L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

sabato 28 dicembre 2019

Energia pulita - è sull'idrogeno verde che bisogna investire

Ecco perché l’ idrogeno ha un grande futuro (su cui scommette anche l’Italia)

27 DICEMBRE 2019


Secondo l’Hydrogen Council, un organo consultivo globale a livello di CEO, per raggiungere una economia di scala nell’idrogeno occorreranno investimenti compresi tra 20 e 25 miliardi di dollari all’anno per un totale di 280 miliardi di dollari fino al 2030.

L’idrogeno ha un grande potenziale ma deve affrontare le sfide dell’economia di scala e delle produzione per diventare il carburante ecologico del futuro. È quanto scrivono Jeffrey McDonald e Andrew Moore di S&P Global Platts.

DOMANDA TRIPLICATA DAL 1975

La domanda mondiale di idrogeno è più che triplicata dal 1975, secondo le stime dell’Agenzia Internazionale per l’Energia (AIE). Ma quasi tutto l’elemento è prodotto da combustibili fossili, prevalentemente gas naturale, e la produzione emette ogni anno una quantità di CO2 equivalente alle emissioni di anidride carbonica del Regno Unito e dell’Indonesia messe insieme. Ecco perché gli scienziati chiamano questo tipo di idrogeno “grigio”, in quanto prodotto attraverso combustibili fossili, non a zero emissioni.

IL GAS PRINCIPALE FONTE DI PRODUZIONE DELL’IDROGENO

A livello globale, il gas è attualmente la principale fonte di produzione di idrogeno: rappresenta i tre quarti della produzione annuale del mondo, secondo l’Aie. Negli Stati Uniti, che produce quasi un settimo dell’offerta globale, il 95 per cento è attualmente prodotto attraverso il gas naturale. Questo non è solo perché il gas è abbondante negli Usa, ma soprattutto perché tale produzione è attualmente molto più economica rispetto alla procedura tramite elettrolisi.

PER ORA PRODUZIONE DI IDROGENO A BASSE EMISSIONI È COSTOSA

Il cosiddetto “idrogeno verde” prodotto da fonti di energia rinnovabili tramite elettrolisi è infatti un concetto promettente, ma aumentare la produzione di tale combustibile a emissioni zero rappresenta una sfida. Secondo l’Aie, “sono necessari progetti di elettrolisi più grandi per dimostrare uno scale-up accelerato”. In sostanza, la produzione di idrogeno da fonti a basse emissioni di Co2 è costosa in questo momento, mentre lo sviluppo di infrastrutture per questo combustibile , come ad esempio stazioni di rifornimento per le auto a celle a combustibile, è lenta e ciò ne ostacola l’adozione diffusa, secondo il rapporto ‘The Future of Hydrogen’ dell’Aie.

PER L’HYDROGEN COUNCIL OCCORRERANNO INVESTIMENTI COMPRESI TRA 20 E 25 MILIARDI DI DOLLARI ALL’ANNO

Per superare tutte queste barriere, il mondo avrà bisogno, quindi, di molti investimenti e di molto coordinamento e cooperazione tra governi e industrie oltre i confini e i continenti. Secondo l’Hydrogen Council, un organo consultivo globale a livello di CEO, per raggiungere una economia di scala nell’idrogeno occorreranno investimenti compresi tra 20 e 25 miliardi di dollari all’anno per un totale di 280 miliardi di dollari fino al 2030.

Con politiche a lungo termine, di coordinamento stabile e di incentivazione, “attirare questi investimenti per ridimensionare la tecnologia è fattibile”, afferma il consiglio, i cui membri includono major petrolifere come BP, Equinor, Shell e Total, e case automobilistiche tra cui GM, Honda, Hyundai e Toyota.

