L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

mercoledì 11 gennaio 2017

Rimosso chi ha diretto le indagini, non è logico

Polizia postale e Occhionero, perché Gabrielli ha silurato Di Legami

Polizia postale e Occhionero, perché Gabrielli ha silurato Di Legami
 
L'attività della Polizia postale sullo spionaggio dei fratelli Occhionero, la decisione del capo della Polizia postale e l'intervista di Marco Carrai. Ecco i primi effetti politici e istituzionali dell'inchiesta e degli arresti di ieri
Primi effetti politici ed istituzionali dello spionaggio politico, finanziario e militare di cui si è venuti a conoscenza ieri con l’arresto dei fratelli Occhionero.

LA DECISIONE DI GABRIELLI
Il capo della Polizia, Franco Gabrielli, ha deciso ieri sera la rimozione di Roberto Di Legami, direttore della Polizia postale che ha condotto l’inchiesta sul cyberspionaggio, per divergenze con il vertice del corpo. Stando ad alcune indiscrezioni, il motivo della decisione sarebbe – scrive Repubblica – che non ha informato dell’inchiesta Gabrielli. Al posto di Di Legami alla guida della Polizia Postale subentra Nunzia Ciardi, dirigente del compartimento Lazio della stessa struttura. Di Legami è stato assegnato a un nuovo incarico presso l’Ucis.

CHE COSA AVEVA DETTO DI LEGAMI
Era stato proprio Di Legami ieri a spiegare ed approfondire l’esito dell’inchiesta che ha condotto in carcere Giulio Occhionero e la sorella (qui tutte le informazioni sulla vicenda e sugli arrestati). Sarebbero “circa 20mila le vittime accertate sinora” dalla Polizia Postale nell’ambito dell’inchiesta ‘Eye Pyramid’, che ha portato alla luce una centrale di cyber spionaggio che “aveva lo scopo di monitorare e sottrarre informazioni a istituzioni, pubbliche amministrazioni, studi professionali e imprenditori”. Ma “molte di più potrebbero emergerne dall’analisi dei server dislocati negli Stati Uniti e sequestrati grazie alla collaborazione della Cyber Division dell’Fbi”. A dirlo ieri all’agenzia Cyber Affairs è stato il direttore della Polizia Postale e delle Comunicazioni, Di Legami.

L’INTERVISTA DI CARRAI
Ma la decisione del capo della Polizia, che non può non essere stata condivisa dal ministro dell’Interno, Marco Minniti, non è l’unica conseguenza istituzionale e politica dell’inchiesta della Polizia Postale che ha svelato un’attività di spionaggio durata 5 anni, dal 2011 al 2016. Significativa oggi la reazione di Marco Carrai, manager e imprenditore attivo anche nella sicurezza dei dati e vicinissimo all’ex premier Matteo Renzi. In un’intervista al quotidiano La Stampa, Carrai, se da un lato elogia il lavoro del Dipartimento informativo della Sicurezza (Dis) e della Polizia Postale, non esita a sottolineare:”Ciò non toglie che sia necessario un coordinamento più serrato e un soggetto che faccia prevenzione e sviluppo tecnologico”. Se sul coordinamento c’era unità di vedute ai vari livelli istituzionali e ministeriali, sull’esigenza del nuovo “soggetto” evocato da Carrai ci sono state distonie durante il governo Renzi. Infatti l’ex presidente del Consiglio, Matteo Renzi, puntava proprio su una figura esterna come quella di Carrai. Ma la nomina, anche per alcune resistenze interne all’Intelligenze oltre che in altre istituzioni della Repubblica, non è andata in porto.

LE PAROLE DELL’AVVOCATO DI OCCHIONERO
“Ieri l’ho incontrato e oggi risponderà alle domande del gip , ha delle cose da chiarire. Questa storia è ancora tutta da scrivere, e al momento è tutto una ipotesi investigativa”. Lo ha detto l’avvocato Stefano Parretta, difensore di Giulio Occhionero, prima di fare ingresso nel carcere di Regina Coeli. “Il mio assistito nega di aver fatto alcunché di illecito, aveva questi server all’estero per il suo lavoro, gli indirizzi che aveva sull’agenda sono indirizzi che possiamo avere tutti noi sul computer. Lui nega di aver fatto un’attività di spionaggio, i server all’estero li aveva per lavoro”, ha continuato il penalista.

Nessun commento:

Posta un commento