L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

mercoledì 4 marzo 2020

I militari siriani respingono l'aggressione turca dei militari

Idlib. L'Esercito siriano ribalta la situazione contro le milizie filo-turche. Recuperata Saraqib. La Russia invia nuovi armamenti


Seppur mancando di artiglieria pesante, distrutta dagli attacchi di Ankara, nella provincia di Idlib, l'esercito siriano con il supporto decisivo di Hezbollah ribalta la situazione contro le milizie filo-turche e riprende il controllo della strategica città di Saraqib e di altre località. Intanto, la Russia invia un nuovo carico di armi, veicoli corazzati e attrezzature, destinato alle truppe siriane per far fronte a quelle distrutte dagli attacchi aerei turchi

Come ha riferito il portale Al Masdar News, l'esercito arabo siriano, insieme a Hezbollah, è riuscito a riconquistare la grande città di Saraqib dopo una lunga giornata di battaglia con ribelli jihadisti e miliziani sostenuti dalla Turchia mella parte orientale della provincia di Idlib.

Supportato da attacchi aerei russi, l'esercito siriano e Hezbollah sono stati in grado di prendere il controllo di Saraqib dopo aver sfondato la principale linea di difesa delle forze nemiche.

Secondo una fonte militare nel nord-ovest della Siria, Le truppe siriane stanno nuovamente combattendo per Saraqib e sta tentando di proteggere l'intera città prima che i miliziani lancino una controffensiva.

Le truppe governative siriane hanno perso la città di Saraqib la scorsa settimana in seguito ad una grande controffensiva da parte dei miliziani sostenuti dalla forza aerea turca.
Inoltre, con il sostegno degli attacchi aerei russi, l'esercito siriano ha lanciato una controffensiva vicino alla città di Kafr Nabl per impedire ai gruppi armati di spingersi a fondo nella regione di Jabal Al-Zawiya, a sud di Idlib.

Intanto, una fonte militare, ha comunicato che l'esercito siriano ha riconquistato le città di Dar Al-Kabira e Hazarin dopo una breve battaglia con il gruppo Fronte di liberazione nazionale (NLF) e i loro alleati jihadisti.

Allo stesso tempo, l'aeronautica russa ha bombardato pesantemente la regione di Jabal Al-Zawiya, colpendo punti di raccolta dei miliziani e le loro postazioni difensive.

La ripresa degli attacchi aerei da parte dell'aeronautica russa nel Governatorato di Idlib ha dimostrato di essere un punto di svolta nella zona, in quanto ha contribuito a respingere le forze nemiche impedendole di riconquistare il terreno che hanno perso nel corso delle ultime settimane.

Per riprendere a piano regime la sua offensiva, l'esercito siriano ha inviato un grosso convoglio di rinforzi al Governatorato di Idlib la scorsa notte dopo che una serie di attacchi dell'avizione turca ha danneggiato pesantemente le strutture militari di Damasco, oltre alla perdita di uomini,

Secondo un rapporto sul campo della Siria nordoccidentale, i rinforzi dell'esercito siriano hanno raggiunto la campagna sud-orientale del Governatorato Idlib la scorsa notte.

Il rapporto riferisce che i rinforzi comprendono moderne attrezzature militari che verranno utilizzate in conformità con gli sviluppi delle condizioni sul campo di battaglia nella regione.

L'arrivo dei rinforzi dell'esercito siriano nella regione sud-orientale di Idlib arriva poco dopo che l'esercito russo ha spedito una grande quantità di veicoli corazzati e tecnici in Siria per aiutare le forze governative nella loro battaglia nella parte nord-occidentale del paese.

Notizia del: 02/03/2020

Nessun commento:

Posta un commento