L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

venerdì 6 marzo 2020

Stati Uniti - se per fare un tampone ci vogliono settimane.... 14 vittime se incide al 3% i contagiati sono 466,6 e non 227

Coronavirus, che cosa succede negli Stati Uniti?

6 marzo 2020


Salgono le vittime da coronavirus negli Stati Uniti. California, Stato di Washington e Florida che hanno dichiarato lo Stato di emergenza. Ma Trump minimizza…

Sale il livello d’allerta negli Stati Uniti a causa del Coronavirus: la Camera ha approvato uno stanziamento di 8 miliardi. Covid-19 ha fatto 14 vittime: la California, lo Stato di Washington e la Florida dichiarano lo Stato di emergenza. Andiamo per gradi.

I NUMERI

Sono 227 i casi di coronavirus confermati negli Stati Uniti. 14, invece, i decessi. La maggior parte delle vittime, scrive The New York Times, hanno alloggiato nella struttura Life Care Center di Kirkland.

Il numero di casi confermati a New York è salito a 22, tra questi c’è un paziente la cui fonte di infezione è rimasta poco chiara.


CALIFORNIA IN STATO DI EMERGENZA

66 i casi in California, che ha dichiarato lo stato di emergenza. “Non si tratta più di una questione limitata a una parte del nostro Stato”, ha affermato il governatore della California Gavin Newsom, che ha aggiunto: “Si tratta di una misura a tutela delle nostre risorse”.

Anche Florida e stato di Washington hanno dichiarato lo stato di emergenza

NAVE BLOCCATA

E’ bloccata in California la nave da crociera Grand Princess della compagnia Princess Cruises, con migliaia di passeggeri a bordo. Sarebbe dovuta rientrare nel porto di San Francisco, ma dopo che 11 passeggeri e 10 membri dell’equipaggio hanno riportato sintomi di coronavirus, le è stato negato l’ingresso. Su quella nave ha viaggiato il 71enne californiano morto a causa dell’epidemia Covid-19. Ed è per questo che ben 62 passeggeri rimasti a bordo della nave dopo quello stesso viaggio sono stati confinati nelle loro cabine per essere sottoposti ai test.

TRUMP MINIMIZZA

Emergenza che non sembra essere così emergenza, però, agli occhi di Donald Trump, convinto che il tasso di mortalità del 3,4% per Coronavirus, riferito dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, sia “falso”, in base ad “un’impressione basata sulle conversazioni che ho avuto con molta gente”, riferisce il presidente.

E per Trump la maggior parte delle persone contagiate “si riprenderà rapidamente, senza neanche vedere il medico”.


8 MILIARDI PER FRONTEGGIARE CORONAVIRUS

Intanto la Camera Usa, scrive The New York Times, ha approvato uno stanziamento di 8,3 miliardi, ma il provvedimento deve ore passare al vaglio del Senato.

Trump, comunque, festeggia su Twitter:
Congress has agreed to provide $8 Billion to fight Coronavirus! This means @CDCgov, @HHSGov, and @DHSgov will have the resources they need to Keep America Safe and keep the risk to workers and families very low. This is great news for our Health, our Economy, and our Nation!

TAMPONI

L’allargarsi dell’emergenza ha portato le autorità federali americane a concedere a tutti coloro che presentano sintomi di fare il tampone per il coronavirus, se il medico è d’accordo, nonostante la capacità di effettuare questi esami sia ancora limitata e ci potrebbero volere settimane prima che i milioni di americani possano essere testati. In attesa si sta spingendo le cliniche e i centri ad escludere altre malattie respiratorie.

“Serve una sorta di cornice entro cui lavorare – sottolinea William Schaffner, infettivoloto della Vanderbilt University – Non ogni paziente che va dal medico con la tosse deve fare il test”.

NEGOZI VUOTI

Mentre alcuni supermercati vengono presi d’assalto, diversi i negozi che iniziano a svuotarsi, si legge sempre su The new York Times.

ALLERTA MASSIMA PER I VIAGGI IN ITALIA

Continua a restare massima, livello 4, l’allerta sui voli verso Lombardia e Veneto. Alcune compagnie aeree stanno riducendo o sospendendo i voli da/per l’Italia (come potete leggere qui).

Nessun commento:

Posta un commento