L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

lunedì 6 gennaio 2020

Sovranità Territoriale, via gli Stati uniti dall'Italia - non possiamo avere sul nostro territorio militari che diventano assassini

Omicidio Soleimani: l'Impero colpisce ancora


di Andrea Zhok*

Vorrei dirlo in un modo più mediato e diplomatico, ma faccio davvero fatica a trovare un'espressione che non sia semplicemente una forma vigliaccamente omissiva.

Gli USA hanno agito (non certo per la prima volta) come uno stato terrorista.

L'omicidio odierno del generale iraniano Soleimani non è niente di diverso da un assassinio a sangue freddo, un assassinio per ragioni inesplicite (risibile la motivazione di un'operazione 'difensiva'), e soprattutto ragioni che la dirigenza americana non sente neppure il bisogno di chiarire con qualche scusa raffazzonata.

Molto semplicemente lo Stato che detiene la supremazia militare al mondo e che tiene in pugno l'ONU, e ogni organizzazione internazionale di peso sul piano della politica estera, non sente più neppure il bisogno di cercare scuse farlocche, di agitare qualche buffonesco richiamo ai 'diritti umani' o a un 'diritto internazionale' cucinato in casa, ma ha semplicemente "dato l'esempio":

"Noi possiamo ammazzare chi ci pare, quando ci pare, e per le ragioni che ci pare, senza rischiare nulla."

Tecnicamente è una dimostrazione di imperio, basata sul terrore, qualcosa che nella storia ha caratterizzato le tirannie meno illuminate.
Solo che questa volta si tratta di un atto esercitato da uno Stato, - uno Stato democratico, dicono.

Eravamo in questa situazione effettiva dalla fine della Seconda Guerra Mondiale, ma per lungo tempo le chiacchiere sulla necessità di scegliere il 'male minore' rispetto ad un qualche 'impero del male' avevano dissimulato la realtà. Ora la situazione si è finalmente esplicitata.

(Una sola cosa è ancora incerta. Sono immensamente curioso di vedere come verrà edulcorata la pillola, come verrà creata una bella scusa a beneficio dell'Impero, da parte di quella schiera di scendiletto mediatici, sempre pronti a fare la faccia feroce sui 'diritti umani' per ogni epistassi in Cina, Russia, ecc..)

*Professore di Filosofia Morale a Milano

Notizia del: 04/01/2020

Nessun commento:

Posta un commento