L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

martedì 6 settembre 2016

Fabrizio Palenzona&Roberto Mercuri - non solo Unicredit ma anche la Federazione Autotrasportatori Italiani

Cambio al vertice di Fai Service

Martedì 06 Settembre 2016 10:51

Dopo trent'anni al volante della cooperativa di servizi della Federazione Autotrasportatori Italiani, Primo Santini lascia l'incarico di amministratore delegato a Roberto Mercuri.



Il passaggio di consegne è avvenuto a giugno 2016 a causa del pensionamento di Primo Santini, che è stato l'anima dello sviluppo della cooperativa di servizi nata nel 1986 e che oggi associa circa settemila aziende di autotrasporto, in prevalenza di piccola dimensione (il 57% ha tra uno e cinque veicoli). Nel 2014, la cooperativa ha prodotto un fatturato di 378.120.788 euro (secondo quanto riportato da reportaziende.it), con un margine operativo lordo di 1.069.886 euro e un utile di 381.139 euro.
Il cambio al vertice riguarda solamente l'amministratore delegato, mentre la presidenza resta nella mani di Fabrizio Palenzona (nella foto). È ancora presto per dire se questo avvicendamento è solamente un'ordinaria amministrazione, oppure porterà a una svolta in quella che è la più grande impresa di servizi nell'autotrasporto italiano. Aggiungiamo che lo scorso maggio Fai Servizi ha tenuto un'assemblea ordinaria e straordinaria il cui ordine del giorno prevedeva anche modifiche allo statuto.
Roberto Mercuri è considerato molto vicino a Palenzona. È un imprenditore calabrese,è stato anche amministratore delegato della società milanese Pianimpianti, che si occupa di trattamento delle acque e che ottenuto importanti appalti pubblici in Calabria e Sicilia. Mercuri è stato anche assistente del presidente e responsabile degli affari istituzionali della società di gestione aeroportuale Aeroporti di Roma quando ne era presidente Palenzona.

Nessun commento:

Posta un commento