Il PROTEZIONISMO diventa il soggetto spinto dalla DEFLAZIONE ordo-liberista

Il PROTEZIONISMO diventa il soggetto spinto dalla DEFLAZIONE ordo-liberista
La ragione di ciò sta nel fatto che la cuspide del potere di queste due nazioni (Francia e Germania) comprende benissimo che la crisi strutturale di quei capitalismi perdura, si accresce, e non è domata dalla retorica europeista. La deflazione ordo-liberista erode i margini, fa scendere i tassi di profitto, rende più difficile la circolazione del capitale fisso e la finanza può far crescere qualche rendita, ma non crea lavoro, né prospettive per il giovane proletariato franco-tedesco. La circolazione del capitale si blocca e allora si ricorre al naturale e normale espediente che è il protezionismo. Ma questo scardina le basi stesse della struttura tecnocratica europea. Butta nel fango i trattati di Maastricht e di Lisbona, trasforma in canzoni da melodramma le recite neo liberiste. Giulio Sapelli http://www.ilsussidiario.net/News/Economia-e-Finanza/2017/8/27/GEO-FINANZA-Dalla-Cina-alle-cicale-la-Germania-prepara-il-terremoto-dell-Ue/779737/

L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

mercoledì 19 dicembre 2018

Gli ebrei nelle terre di Palestina sono un cancro da estirpare - i sionisti annichiliscono il popolo palestinese togliendogli case, scuole, acqua, terre



Una legge proposta dal partito dell’ultra-destra israeliana, Casa Ebraica (che fa riferimento a Naftali Bennet), mira a legalizzare 66 insediamenti costruiti negli ultimi 20 anni dai coloni in Cisgiordania.
Israele e gli insediamenti

La legalizzazione delle colonie sarebbe provvisoria: entro due anni Tel Aviv dovrà poi stabilire se sarà definitiva (per tutti o parte degli insediamenti).

Il progetto è stato avanzato in un momento più che drammatico per Israele, che vede il sangue dei suoi cittadini versato a seguito di un’improvvisa escalation del Terrore in Cisgiordania, dopo anni di relativa pace.

Mordechai Kremnitzer, su Haaretz, muove una durissima critica al provvedimento, che secondo il cronista lede non solo il diritto internazionale, ma anche la sicurezza dello Stato di Israele.
Gli strali di Haaretz

Le critiche del cronista si appuntano in particolare sulla tempistica scelta, come indica in maniera esplicita il titolo dell’articolo: “Legalizzare gli avamposti: il governo Netanyahu cerca di trarre profitto dagli attacchi nella West Bank”.

Per Kremnitzer la proposta tende a “rafforzare il controllo ebraico sulla Cisgiordania a spese dei palestinesi. E non si scoraggia nemmeno davanti all’orribile legame tra il sangue innocente e il rafforzamento del progetto di insediamento, come se il primo fosse una condizione per quest’ultimo”.

Secondo Kremnitzer, il partito di Bennet con questa legge cerca di conquistare il consenso dell’ultradestra, molto forte in Israele ma soprattutto tra i coloni, in una gara contro la destra più tradizionale che fa riferimento al Likud.

Il cronista di Haaretz rammenta il “veemente” contrasto che il disegno di legge ha incontrato presso il Procuratore generale Avichai Mendelblit, col quale il governo avrebbe ingaggiato “una resa dei conti finale”, minandone del tutto l’autorità.
L’irreversibilità del temporaneo

E aggiunge che la legge, seppur temporanea, sarebbe, de facto, “irreversibile”. “Non c’è nulla di più permanente della natura temporanea di questo disegno di legge – scrive Kremnitzer – dal momento che se diventerà legge, in pratica porterà alla legalizzazione di tutto ciò che è stato costruito illegalmente”.

Ancor più dure le considerazioni successive: “Per decenni, sin dal primo rapporto Yehudit Karp del 1982, che ha affermato per la prima volta che i coloni che danneggiano i palestinesi godono di un’immunità di fatto nei procedimenti penali, c’è stato un serio dubbio sul fatto che il governo di Israele in Cisgiordania sia basato su uno stato di diritto”.

Il disegno di legge attuale, continua il cronista, “chiarisce che per questo governo non esiste uno stato di diritto, ma la regola del furto. È anche chiaro che legittimare la violazione delle legge avvenuta in passato invita a violare altre leggi in futuro”.

E “la legge che serve a proteggere i diritti fondamentali diventerà invece uno strumento per indebolirli, dal momento che è basata sulla discriminazione tra ebrei e arabi, tra coloro che si considerano i signori di tutto il Paese e coloro che sono considerati da loro alla stregua di trasgressori della legge, anche sulla propria proprietà”.
La legge del Terrore

“La confisca della terra palestinese da parte degli israeliani – conclude Kremnitzer -, minando i diritti alla proprietà privata e distruggendo la possibilità di creare uno Stato palestinese, è un chiaro fattore di incoraggiamento al terrore”.

Abbiamo riportato ampi brani dell’articolo perché ci appariva significativo dell’accesa controversia sul destino della Palestina che dilania la società e la politica israeliana.

Tanto accesa che i toni dello scritto, come si può notare, appaiono simili a certe critiche estreme che, dall’estero, sono portate al governo israeliano.

Finché in Israele ci sarà posto per queste opinioni e per queste critiche, vuol dire che la causa palestinese, di uno Stato palestinese accanto a quello israeliano, non è ancora defunta, nonostante tanti siano i macabri segnali in tal senso.

http://piccolenote.ilgiornale.it/38376/israele-legalizzazione-colonie

Nessun commento:

Posta un commento