L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

domenica 22 marzo 2020

Vedremo

Pubblicato: 20 Marzo 2020

(ASI) Roma - “Il MoVimento 5 Stelle è contrario all’utilizzo del Mes, perché da sempre prevede l’attivazione di condizionalità a cui sono sottoposti gli Stati che accedono ai suoi fondi.

E certo non può essere questo il momento di imporre lacci e lacciuoli, considerando che l’Ue si è impegnata a sospendere il patto di stabilità e a usare massima flessibilità nell’applicazione delle norme sugli aiuti di stato e sulla vigilanza bancaria. Inoltre nessuna fuga in avanti è accettabile senza il doveroso, ineliminabile e tempestivo coinvolgimento del Parlamento, che con varie risoluzioni ha già impegnato il Governo a riferire ogni mossa dettagliatamente. Guai a far diventare questa emergenza, innescata dal Coronavirus, come un cavallo di troia per mettere l’Italia in una situazione di ricatto o vaga subordinazione. Il MoVimento 5 Stelle non lo permetterà”. Lo comunicano in una nota Elio Lannutti (M5S), componente della commissione Finanze del Senato e capogruppo pentastellato in Commissione bicamerale di inchiesta sulle banche, e Tiziana Drago (M5S), segretario della Commissione Finanze del Senato.



Nessun commento:

Posta un commento