L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

venerdì 12 agosto 2016

Ucraina con una situazione economica disastrosa pensa solo a fare guerra

Le forze di sicurezza russe sventano un attentato in Crimea

11.08.2016 Redazione Italia
Le forze di sicurezza russe sventano un attentato in Crimea
(Foto di Pandora TV)
10 agosto, Armyansk – Crimea, Russia
I servizi di sicurezza russi (FSB) annunciano di aver sventato un attentato pianificato dai servizi segreti ucraini. Nel corso dell’operazione sono stati uccisi due miliari russi. L’operazione ha portato all’arresto di diverse persone, tra cui un ufficiale dei servizi segreti ucraini, e alla scoperta di un nascondiglio con diverse armi.
Putin, a Mosca, in seguito alla vicenda da lui definita come un “atto di terrorismo”, ha annunciato di voler annullare la riunione in “formato Normandia” prevista a margine del G20 in Cina. Di seguito la trascrizione della sua dichiarazione:
“Abbiamo ricevuto informazioni inquietanti. I nostri servizi di intelligence hanno impedito un raid organizzato dalle forze di ricognizione del Ministero della Difesa ucraino in Crimea. In queste condizioni l’incontro previsto in Cina in “formato Normandia” è privo di significato. Ci sono state perdite da parte russa: due militari sono stati uccisi. Non ignoreremo quanto è successo. Vorrei che fosse chiaro ai nostri partner americani ed europei. Credo che sia evidente a tutti che le attuali autorità di Kiev non sono alla ricerca di una soluzione diplomatica ai problemi. Al contrario, si sono rivolti al terrorismo. Questo è molto fastidioso. Lo scopo principale è quello di distogliere l’attenzione del popolo ucraino lontano dalla loro angosciante situazione economica, dalla loro terribile situazione finanziaria”.
A questo proposito, riportiamo che il 9 agosto a Kiev (Ucraina), dopo 6 giorni di protesta davanti al Ministero dell’energia ucraino da parte dei minatori, uno di essi ha cercato di darsi fuoco: denunciano il mancato pagamento di diversi mesi di stipendio. Lo scorso marzo, inoltre, la Banca Nazionale Ucraina ha dichiarato insolvente la Banca Mikhailovsky: centinaia di correntisti manifestano da mesi affinchè i propri conti correnti vengano sbloccati.

Vedi qui il video del nostro partner, Pandora TV

Nessun commento:

Posta un commento