L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

martedì 7 gennaio 2020

Il Parlamento iracheno chiedo la Sovranità Territoriale

Mondo
Irak e non solo. Tutte le conseguenze del raid Usa contro Soleimani

di Marco Orioles
6 gennaio 2020



Portata, effetti e incognite del voto del Parlamento dell’Irak che ha chiesto al governo di porre termine alla presenza delle forze armate straniere. Il Punto di Marco Orioles

Le conseguenze dell’uccisione del capo della forza Qods, Qassem Soleimani, si sono dispiegate in tutta la loro gravità nella giornata di ieri mentre migliaia di cittadini iracheni ed iraniani si riversavano nelle strade per rendere l’estremo saluto al feretro del comandante avvolto nella bandiera della Repubblica Islamica.

Dal punto di vista degli Stati Uniti, l’atto sicuramente più grave della giornata è stato il voto con cui il parlamento iracheno – con 170 sì e nessun no – ha chiesto al governo di porre termine alla presenza sul suolo nazionale delle forze armate a stelle e strisce.

Per assumere forza di legge, il provvedimento dovrà attendere la firma del primo ministro Adel Abdul Mahdi che tuttavia, essendo dimissionario, potrebbe non disporre dell’autorità necessaria a far compiere al suo paese un passo così drammatico.

Inoltre, nonostante il linguaggio inequivocabile usato per stilare il testo votato dalla Camera – che domanda “la fine di qualunque presenza straniera sul suolo iracheno” e chiede di “impedire l’uso dello spazio aereo, del suolo e delle acque irachene per qualsiasi motivo” a qualsivoglia esercito straniero – non viene fissata alcuna data per il ritiro delle truppe.

E non è tutto. Se si guarda bene alla composizione del voto di ieri, scopriamo che quasi metà dei 328 membri del Parlamento iracheno era assente, e tra chi non si è presentato in aula spiccavano i rappresentanti delle comunità sunnite e curde, che sulla presenza in Iraq dell’esercito più forte del mondo hanno idee diametralmente opposte rispetto ai connazionali di fede sciita.

Il segnale partito ieri da Baghdad è dunque forte ma ambiguo, perché evidenzia la netta spaccatura in seno alla società irachena tra chi, per le ragioni più varie che non comprendono la sola morte violenta di Soleimani, non vede l’ora di assistere alla partenza degli yankee e chi, al contrario, ritiene la presenza Usa un baluardo contro le ingerenze dell’Iran di cui gli uomini agli ordini di Soleimani sono il simbolo più pregnante.

Indifferente a queste sfumature, Donald Trump ha accolto il voto del parlamento iracheno schiumando rabbia e scagliando un ammonimento dietro l’altro. “Se ci chiedono di andarcene, e non lo faremo in modo amichevole”, ha minacciato il tycoon, “imporremo loro delle sanzioni come non se ne sono mai viste prima (e che) faranno apparire poca cosa quelle contro l’Iran”.

Ricorrendo all’argomento retorico più frequente del suo armamentario, The Donald ha anche avvertito gli iracheni che ci sarà un prezzo da pagare. “Non ce ne andremo”, ha spiegato, “prima che ci ripaghino per tutto”. In Iraq, ha chiarito ad esempio il capo della Casa Bianca, “abbiamo una base dell’aviazione” per costruire la quale l’America ha sborsato “prima che arrivassi io miliardi di dollari”.

Mentre questa rissa si consumava a cavallo degli oceani, piombava come un macigno l’annuncio della Global Coalition contro l’Isis – il poderoso dispositivo militare che Trump ha ereditato da Obama e che conta tra le proprie fila un’ottantina di Paesi – di aver sospeso temporaneamente ogni attività.

Dall’Iran, frattanto, partivano dardi infuocati in direzione degli Usa. Oltre alla diretta dei funerali di Soleimani, i telespettatori hanno potuto assistere al più classico dei riti marziali della Repubblica Islamica inscenato dentro l’aula del parlamento di Teheran, dove i deputati hanno intonato in coro, davanti alle telecamere, “morte all’America”.

