L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

giovedì 27 febbraio 2020

E' guerra vera è guerra totale, niente illusioni - attraverso la polmonite virale gli Stati Uniti dispiegano la strategia della Paura e del Caos contro la Cina


L’economia mondiale in allarme sul coronavirus – con strani echi dell’isteria del Pericolo Giallo del 1880

Riccardo Donat-Cattin 25 Febbraio 2020 , 17:46 

DI JOHN WEEKS


Mentre la nuova pandemia di coronavirus continua a svilupparsi, vengono imposte restrizioni di viaggio in tutto il mondo. La Cina è il bersaglio principale, con vari Paesi tra cui Australia, Canada e Stati Uniti che hanno imposto diverse restrizioni alle persone che hanno viaggiato attraverso il paese in cui è scoppiata l’epidemia. Pechino ha attaccato le restrizioni statunitensi ai cittadini cinesi come “eccessive”, consigliando loro di non viaggiare negli USA.

Riporta alla mente l’isteria del Pericolo Giallo di fine Ottocento e inizio Novecento. Fu usato per giustificare il colonialismo europeo in Asia; mentre in risposta all’afflusso di immigrati asiatici in California, il congresso statunitense approvò nel 1882 il Chinese Exclusion Act per bloccare l’ingresso di persone di origine cinese.

Ovviamente le circostanze oggi sono molto diverse: dove l’isteria del XIX secolo sull’immigrazione asiatica rifletteva un’ansia razzista per le orde di immigrati a basso salario che minavano i mezzi di sussistenza dei bianchi, gli ultimi sviluppi riflettono comprensibili timori sulla diffusione di una nuova malattia infettiva che ha ucciso centinaia di persone. E oltre alla Cina, stiamo assistendo anche all’imposizione di restrizioni di viaggio a paesi come l’Italia, l’Iran e la Corea del Sud.

Eppure, in un interessante parallelo con il Pericolo Giallo, le crescenti paure intorno al coronavirus sono arrivate quando le ansie occidentali sulla Cina avevano già raggiunto nuovi massimi. Si tratta dell’emergere della Cina come potenza globale, una narrazione che si sta formando da decenni.

Il crollo sovietico alla fine degli anni Ottanta ha inaugurato un breve periodo di dominazione degli Stati Uniti. Diversi rivali hanno iniziato a manifestare pretese di influenza globale – in particolare l’Unione Europea (in pratica la Germania), i BRICS e il Giappone – ma la rapida ascesa della potenza economica e militare cinese ha messo fine a qualsiasi illusione di un sistema internazionale multipolare. A due decenni di distanza, nel XXI secolo, il potere globale si è coalizzato in una nuova rivalità bipolare tra Stati Uniti e Cina.

Misurare l’ascesa della Cina

Questi due poteri si sono separati dagli altri in misura impressionante. Alla fine del 2018, l’economia statunitense rappresentava il 22,3% del PIL mondiale, quella cinese il 14,6%, con il Giappone al terzo posto con un lontano 5,4%. Il PIL può essere una scarsa misura del benessere dei cittadini, ma indica con precisione la potenza produttiva, e quindi la capacità di generare hardware militare e ricerca.

Per le esportazioni, le prime due si invertono. La Cina è in testa con 2,5 trilioni di dollari, il 13% del totale globale, con gli Stati Uniti a 1,7 trilioni di dollari. La Germania si colloca al terzo posto con 1,6 trilioni di dollari, ma al quarto posto il Giappone è fermo a meno di un trilione. Le esportazioni forniscono anche una misura del potere militare e politico, con l’eccezione della Germania, che ha trovato utile ridurre al minimo le spese militari a favore della competitività economica dopo la seconda guerra mondiale. Sia questa politica economica che la costituzione della Germania, che mette fuori legge le guerre di aggressione, escludono la nazione come superpotenza, almeno per il prossimo futuro.

Sotto pressione della più grande economia del mondo, nel 2018 il governo degli Stati Uniti aveva un budget militare di 750 miliardi di dollari (3,2% del suo PIL), ben oltre i 237 miliardi di dollari della Cina (1,9%). Nessun altro governo ha raggiunto i 100 miliardi di dollari e solo tre hanno superato i 50 miliardi (Arabia Saudita, India e Regno Unito). Il governo cinese ha comunque schierato il più grande esercito permanente del mondo (seguito dall’India, poi dagli Stati Uniti).

