L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

venerdì 31 marzo 2017

La via della Seta si avvale i primis dei paesi confinanti


CINA. Pechino e Kathmandu unite dalla nuova Via della Seta




Il presidente cinese Xi Jinping ha incontrato il primo ministro nepalese Pushpa Kamal Dahal.
Secondo quanto riporta Xinhua, i due leader hanno accettato di collaborare di più nello sviluppo della Nuova via della Seta.
Xi ha detto che i legami di amicizia tra la Cina e il Nepal sono di interessi fondamentali; allo stato attuale, i legami tra Cina e Nepal si stanno sviluppando rapidamente e i due paesi mantengono stretti gli scambi tra i governi, i partiti e le strutture statali.
Il presidente cinese ha chiesto uno sforzo comune per mantenere una dinamica positiva nei legami bilaterali attraverso la creazione di nuove prospettive.
Xi ha invitato le due parti a rafforzare la fiducia politica, ad avere scambi più stretti e a sostenersi a vicenda su questioni che riguardano i loro interessi fondamentali e le loro principali preoccupazioni politiche. Entrambi gli stati intendono promuovere la cooperazione in termini di connettività, accordi di libero scambio, agricoltura, capacità industriale, energia e ricostruzione post-terremoto, sfruttando l’opportunità offerta dalla costruzione congiunta dell’iniziativa della Nuova via della Seta.
Inoltre, Cina e Nepal hanno bisogno di aumentare gli investimenti bilaterali e il commercio e di promuovere uno sviluppo equilibrato e sostenibile del commercio bilaterale. Xi ha anche espresso la sua speranza che la Cina e il Nepal arricchiscano gli scambi tra i popoli e migliorino la cooperazione nel turismo, nella cultura, nello sviluppo della gioventù, nei media, nonché nella cooperazione locale.
La Cina è disposta a lavorare con il Nepal a collaborare di più sotto il quadro multilaterale nelle Nazioni Unite, e a coordinarsi di più su questioni come cambiamento climatico e sviluppo sostenibile.
La Cina un vicino amichevole, ha detto Dahal e il Nepal apprezza il suo sostegno, in particolaredopo il terremoto del Nepal nel 2015.
Il Nepal aderisce alla politica di una sola Cina e non permetterà ad alcuna forza di condurre attività anti-cinesi in territorio nepalese, ha detto Dahal.
Il primo ministro ha poi detto che il Nepal è disposto a lavorare con la Cina per cooperare maggiormente su commercio, investimenti, trasporto, infrastrutture, turismo, aviazione e scambi turistico-culturali.
Dahal ha detto che il Nepal apprezza il ruolo importante e positivo della Cina negli affari internazionali ed è pronto ad avere uno stretto coordinamento e una efficace cooperazione con la Cina negli affari internazionali e regionali.

http://www.agcnews.eu/cina-pechino-e-kathmandu-unite-dalla-nuova-via-della-seta/

Nessun commento:

Posta un commento