L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

venerdì 27 dicembre 2019

Ma come si fa a fidarsi di una società privata che ha sede legale un Paradiso Fiscale?

Che cosa faranno Tesoro, Mps, Ubi e Banco Bpm con Prelios di Palenzona

27 dicembre 2019


Una società statale e Prelios (controllata da un gruppo con sede nel Delaware) con Mps, Ubi e Banco Bpm daranno vita a una piattaforma per gestire crediti unlikely to pay.

Una società statale (Amco) e Prelios srg (controllata da un gruppo con sede nel Delaware) con Mps, Ubi e Banco Bpm daranno vita a una piattaforma per gestire crediti unlikely to pay legati al settore immobiliare.

Amco e il gruppo Prelios hanno sottoscritto con Banca Monte dei Paschi di Siena, Mps Capital Services per le Imprese, Ubi Banca e Banco Bpm un accordo per la creazione di una piattaforma multi-originator per gestire crediti Utp ((unlikely to pay) relativi al settore immobiliare.

CHE COSA FARANNO PRELIOS, AMCO, UBI BANCA, BANCO BPM E MPS

Al progetto verrà data esecuzione mediante un’operazione di cartolarizzazione dei crediti conferiti dalle banche e da Amco (controllata al 100% dal ministero dell’Economia) e l’intervento di un Fondo comune di investimento mobiliare chiuso gestito da Prelios Sgr. Le quote del fondo saranno detenute dalle banche e da Amco presieduta da Alessandro Rivera (direttore generale del Mef) e guidata da Marina Natale, già in Unicredit.

I DETTAGLI SULL’OPERAZIONE

L’operazione, denominata Cuvée, prevede che Amco e il gruppo Prelios – che ha chiuso di recente operazioni di acquisto crediti anche con Intesa Sanpaolo – gestiscano in partnership un portafoglio di crediti Utp small/medium derivati da finanziamenti da 3 milioni a 30 milioni di euro a imprese del settore immobiliare in fase di ristrutturazione o difficoltà finanziaria conferiti dalle banche e da Amco stessa.

IL RUOLO DI AMCO DEL TESORO

La società controllata totalitariamente dal ministero dell’Economia retto da Roberto Gualtieri ha il ruolo di master e special servicer della cartolarizzazione e il gruppo Prelios quello di partner Real Estate, nonché di gestore del fondo attraverso Prelios Sgr, presieduta da Fabrizio Palenzona, già vicepresidente di Unicredit.

IL GRUPPO DAVIDSON DEL DELAWARE

Prelios sgr è controllata al 100% da Lavaredo spa, socio unico di Prelios spa. Lavaredo è una società del gruppo Davidson Kempner Capital Management con sede nel Delaware. Uno schema della ragnatela societaria del gruppo con sede nel Delaware è stata abbozzata di recente dalla trasmissione Report su Rai3:

A causa della crisi, il fondo #Prelios non è riuscita a piazzare sul mercato le palazzine dell'ex villaggio olimpico di Torino
Questo è lo schema di chi sta dietro Prelios. Alla fine si arriva alla Davidson Kempner Capital Management, con sede in Delaware. #Report #Olimpiadi

Nessun commento:

Posta un commento