Il PROTEZIONISMO diventa il soggetto spinto dalla DEFLAZIONE ordo-liberista

Il PROTEZIONISMO diventa il soggetto spinto dalla DEFLAZIONE ordo-liberista
La ragione di ciò sta nel fatto che la cuspide del potere di queste due nazioni (Francia e Germania) comprende benissimo che la crisi strutturale di quei capitalismi perdura, si accresce, e non è domata dalla retorica europeista. La deflazione ordo-liberista erode i margini, fa scendere i tassi di profitto, rende più difficile la circolazione del capitale fisso e la finanza può far crescere qualche rendita, ma non crea lavoro, né prospettive per il giovane proletariato franco-tedesco. La circolazione del capitale si blocca e allora si ricorre al naturale e normale espediente che è il protezionismo. Ma questo scardina le basi stesse della struttura tecnocratica europea. Butta nel fango i trattati di Maastricht e di Lisbona, trasforma in canzoni da melodramma le recite neo liberiste. Giulio Sapelli http://www.ilsussidiario.net/News/Economia-e-Finanza/2017/8/27/GEO-FINANZA-Dalla-Cina-alle-cicale-la-Germania-prepara-il-terremoto-dell-Ue/779737/

L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

mercoledì 26 dicembre 2018

NoTav - solo dei veri imbecilli possono pensare che un buco in una montagna in attesa da trent'anni sia considerato sviluppo

Ma la Tav è un miraggio

Riccardo Humbert 16:22 Mercoledì 26 Dicembre 2018 0


L’idea che l’unico volano di sviluppo per Torino sia costituito dalla costruzione del (o della) Tav è da ottusi incoscienti o da scaltri. Il solo pensiero che un’opera che, nella migliore delle ipotesi, vedrà la luce fra vent’anni possa ribaltare le sorti del declino della città è penosamente infantile; scaltra, invece, è quella minoranza di cementificatori, finanzieri e politicanti che dall’inizio dei lavori trarrebbero profitti inimmaginabili. Torino deve invertire la rotta ora e subito, dimenticando il miraggio di quel treno. Il Politecnico di Torino sforna cervelli eccelsi che vengono immediatamente precettati da società straniere, bisogna tenerli qui, incentivarli in modo serio senza umiliarli economicamente e professionalmente come accade ormai da tempo in questa povera nazione.

La città ha bisogno di infrastrutture sostenibili, metropolitane, servizi, sinergia con le montagne, non la loro distruzione. La maggior parte dei metropolitani mesmerizzati dall’idea della Tav ignora la realtà montana, la percezione della natura di chi vive sul cemento e sul catrame è tragicamente verificabile quando arrivano nelle nostre valli con i loro tic e le loro manie e basta fare un giretto nei nostri boschi e nei nostri sentieri a fine agosto per verificare quale sia la loro sensibilità nei confronti della natura. Il discorso non vale per tutti, è vero, purtroppo però sono proprio i più incoscienti a fare i danni più visibili. Del resto la consapevolezza che, in caso di Tav, la valle di Susa sarebbe spacciata è ormai un dato di fatto. Pensate che se si dovesse costruire il buco i treni - e soprattutto il Tgv – non transiterebbero più dalla linea storica e dunque non fermerebbero più a Oulx, snodo ferroviario naturale per il turismo invernale della Via Lattea. Però si arriverebbe a Lione un quarto d’ora prima, magari su un carro merci, e se proprio qualche francese volesse andare a sciare a Sauze d’Oulx dovrebbe prendere il treno, scendere alla Stazione Internazionale di Susa (Si farà? Non si farà?), prendere un trenino per Bussoleno, prenderne un altro per Oulx, godersi le stazioncine di Meana, Chiomonte, Exilles (ma solo di passaggio) e Salbertrand, scendere a Oulx dove, un’oretta dopo l’arrivo, lo attenderà un piccolo autobus (ma 4x4) che lo porterà alla ridente località sciistica. Da Parigi a Susa in tre ore e mezzo, da Susa a Sauze solo quattro... eh beh, bisogna aspettare le coincidenze! Del resto il (o la) Tav è fatto per collegare Parigi con Milano.

Anche la favola di Torino è un falso scopo. Dunque la Val di Susa rispetta la sua antica vocazione: è un corridoio, solo che Annibale non si ferma più e i suoi elefanti barriscono inascoltati sui carri “modhalor” che, a poco più di cento chilometri all’ora, rallentano i Tgv nei 57 chilometri di un tunnel in cui, comunque, non potrebbero mai sfogare i loro 300 chilometri orari. Nel frattempo, dopo venti anni, le polveri sottili di Susa avrebbero adempiuto le profezie di Ltf (diventata poi Telt) secondo le quali ci sarebbe stato un aumento tra il 10 e il 15 per cento della malattie circolatorie e cardiovascolari tra le fasce più deboli della popolazione: vecchi e bambini. Un vero esempio di come la vita umana venga prima del profitto!

In attesa di tutto ciò (la rinascita di Torino grazie al(la) Tav, la costruzione della stazione di Susa, dello svincolo di Chiomonte, delle palafitte di Salbertrand, dell’abbattimento degli elefanti di Annibale) noi in valle ci esercitiamo quotidianamente al “rally della Dora” tra semafori, pit-stop, gimcane, rasette con Apecar. Si svolge ogni giorno tra Susa e Oulx. Ultimamente, inoltre, è stato introdotto il concorso “evita il Caterpillar”. È un gioco molto divertente che consiste, durante il transito a senso unico in un cantiere stradale, nell’evitare il contrappeso del Caterpillar che, proditoriamente, attende la tua vettura per ruotare su se stesso proprio mentre gli passi accanto. La scarica di adrenalina è assicurata. Tanti metropolitani si chiedono, divertiti, che cosa stiano facendo tanti omini gialli lungo le strade e spesso li assimilano ai “gilet jaune” francesi. Qualcuno torna indietro, qualcuno si ferma nei bar dei paesi e chiede: “Ma cosa stanno facendo?”. È facile: mettono tubi. Tubi con acqua, tubi con cavi elettrici, tubi con fibra ottica perché si sa, noi saremo solo un corridoio, ma un corridoio tecnologicamente molto avanzato.

http://www.lospiffero.com/ls_ballatoio_article.php?id=2813

Nessun commento:

Posta un commento