L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

lunedì 6 gennaio 2020

Lavorare meno a parità di stipendio

Lavorare meno allo stesso stipendio si può? In Finlandia la proposta della premier Sanna Marin

5 Gennaio 2020 - 21:39 

In Finlandia la proposta della premier 34 Sanna Marin per portare la settimana lavorativa a 4 giorni da 6 ore ciascuno


Lavorare meno con lo stesso stipendio: un sogno per molti, il prossimo futuro in Finlandia. Questo, almeno, se passerà la proposta della neo-premier Sanna Marin, che ha già generato notevole entusiasmo nel Paese scandinavo.

La premier trentaquattrenne finlandese guida una coalizione di centro-sinistra, i cui cinque partiti hanno tutte donne alla leadership.

Il suo obiettivo? Portare la settimana lavorativa a 4 giorni da 6 ore ciascuno e senza alterazioni nella busta paga.

Finlandia, come Sanna Marin vuole cambiare il mondo del lavoro

Il governo di Marin, che per la predominanza femminile era stato celebrato in tutto il mondo, ha fissato in cima alla propria agenda la proposta sulla rivoluzione del mondo del lavoro.

In Finlandia, attualmente, si lavora 8 ore al giorno per 5 giorni la settimana.

Sanna Marin ha lanciato l’iniziativa nel corso del 120esimo anniversario dello Sdp, il partito dei socialdemocratici di cui è capo. E ha già guadagnato il consenso del Vasemmistoliitto, la sinistra radicale guidata dalla ministra dell’Istruzione Li Andersson.

Quando era ministra dei Trasporti e delle Comunicazioni, Marin aveva dichiarato:

“Una settimana lavorativa di quattro giorni, un giorno lavorativo di sei ore. Perché non può essere il prossimo passo? Otto ore lavorative sono davvero l’unica scelta? Io credo che le persone meritino di passare più tempo con le loro famiglie, i propri cari, gli hobby e altri aspetti della vita, come la cultura. Questo potrebbe essere il prossimo passo della vita lavorativa”.

La settimana lavorativa breve funziona?

Ma può davvero funzionare? La giornata lavorativa di 6 ore si è già rivelata efficace nella vicina Svezia. Dal 2015, Gothenburg (la seconda città più grande della Svezia) ha ridotto le ore lavorative negli ospizi e nell’ospedale municipale, mantenendo invariato lo stipendio dei dipendenti.

Questi ultimi si sono rivelati più felici, più sani e, quindi, più produttivi. Pazienti e ospiti, secondo le statistiche, sono stati più soddisfatti. I costi si sono mantenuti stabili, perché le maggiori assunzioni hanno aumentato le entrate per lo Stato. Al tempo stesso sono diminuiti i giorni di malattia, le pensioni d’invalidità e il tasso di disoccupazione.

Già nel 2003 la formula era stata applicata da Toyota nel suo stabilimento di Gothenburg. I dipendenti hanno quindi lavorato meno e meglio, con un vantaggio anche per i profitti della casa automobilistica.

Un esperimento simile è stato effettuato con successo da Microsoft nella sua sede di Tokyo.

Nessun commento:

Posta un commento