L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

sabato 7 dicembre 2019

Riorganizzare e assumere è la risposta

POLITICA
Cosa pensa Nicola Gratteri della riforma della prescrizione

08:16, 07 dicembre 2019

Il procuratore di Catanzaro è stato intervistato dal Fatto Quotidiano. "Nessuno si domanda perché fascicoli rimangono fermi negli armadi dei pm e dei giudici per 4-5 anni e anche più"


"Nulla deve essere messo nel congelatore. La riforma deve andare avanti e deve decorrere dal primo gennaio 2020". Così, sulla riforma della prescrizione, si è espresso il procuratore di Catanzaro, Nicola Gratteri, in una intervista a Il Fatto Quotidiano.

"La prescrizione dopo la condanna di primo grado è giusta per tutte le parti del processo, soprattutto per le persone offese che non possono subire una simile mortificazione e non avere alcuna risposta dalla giustizia, spesso dopo anni di attesa e spesso anche per condotte molto gravi che in certi casi hanno portato pure alla morte di un congiunto", dice Gratteri.

Leggi anche

"Quindi, a scanso di equivoci per quello che sto per dire, ribadisco che è bene che questa riforma parta - prosegue - perché c'è tutto il tempo poi per fare modifiche fondamentali per velocizzare le fasi delle indagini preliminari e quella del dibattimento. Ma nessuno si domanda perché fascicoli rimangono fermi negli armadi dei pm e dei giudici per 4,5 anni e anche più. Questa è la mamma di tutte le domande".

Secondo Gratteri, inoltre, "gli effetti del blocco della prescrizione si avranno solo tra quattro anni. La verità è che si continuerà a fare i processi come adesso. Il magistrato sarà costretto a lavorare tantissimo, come sempre", anche se la riforma entrerà in vigore il primo gennaio prossimo. 


Leggi anche
Per Bongiorno sulla prescrizione "siamo alla vigilia di una catastrofe"

Nessun commento:

Posta un commento