Insieme alle dimensioni dell’economia e alle esportazioni va anche un altro indicatore, peggiorativo, superpotenza: il potere di inquinare. In termini assoluti la Cina ha prodotto più emissioni CO₂ di qualsiasi altro Paese, 9.041 milioni di tonnellate metriche (MMT) nel 2019, con gli Stati Uniti un secondo lontano a 5.000 MMT. Pro capite, gli Stati Uniti superano la Cina con 15,5 tonnellate metriche rispetto a 6,6. Ma gli Stati Uniti non sono il numero uno nella classifica pro capite, una dubbia distinzione che va all’Arabia Saudita (seguita dall’Australia).

Infine, le partecipazioni private all’estero dei diversi paesi hanno di solito tracciato la loro potenza economica e militare, oltre ad indicare la loro fase di sviluppo. I Paesi che emergono dal sottosviluppo lo fanno in parte attirando investimenti privati da Paesi tecnologicamente più avanzati. D’altra parte, quando un paese passa da flussi netti in entrata a flussi netti in uscita, è segno che sta passando dallo sviluppo alla maturità.

Negli ultimi anni l’economia cinese ha raggiunto quest’ultima fase, con deflussi di investimenti per 860 miliardi di dollari e afflussi per 795 miliardi di dollari. Alla fine del 2018, gli investimenti esteri in azioni cinesi superavano ancora di gran lunga le partecipazioni delle società cinesi all’estero. Ma se si include Hong Kong, come fa il ministero del commercio cinese, le due parti del libro mastro sono quasi in equilibrio: Le società cinesi e di Hong Kong detenevano 3.580 miliardi di dollari USA di attività all’estero rispetto ai 3.625 miliardi di dollari USA di partecipazioni estere in Cina e Hong Kong. Questa era ancora lontanamente seconda agli Stati Uniti con 6.476 miliardi di dollari USA in attività all’estero, ma la capitale cinese ha superato di gran lunga quella giapponese e tedesca per un totale di circa 1.650 miliardi di dollari.
Impatti economici

La sfida della Cina al dominio americano aiuta a spiegare tutto, dalla loro guerra commerciale allo scontro sulla sicurezza su Huawei. Spiega anche l’entità della minaccia all’economia globale rappresentata dal nuovo coronavirus. I dirigenti d’azienda cinesi, così come i lavoratori, viaggiano in tutto il mondo, e la più grande fonte di spesa turistica proviene dai visitatori cinesi. Una quarantena efficace sui viaggi in entrata e in uscita dalla Cina sembra difficile, se non impossibile. Come ha avvertito recentemente l’Organizzazione Mondiale della Sanità, la “finestra di opportunità” per contenere l’epidemia si sta restringendo.

Secondo qualsiasi calcolo razionale, le persone che soffrono della pandemia dovrebbero superare di gran lunga il suo impatto economico, anche se quest’ultimo influenzerà direttamente le prime. Nel 2019 l’economia mondiale si è espansa al ritmo del 3%, la Cina al 7% e il resto del mondo al 2,3%. Gli analisti e i leader aziendali prevedono un impatto sostanziale sulla crescita nel 2020, con l’enfasi sulla disponibilità di ricambi auto, la produzione di smartphone e il calo dei prezzi delle materie prime dovuto alla riduzione della domanda.

A mio avviso le stime sono troppo modeste. L’economia cinese potrebbe non avere una crescita e forse subire un calo nel 2020. Se ciò dovesse accadere, il commercio mondiale cadrebbe in negativo come nel 2009, 2015 e 2016, e ne seguirebbe una recessione globale.

Per azzardare una previsione, tutti i principali Paesi europei entreranno in recessione, forse per eguagliare i cali del 2008-09. I mercati finanziari hanno subito un forte calo negli ultimi due giorni, forse perché stanno vedendo quanto velocemente la malattia possa potenzialmente diffondersi nel mondo. In realtà, i rischi economici sono evidenti da alcune settimane. La minaccia della Cina è ben diversa da quella che le nazioni rivali si aspettavano, ma non c’è nulla di falso nel crescente senso di allarme.

John Weeks è Professore Emerito di Economia, SOAS, Università di Londra. È coordinatore del Progressive Economy Forum’s council of economists e membro del Partito Laburista.



25.2.2020

Nessun commento:

Posta un commento