L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

mercoledì 1 maggio 2019

Venezuela - John Bolton, che ha ammesso che la destabilizzazione in Venezuela è pianificata e sostiene il cambio di governo in tutti i modi

Cosa si sa dei militari golpisti in Venezuela?



All’alba di questo martedì un piccolo gruppo di soldati in Venezuela si è ribellato, in complicità con l'estrema destra. Alcuni hanno sostenuto di essere stati ingannati dai loro superiori, ma altri 25 hanno compiuto un vero e proprio tradimento.

La destra e il governo degli Stati Uniti hanno cercato di imporre la narrazione che non si tratta di un golpe, ma di "un'azione militare per ripristinare il filo costituzionale in Venezuela". Cioè, per lanciare un nome alternativo al rovesciamento di un presidente eletto con il voto popolare, Nicolás Maduro.

Il nome "colpo di Stato" non è nel vocabolario del Consigliere per la Sicurezza Nazionale degli Stati Uniti, John Bolton, che ha ammesso che la destabilizzazione in Venezuela è pianificata e sostiene il cambio di governo in tutti i modi.

Il gruppo di ribelli armati ha sostenuto l'assedio dell'opposizione alla base aerea di La Carlota, ma non solo con slogan, pentole e buone intenzioni, come i media di destra hanno storicamente voluto narrare.

I militari ribelli avevano nastri blu che li differenziavano e sparavano, ai militari intenti a difendere gli interessi del popolo, così come il gruppo di manifestanti violenti che erano presso il distributore Altamira, un tratto veicolare nella parte orientale della capitale.

I militari non erano i soli armati.

Anche l'opposizione era armata e faceva parte degli scontri con l'obiettivo di entrare o prendere la base di La Carlota, un obiettivo che non raggiunto perché respinti dalle Forze Armate.

Nel pomeriggio, il governo brasiliano ha confermato che ha approvato l’asilo nella sua ambasciata ai 25 soldati, che sono di basso rango, nessun generale o ufficiali di alto grado.

(Traduzione de l'AntiDiplomatico)
Notizia del: 01/05/2019

Nessun commento:

Posta un commento