L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

venerdì 28 febbraio 2020

Si sono mangiati i redditi dei lavoratori e ora con una tantum pensano di risollevare l'economia. Se non si mette mano al ripristino e ampliamento dei diritti sociali, se non si smette di privatizzare tutto, facendo arricchire privati che già ricchi sono, se non si rimodella l'economia su come cosa quanto produrre non si va da nessuna parte

Hong Kong: Helicopter Money al via, soldi in regalo a tutti i cittadini

26 Febbraio 2020 - 16:25 

Mesi di proteste ed il Coronavirus stanno mettendo in ginocchio l’economia di Hong Kong. Per risollevare i consumi, il governo ha trovato la formula magica nell’Helicopter Money: regalare soldi ai cittadini.


A fine ottobre si era parlato di “Helicopter Money” nell’Eurozona per rilanciare consumi ed inflazione. Un paio di settimane più tardi l’Helicopter Money è stato citato a proposito dell’acquisto da parte della Federal Reserve di titoli appena emessi (Federal Reserve: prove generali per la monetizzazione del debito?).

Dopo la scena contenuta nella serie “La Casa di Carta”, in cui dirigibili in volo su Madrid lanciano migliaia di banconote sulla folla, oggi si torna a parlare di Helicopter Money a proposito di Hong Kong, dove l’economia è messa in ginocchio da mesi di proteste e ora dall’epidemia di Coronavirus.

Helicopter Money: cosa è

Riesumato nel 2015 dall’ex governatore della Federal Reserve Ben Bernanke, che a sua volta ha ripreso il concetto ideato dal premio Nobel per l’economia Milton Friedman, l’Helicopter Money rappresenta un tentativo estremo di rilancio dell’economia.

Nella pratica, tramite l’Helicopter Money ai cittadini vengono distribuiti soldi in contanti nel tentativo, come detto estremo, di far ripartire inflazione, consumi, e in generale la crescita economica.

Friedman, considerato il padre della teoria monetaria, a fine anni ’60 ha teorizzato l’ipotesi di un elicottero che sorvola una comunità lanciando banconote. Queste, una volta raccolte, avrebbero avuto il merito di far ripartire di consumi e inflazione.

Di recente il discorso è stato ripreso anche dall’ex governatore della Fed di Dallas, Richard Fischer, da Jean Boivin, già vice della Banca del Canada e da Philipp Hildebrand, n.1 della Banca centrale svizzera tra il 2010 e il 2012.

Secondo i detrattori dell’Helicopter Money non è certo che i soldi vengano spesi e, in qualunque caso, l’effetto positivo è destinato ad essere transitorio (finiti i soldi che sono stati distribuiti, la situazione è destinata a tornare alla normalità).

Helicopter Money: via libera di Hong Kong

Per contrastare il doppio effetto recessivo innescato da mesi di proteste e dall’epidemia di Coronavirus, il governo di Hong Kong ha deciso di passare all’azione.

L’esecutivo di Hong Kong ha annunciato che regalerà 10.000 dollari di HK (pari a circa 1.180 euro) in contanti a ciascuno dei sette milioni di residenti permanenti maggiorenni della regione amministrativa speciale.

Ad annunciare lo storico provvedimento, che è anche figlio della necessità di riguadagnare consensi tra la popolazione, è stato il segretario finanziario di Hong Kong, Paul Chan, che ha messo in cantiere uno stanziamento che preleverà dal bilancio annuale.

“Fare buon uso delle nostre riserve per sostenere le aziende e alleviare la situazione delle persone è in linea con le aspettative dei nostri cittadini” ha detto Chan. Tenendo conto di questa misura, il deficit di Hong Kong nell’anno corrente è visto 139,1 miliardi di HK$.

In realtà non è la prima volta che Hong Kong mette in campo misure che fanno riferimento all’Helicopter Money: nel 2011 erano stati distribuiti 6 mila dollari di Hong Kong per abitante mentre nel 2018 un piano destinato alle classi meno abbienti prevedeva un emolumento cash di 4 mila dollari.

Helicopter Money ad Hong Kong: analisti scettici

“Anche se sembra una misura forte, ma voi uscireste a spendere i soldi? La risposta è no”, ha detto Kevin Lai, capo economista di Daiwa Capital Markets.

“I benefici economici saranno marginali, negozi e ristoranti sono in forte difficoltà, e questo non aiuterà”.

Nessun commento:

Posta un commento