L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

mercoledì 29 marzo 2017

Implosione europea - La Gran Bretagna vincerà facile con gli euroimbecilli

ECONOMIA E FINANZA
BREXIT/ E ora arrivano i guai (per l'Europa)

Paolo Annoni
mercoledì 29 marzo 2017

BREXIT. Oggi Theresa May attiverà l’articolo 50 e darà via ai negoziati per l’uscita della Gran Bretagna dall’Unione europea. Non è chiaro come e quando il Regno Unito uscirà dall’Ue perché l’attivazione dell’articolo 50 del Trattato di Lisbona da parte di un Paese membro è una prima assoluta e perché l’articolo non è particolarmente dettagliato. I negoziati potrebbero durare anche più di due anni nonostante, in teoria, il termine finale sia ad aprile 2019; il fatto che ogni Paese europeo abbia il diritto di veto sui termini delle negoziazioni rende il processo particolarmente complicato. È probabile che le trattative siano guidate, per l’Europa, da uno dei suoi commissari.

Secondo la “vulgata” la Brexit è stata una scelta economica suicida per la Gran Bretagna votata da persone che non erano in grado di comprendere quello che facevano; alla fine il Regno Unito pagherà salatissime conseguenze e si pentirà amaramente. Se queste sono le premesse, nei mesi dei negoziati tutto questo è destinato a venire a galla. Dal giorno del referendum nessuna delle previsioni terribili sull’economia inglese si è avverata e, anzi, la banca centrale inglese due mesi fa è stata “costretta” a rivedere al rialzo le previsioni sul il del 2017; la “Brexit” non c’è ancora e quindi per ora le previsioni di pessimistiche sul futuro inglese sono ancora valide, però possiamo dire che nessuno si è ancora spaventato, nemmeno dopo tre trimestri.

Una scelta di questo tipo come la Brexit non si può misurare in trimestri e nemmeno forse in qualche anno. ma ha un orizzonte temporale di medio lungo periodo. La Gran Bretagna si è staccata da un’area che non solo ha palesi problemi di “governance”, e di rappresentanza dei suoi membri, ma anche chiarissimi problemi di crescita; l’Europa è l’area del mondo che cresce di meno anche rispetto ad altre economie sviluppate. La scommessa dell’Inghilterra è che potrà fare meglio al di fuori e senza l’Europa potendo scegliere autonomamente cosa e come negoziare con le controparti economiche e come governare la propria economia. Visti i successi europei sulla crescita e sull’immigrazione, con gli accordi miliardari con la Turchia di Erdogan, si deve almeno ammettere che il tentativo non sia poi così incomprensibile.

È ancora più di scuola l’opinione che Bruxelles darà una lezione a Londra per colpa della Brexit con i nuovi accordi economici e commerciali, forse perfino per scoraggiare chi si facesse venire strane idee al suo interno. L’Europa ritroverebbe un’unità proprio nelle trattative contro un partner “nemico” comune da cui si deve tutelare. Questa assunzione sembra tutto tranne che scontata. Il Regno Unito è un mercato grande, molto ricco e molto appetibile per tante imprese europee di tanti settori diversi. La questione che si porrà è che ci sarà un’unica trattativa e un unico negoziato con la Gran Bretagna, mentre in Europa ci sono esigenze e priorità molto diverse.

L’Italia non esporta in Inghilterra le stesse cose della Germania e la Francia, non ha 800 mila polacchi di nascita che vivono oltre la Manica. Se la Gran Bretagna scegliesse di essere “cattiva” con gli immigrati europei come posizione negoziale, qualcuno sarebbe molto scontento, i polacchi e probabilmente gli italiani, e qualcuno altro indifferente; se le barriere colpissero il prosecco e non le macchine qualcuno sarebbe molto scontento, gli italiani, e qualcuno no. I negoziati con la Gran Bretagna sono un’occasione per l’Europa solo se questa è unita e solo se questa si pone l’obiettivo di tutelare gli interessi di tutti, altrimenti rischiano di essere un altro fronte caldo aperto tra i Paesi membri; avere in mano il pallino delle negoziazioni dal lato europeo è un valore evidente se si danno le carte e si può decidere chi paga tanto e chi paga meno.

Vista la storia degli ultimi anni, sinceramente non riusciamo a capire le ragioni di così tanto ottimismo per una fase così delicata.

Nessun commento:

Posta un commento