
dell’azienda è un fatto drammatico su cui la DIGOS e la Magistratura
stanno già indagando. A noi cittadini preoccupa che sia stata sfiorata
la tragedia, perché gli operai in quel momento si trovavano  vicino,
negli spogliatoi pronti per uscire.
Si tratta chiaramente di un atto intimidatorio che punta a minare
dall’interno l’acqua pubblica di Napoli.
L’ABC, con il suo Consiglio di Amministrazione di attivisti del
movimento dell’acqua, con il Consiglio civico, è diventata un modello
di gestione di un bene pubblico da parte della comunità. Il
coinvolgimento dei cittadini nelle scelte fondamentali dell’azienda
rappresenta un esempio reale di ripubblicizzazione, poiché ci
restituisce il diritto di decidere del bene della collettività e
l’acqua è “il bene supremo”. Ogni tentativo di opporsi a questo
processo risponde a logiche privatistiche e lobbistiche, di chi vuole
accentrare nelle mani di pochi la gestione dell’acqua ed interrompere
questo processo.
Le continue minacce al Presidente di ABC e la collocazione di un
ordigno in azienda provengono da chi non ha a cuore l’acqua pubblica.
E’ un momento difficile, nel quale bisogna stare attenti a non cadere
nella trappola delle strumentalizzazioni con l’obiettivo di
distruggere il modello ABC.
Straordinari i messaggi di solidarietà da parte dei Comitati, delle
Associazioni e di tutti coloro che credono fortemente in questo
percorso. E’ importante essere uniti per rafforzare l’Acqua Bene
Comune di Napoli.
Sull’acqua non possiamo mollare; l’acqua è la fonte della vita.
Padre Alex Zanotelli 
 Comitati per la gestione pubblica dell’Acqua Napoli
Coordinamento Campano per la Gestione Pubblica dell’Acqua
per adesioni:

Nessun commento:

Posta un commento