L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

domenica 28 aprile 2019

La Russia costruisce un'autostrada tra Shanghai ed Amburgo


La Russia costruirà un’autostrada che collegherà la Cina all’Europa

APR 27, 2019 

Non poteva esserci progetto migliore per coinvolgere direttamente la Russia nella Nuova Via della Seta. La Cina ha subito approvato Meridian, il piano infrastrutturale pensato da Mosca per collegare l’Asia all’Europa. Più nel dettaglio si tratterà di costruire un’autostrada che collegherà Shanghai ad Amburgo. Un ponte per unire, non solo simbolicamente, Oriente e Occidente.
La Russia nella Nuova Via della Seta

La Russia, fin dalle prime battute della Belt and Road, era un partner di primo livello di Xi Jinping. Il Paese risultava infatti tra i partner iniziali della Cina. Il rapporto rispondeva a una Comprehensive strategic partnership of cooperation. Mosca aveva un ruolo chiave da un punto di vista strategico, ma non le erano mai state proposte funzioni attive. Ebbene, il vento è cambiato di pari passo con il rafforzamento dei legami tra Russia e Cina.

Costi e finanziamenti

Meridian consisterà di 2.000 chilometri d’asfalto tra Shanghai e Amburgo, passando per Kazakhstan e Bielorussia. I lavori partiranno a giugno e dovranno essere completati entro il 2024. Questi sono gli ordini del Cremlino, che intende entrare di peso all’interno nel gigantesco sistema infrastrutturale ideato dalla Cina. Il finanziamento di una simile opera potrebbe in parte essere coperto da Pechino. Ne sono una parziale conferma i 9,7 miliardi di dollari prestati dalla Banca per lo Sviluppo della Cina alla Banca statale russa per lo Sviluppo. Parte di questa somma sarà presumibilmente destinata al progetto Meridian. Il costo totale per alcune fonti si aggirerebbe intorno agli 8 miliardi di dollari, per altre9,1.

Chi investirà nel progetto

La proposta russa nasce da Aleksandr Ryazanov, uomo d’affari che in passato ha ricoperto importanti mansioni per Gazprom. Ryazanov adesso ha in mano la Russkaya Holdinhovaya Kompaniya, la quale possiede l’80% del terreno su cui passerà l’autostrada. In ogni caso sarà solo un azionista di minoranza. Ci saranno dunque altri investitori – oltre alla Cina – che saranno ripagati dalle attività che sorgeranno l’ungo l’autostrada. Alberghi, negozi e il pedaggio di chi deciderà di transitarci.

Vantaggi reciproci

Se la Russia guarda ai ritorni economici sopra citati, la Cina pensa ancora più in grande. L’utilità di Meridian è vitale per i tir che devono trasportare merci da qui all’Europa. Con una simile autostrada il tempo di transito si ridurrebbe notevolmente. Il progetto – non il primo proposto dalla Russia – , inoltre, creerà circa 3.500 posti di lavoro e nuove infrastrutture in zone poco sviluppate. E si tratta solo del primo passo per rafforzare il matrimonio tra Mosca e Pechino.

http://www.occhidellaguerra.it/la-russia-costruira-unautostrada-colleghera-la-cina-alleuropa/

Nessun commento:

Posta un commento