L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

martedì 28 aprile 2020

Gentiloni un'altro politico che vuole mantenere privilegi prebende nonostante il Progetto Criminale dell'Euro che depaupera gli italiani

Gentiloni, deciderà Italia se usare Mes

'E' uno degli strumenti messi a disposizione dell'Ue'


Redazione ANSAROMA
26 aprile 2020 20:36

"Il Mes è una delle questioni più semplici tra tutte quelle che abbiamo davanti. E' una linea di credito fino al 2% del Pil di ciascun Paese che può essere accesa a una sola condizione: che questi quattrini che vengono prestati siano usati per la spesa sanitaria". Lo ha detto il commissario Ue all'Economia Paolo Gentiloni alla trasmissione Mezz'ora in più di Lucia Annunziata. "Se usarla o no è una decisione che spetta al governo italiano", ha aggiunto. "E' uno degli strumenti che l'Ue ha condiviso e mette a disposizione degli Stati. L'Italia è perfettamente libera se decidere di farne ricorso, non ne farei una tragedia. Non credo sia il tema dirimente anche se capisco le implicazioni nella politica italiana", ha aggiunto Gentiloni.

Nessun commento:

Posta un commento