L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

sabato 8 giugno 2019

Roma merita rispetto da parte di tutti

Roma, Virginia Raggi contro i “turisti incivili”

8 Giugno 2019 di Lavinia Nocelli



Multe pagabili attraverso il pos e maggiori controlli: la sindaca di Roma Virginia Raggi dice stop ai comportamenti vietati nella capitale.

La sindaca di Roma Virginia Raggi si scaglia contro i “turisti incivili“. Stop a comportamenti barbari e condotte vietate nella capitale, Roma non è un far west: più sanzioni pagabili attraverso il pos. E si appella agli ambasciatori cercando solidarietà: “Questo è un primo step. Poi vedremo insieme come svilupparlo.” 

Stop all’inciviltà


“Ho iniziato a scrivere agli ambasciatori per segnalare le condotte dei loro concittadini che hanno causato danneggiamenti al nostro patrimonio o che sono stati protagonisti di condotte vietate come i bagni nelle fontane. Questo è un primo step. Poi vedremo insieme come svilupparlo.” Virginia Raggi, prima cittadina di Roma, è intervenuta così nella sede del comando generale dei vigili durante la presentazione del nuovo regolamento di Polizia locale, approvato dall’assemblea capitolina. Al centro del mirino i “turisti incivili“: stop a comportamenti barbari e condotte vietate nella capitale. Roma accoglie tutti, ma non è un far west. E per farlo si appella agli ambasciatori, cui chiede maggior severità e più controlli: attraverso una lettera coglie l’occasione per richiamare un problema piccolo, ma di essenziale importanza.

“Ritengo fondamentale – ha aggiunto la sindaca – far capire agli ambasciatori che ci sono specifici comportamenti che devono essere isolati e stigmatizzati per non creare un sentimento di distanza tra cittadini e turisti, che non ha motivo di esistere. Sono pochi episodi che vanno però condannati. Roma è e sarà sempre accogliente, ma non vuol dire tollerare comportamenti vietati, danni e imbrattamenti della nostra città. Credo che avviare un rapporto con gli ambasciatori sia un modo molto rispettoso per veicolare un messaggio anche oltre i nostri confini.”
 
Multe e sanzioni

Più multe e sanzioni quindi, ma con un nuovo sistema di pagamento: il pos, da parte di tutti i turisti. “Sulle sanzioni sarà a breve approvata in Giunta una delibera – ha annunciato la prima cittadina di Roma -. Sappiamo che con i turisti spesso è difficile riscuotere i soldi e, per questo, rilancio la possibilità di pagamento delle sanzioni attraverso il pos” ha concluso la Raggi.
 

Nessun commento:

Posta un commento