L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

domenica 28 luglio 2019

La 'ndrangheta dilaga in Italia - Fratta Polesine

FRATTA POLESINE
L'ombra della 'ndrangheta in città

La Prefettura di Verona mette nel mirino un imprenditore che ha una attività anche in città


27/07/2019 - 09:12

C'è l'ombra della 'ndrangheta, quantomeno a livello di possibilità di infiltrazione di stampo 'ndranghetista, la mafia di origine calabrese, a Fratta Polesine. Una novità scioccante, ma che viene ufficializzata dalla Prefettura di Verona, che ha emesso una interdittiva antimafia a carico di un imprenditore impegnato in varie attività e società, una delle quali, appunto, anche nella città del Medio Polesine. L'uomo, infatti, sarebbe vicino, secondo le risultanze degli approfondimenti raccolti dagli investigatori, a una delle famiglie di riferimento della 'ndrangheta, le cosiddette 'ndrine.

La interdittiva antimafia è un meccanismo distinto da un procedimento penale, al quale, comunque, ben può sovrapporsi. Si tratta di un iter che viene gestito dalla Prefettura e che ha lo scopo principale di escludere da bandi e appalti imprese che possano essere state infiltrate dalla malavita organizzata, che le utilizza per massimizzare i propri profitti o per attività quali il riciclaggio.

Nessun commento:

Posta un commento