Ci ha pensato il consigliere militare della Guida Suprema Ali Khamenei, nel pomeriggio, a tradurre il messaggio: la reazione della Repubblica Islamica all’attacco proditorio degli Usa arriverà molto presto, ha dichiarato Hossein Dehghan, e assumerà la forma di un attacco a “obiettivi militari Usa”.

Altri segnali inquietanti partivano nel frattempo dal vicino Iraq e dal Libano, ossia da altrettanti feudi iraniani. Sul primo fronte, la milizia Kataib Hezbollah – quella presa di mira alla fine dell’anno dai raid dell’aviazione Usa che hanno ucciso una ventina di suoi esponenti – ammoniva l’esercito regolare iracheno a mantenersi a debita distanza – almeno 1 km, si è voluto precisare – dalle basi dove stazionano gli americani. Non vogliamo “scudi umani”, è il significato, quando prenderemo a bersagliare quelle installazioni.

Più a est, sulle rive del Mediterraneo, ci pensava il capo di Hezbollah – creatura prediletta dell’ormai scomparso Soleimani – a promettere vendetta per l’affronto subito dagli Usa, invitando i suoi miliziani a considerare le basi, le navi e i soldati della superpotenza presenti nella regione come dei “legittimi obiettivi”.

Ma i tamburi di guerra che rullavano dal Medio Oriente non hanno intimorito il presidente degli Stati Uniti, che al contrario rilanciava annunciando di aver individuato 52 obiettivi in Iran – nella lista ci sarebbero anche siti culturali – pronti ad essere mandati in cenere se qualcuno compisse la mossa sbagliata.

Lesta è stata allora la replica dei vertici della Repubblica Islamica, con il ministro degli Esteri Mohammad Javad Zarif a definire su Twitter un eventuale attacco a siti culturali come un “crimine di guerra” degno dei tagliagole dell’Isis e il suo collega delle Telecomunicazioni, Mohammad Javad Azari-Jahromi, a bollare Trump come “un terrorista in giacca e cravatta” paragonabile a Hitler e a Gengis Khan.

Ma il passo più radicale compiuto dalla Repubblica Islamica in reazione ai fatti dei giorni precedenti è stato l’annuncio, diramato dal governo nel pomeriggio, che “il programma nucleare iraniano non avrà più limitazioni (…) inclusa la capacità di arricchimento”.

È, insomma, un nuovo passo al di fuori della cornice del JCPOA, l’accordo nucleare del 2015 ripudiato l’anno scorso dall’amministrazione Trump per lo scorno degli ayatollah, cui non è rimasto altro che minacciare di violare il patto – e numerosi passi sono già stati fatti in questa direzione – mettendo tutti sotto ricatto.

Si deve assai probabilmente a questa mossa choc la decisione del nuovo Alto Rappresentante per la Politica Estera dell’Ue, lo spagnolo Josep Borrell, di invitare urgentemente Zarif a Bruxelles. I due si sono anche sentiti per telefono ieri in una conversazione servita al successore di Federica Mogherini per sollecitare l’Iran a “fare esercizio di moderazione” e “evitare ulteriore escalation”.

Peccato che l’Europa possa fare davvero ben poco in questo scontro che la vede ai margini da tutti i punti di vista, e anzi la rende invisa all’America che non ha digerito le attenzioni riservate dal Vecchio Continente ad un paese contro cui gli Usa hanno deciso di regolare i conti una volta per tutte.

Sarà anche per questo che ieri il Segretario di Stato Mike Pompeo, in un’intervista rilasciata a Fox News, ha riservato parole poco commendevoli per gli alleati europei, che non solo sarebbero stati “di poco aiuto” in questa circostanza, ma sembrano proprio non capire che “quello che abbiamo fatto” uccidendo Soleimani “ha risparmiato vite anche in Europa”.


https://www.startmag.it/mondo/irak-e-non-solo-tutte-le-conseguenze-del-raid-usa-contro-soleimani/?ct=t(RSS_EMAIL_CAMPAIGN)

Nessun commento:

Posta un commento