L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

giovedì 12 gennaio 2017

Ferrero è andato in battaglia sapendo di perdere

Ferrero difende olio di palma: “Diatriba costruita ad arte”

12 gennaio 2017, di Alessandra Caparello

ALBA (WSI) – “Quella sull’olio di palma è una diatriba costruita ad arte”. A dirlo parlando a Reteurs Vincenzo Tapella responsabile acquisti del colosso dolciario di Alba e protagonista dello spot televisivo in cui la Ferrero tutela l’utilizzo dell’olio di palma. Nella crema spalmabile alle nocciole famosa in tutto il mondo, la Nutella.

Il gruppo di Alba proprio grazie alla vendita della Nutella ricava un quinto del suo fatturato ma qualche contraccolpo è arrivato a seguito della diffusione di notizie contro l’olio di palma. A maggio del 2016 l’Efsa, l’Autorità alimentare europea ha indicato possibili effetti tossici o cancerogeni di alcuni contaminanti che si creano nella produzione dell’olio di palma e di altri olii vegetali quando raggiungono temperature sopra i 200 gradi. Da qui la campagna contro l’olio di palma che ha portato molte aziende alimentari come la Barilla e la Coop a bandire dai loro prodotti l’olio.

Cosa che invece la Ferrero non ha fatto anzi ha attuato una campagna a favore dell’uso di questo olio andando così in controtendenza e volendo dimostrare come l’olio di palma in realtà faccia molto meno male rispetto a tanti altri olii.

“Ferrero usa una temperatura controllata sotto i 200 gradi che crea una quantità di contaminanti inferiore a quella che in media si crea usando altri olii (…) Noi siamo orgogliosi e ci abbiamo messo la faccia, io in particolare ho messo la faccia nella pubblicità. Quella sull’olio di palma è una diatriba costruita ad arte. Ferrero importa olio di palma semiraffinato e finisce la raffinazione nei suoi stabilimenti”.

In realtà da Alba fanno sapere che si potrebbero usare anche l’olio di nocciole per realizzare la Nutella ma il prezzo inevitabilmente sarebbe molto più alto e poi non sarebbe sufficiente la produzione di nocciole a livello mondiale. Senza contare che i gusti dei consumatori sono per la tradizione.

Qualche mese fa si è fatta assaggiare una crema di nocciole realizzata con olii diversi ad un campione di persone che però non l’hanno gradita. Quali olii son stati usati per fare la prova? Da Ferrero no comment.

“La cremosità della Nutella è unica grazie all’olio di palma, toglierlo sarebbe un passo indietro e sarebbe un altro prodotto, un surrogato, certamente meno buono e anche più caro. La gente vuole la Nutella con il suo gusto”.

Da qui la campagna pubblicitaria di Ferrero pro-olio di palma che sta sortendo i suoi effetti e nell’ultimo quadrimestre sotto Natale ha segnato un rialzo delle vendite a +4%.

http://www.wallstreetitalia.com/ferrero-difende-olio-di-palma-diatriba-costruita-ad-arte/?utm_source=newsletter&utm_medium=email&utm_campaign=Newsletter:+WallStreetItalia&utm_content=12-01-2017+ferrero-difende-olio-di-palma-diatriba-costruita-ad-arte+primo-piano

Nessun commento:

Posta un commento