L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

venerdì 11 gennaio 2019

Gli ebrei nelle terre di Palestina sono un cancro da estirpare. Come i topi rosicchiano il formaggio così i sionisti ebrei rosicchiano pezzetti di terra alla Palestina


Israele crea piano per annettere 139 dunams di terre palestinesi vicino a Ramallah 

News - 11/1/2019

Ramallah, IMEMC – Il Centro di ricerca sulla terra nella Gerusalemme occupata ha riferito che il ministero delle F2inanze israeliano ha autorizzato un piano per annettere illegalmente quasi 139 Dunams di terre palestinesi nel villaggio di Dir Dibwan, ad est di Ramallah, in Cisgiordania, per costruire nuove strutture colonialiste. 

Il centro di ricerca ha affermato che il nuovo piano mira a costruire le strutture su terre palestinesi nei bacini n. 32 e 33 di Dir Dibwan. 

Più dettagliatamente, il piano mira a collegare la colonia di Ma’ale Mikhmas con quella di Mitzpe Dani, secondo quanto aggiunto dal centro. 

Il centro ha anche affermato che il nuovo piano ha designato quasi 48 dunams di terra per gli edifici pubblici, 26 dunams per la pavimentazione di strade ad uso esclusivo di coloni, 15 dunam da utilizzare come parco, oltre ad altri terreni che saranno usati per negozi e parcheggi.

Nessun commento:

Posta un commento