Il PROTEZIONISMO diventa il soggetto spinto dalla DEFLAZIONE ordo-liberista

Il PROTEZIONISMO diventa il soggetto spinto dalla DEFLAZIONE ordo-liberista
La ragione di ciò sta nel fatto che la cuspide del potere di queste due nazioni (Francia e Germania) comprende benissimo che la crisi strutturale di quei capitalismi perdura, si accresce, e non è domata dalla retorica europeista. La deflazione ordo-liberista erode i margini, fa scendere i tassi di profitto, rende più difficile la circolazione del capitale fisso e la finanza può far crescere qualche rendita, ma non crea lavoro, né prospettive per il giovane proletariato franco-tedesco. La circolazione del capitale si blocca e allora si ricorre al naturale e normale espediente che è il protezionismo. Ma questo scardina le basi stesse della struttura tecnocratica europea. Butta nel fango i trattati di Maastricht e di Lisbona, trasforma in canzoni da melodramma le recite neo liberiste. Giulio Sapelli http://www.ilsussidiario.net/News/Economia-e-Finanza/2017/8/27/GEO-FINANZA-Dalla-Cina-alle-cicale-la-Germania-prepara-il-terremoto-dell-Ue/779737/

L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

martedì 18 dicembre 2018

NoTav - gli industrialotti, a cui è bene ricordare già diamo 30 miliardi anno tra agevolazioni contributi ed altro, pensano che sviluppo è fare un buco in una montagna, euroimbecilli fino in fondo. Energia pulita dall'eolico offshore si concentrassero lì per essere indipendenti ed autonomi. Significa fare gli Interessi Nazionali


L’editoriale –
Movimento ‘No Tav’, l’ultima frontiera di civiltà
Dic 17, 2018

Un’opera inutile per l’economia e dannosa per l’ambiente piace a destra e a sinistra: gli affari sono bipartisan. Aiutare i ‘No Tav’ significa dare una mano a noi stessi 

VALSUSA – Perché un’opera inutile per l’economia e dannosa per l’ambiente piace tanto a destra e sinistra? La risposta affonda le sue radici indietro nel tempo. E forse, in molti, si sono dimenticati che il primo accordo Italia-Francia per costruire l’Alpetunnel ferroviario è datato 1990. Allora il commercio fra le due nazioni era fiorente e il treno era considerato il mezzo più idoneo per trasportare merci e persone, accorciando i tempi. Sono passati ventotto anni e nel frattempo il commercio Italia-Francia è diminuito di circa dodici volte, oltre a non considerare che le persone, oggi, si spostano in aereo. La convenienza del ‘Tav’, il treno super veloce, è stata spazzata via dalla storia e dal progresso. Eppure qualcuno insiste ancora nel sostenere che bucare una montagna con un cuore di uranio è una buona idea, che la protesta della Valsusa è la solita sceneggiata di chi dice ‘No’ a tutto, che senza costruire quella maledetta ferrovia l’Italia sarà tagliata fuori dal resto dell’Europa. Balle.

Il movimento ‘No Tav’ è forse l’ultima frontiera di civiltà. E rappresenta il modo più intelligente di manifestare il dissenso. I cittadini della Valsusa – ai quali nel corso di un decennio hanno fatto digerire la variante della ferrovia, quella del raccordo autostradale e l’esproprio delle case, pagate con un ventennio di ritardo – si sono prima documentati, hanno formato pool di esperti, hanno redatto studi di tipo ambientale ed economico, hanno incessantemente chiesto il confronto con la politica, venendo sempre ignorati. Alla fine sono scesi in piazza, quando nel 2003 il governo Berlusconi militarizzò la Valsusa, spendendo l’esercito in montagna e cominciando a ipotizzare il reato di terrorismo nei confronti di inermi cittadini, il cui unico torto è quello di difendere un territorio dalla devastazione. A quei tempi, assieme ai manifestanti, c’era la Lega Nord. Che oggi ha cambiato idea, sostiene il ‘Tav’ e non ha mai spiegato perché (Salvini è un falso ideologico e come fanno questi ha tradito, tradisce, tradirà, Tsipras docet).

Ma chi volesse capirci un po’ di più, almeno una cosa, la può fare: leggere i nomi di chi ci guadagna. A cominciare dalle cooperative rosse dell’Emilia Romagna, che si accaparrarono i primi studi sull’impatto ambientale, per proseguire con l’ex ministro ‘berlusconiano’ Pietro Lunardi, titolare delle infrastrutture e, nel contempo, a capo di una delle più grosse società di progettazione. Nell’affare ‘Tav’ entrarono tutti: aziende in orbita Pd, aziende in orbita Pdl e aziende in orbita Forza Mafia, perché nel cantiere di Chiomonte arrivò pure la ‘ndrangheta con una società riconducibile alla cosca Gallace.

Ecco, forse adesso è più facile comprendere perché c’è gente disposta a tutto pur di bucare una montagna e farci correre un treno semi vuoto. Allora, eticamente, tutti dovremmo stare con la Valsusa. Semplici cittadini, giovani e anziani, studenti, imprenditori e liberi professionisti sono quasi riusciti, soli contro tutti, a vincere una battaglia impossibile. Mancano pochi passi per tagliare il traguardo. Diamo loro una mano. La daremo anche a noi stessi.

http://liberastampa.net/leditoriale-movimento-notav-ultima-frontiera-civilta/

Nessun commento:

Posta un commento