EQUINOR, SHELL E TOTAL HANNO INCLUSO L’IDROGENO NEI LORO PORTAFOGLI DI ENERGIA ALTERNATIVA

Diverse grandi compagnie petrolifere – come Equinor, Shell e Total – hanno incluso idrogeno e relative ricerche e applicazioni nei loro portafogli di energia alternativa, ma un uso significativo dell’idrogeno su larga scala con emissioni basse o zero nelle industrie pesanti – dove le emissioni sono le più e il più difficile da tagliare – sono anni, se non decenni, di distanza. BP ha affermato che l’idrogeno “blu”, prodotto da gas naturale con cattura e stoccaggio del carbonio (CCS), è attualmente la fonte più economica di idrogeno a basse emissioni di carbonio e ritiene che questa tecnologia potrebbe essere il motore chiave per l’uso diffuso dell’idrogeno stesso.

“L’idrogeno” verde “, prodotto utilizzando energia rinnovabile con elettrolisi dell’acqua, svolgerà un ruolo sempre più importante, in particolare in parti del mondo con un elevato potenziale di energia rinnovabile. Riconosciamo la necessità di dimostrare e ridimensionare entrambe queste tecnologie e stiamo cercando attivamente opportunità ”, ha affermato David Eyton, responsabile della tecnologia del gruppo BP.

ENTRO IL 2050 L’INDUSTRIA DELL’IDROGENO NEGLI STATI UNITI POTREBBE GENERARE FINO A 170 MILIARDI DI DOLLARI DI RICAVI

Lo sviluppo della ricerca e della tecnologia sull’idrogeno nei prossimi decenni potrebbe rendere tale combustibile un’industria multi-miliardaria nei soli Stati Uniti, secondo il think tank sulla politica climatica Energy Innovation. Entro il 2050, l’industria dell’idrogeno negli Stati Uniti potrebbe generare fino a 170 miliardi di dollari di ricavi annui e realizzare profitti combinati di oltre 100 miliardi di dollari, se la domanda di idrogeno come carburante per un veicolo si traduce in veicoli alimentati a idrogeno al 5% su strada in 2050 e se l’idrogeno è prodotto interamente dall’elettrolisi.

E L’ITALIA? L’IDROGENO È SOPRATTUTTO SNAM ED ENI

Anche l’Italia e i big nazionali attivi nel settore energia hanno scommesso sull’idrogeno. In prima fila c’è Snam secondo cui l’utilizzo di tale fonte prodotto tramite rinnovabili come vettore energetico pulito, può essere una risposta ai cambiamenti climatici, ha scritto l’amministratore delegato di Snam Marco Alverà in un intervento pubblicato nell’edizione online del Financial Times. “Le reti del gas esistenti possono aiutare. Gli studi attuali e il progetto pilota di Snam in Italia ci dicono che è possibile sostituire dal 5 al 10% di gas naturale con idrogeno senza investimenti significativi”. Per Alverà l’Europa potrebbe dare vita a una “Airbus dell’idrogeno” mettendo insieme risorse e competenze per far crescere il mercato degli elettrolizzatori, componenti essenziali per generare il combustibile dall’elettricità rinnovabile attraverso l’elettrolisi.

Non è da meno Eni che ha fatto di Marghera l’hub italiano dell’idrogeno. Del progetto dell’ Hydrogen Park di Marghera fanno parte, oltre al Comune di Venezia e alla Città Metropolitana, anche Sapio, Eni, Berengo e Arkema. Il cane a sei zampe, inoltre, assieme a NextChem (Maire Tecnimont), con il consorzio nazionale di riciclo della plastica Corepla e con l’imprenditore bergamasco della rigenerazione Roberto Sancinelli stanno studiando la produzione di idrogeno e di alcol metanolo che verranno estratti dalle plastiche non riciclabili. Sempre Eni, insieme al Comune di Venezia e alla Toyota individueranno la stazione di servizio dove verrà realizzato il punto di rifornimento della fonte che dovrebbe servire le 10 auto Toyota e alcuni bus del servizio di trasporto pubblico veneziano. Infine, c’è in progetto di collegare lo stabilimento petrolchimico Versalis (Eni) di Marghera con la bioraffineria nella prima zona industriale per la fornitura di idrogeno, sottoprodotto dell’impianto cracker, che dovrebbe entrare in servizio prima dell’estate 2021.

Nessun commento:

Posta un commento