L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

domenica 26 aprile 2020

La Gran Bretagna e la sua banca centrale fanno sul serio, iniziano gli investimenti strategici

Inghilterra: 40 nuovi ospedali, 50 mila infermieri assunti e la Banca Centrale finanzierà il Tesoro

26/04/2020 ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:40

Il doppio binario della Brexit e dell’emergenza Covid-19 necessitano di un progetto imponente per impedire che la crisi indebolisca Londra. Niente più austerità e la Bank of England si prepara a finanziare direttamente il Tesoro. 


La Banca Centrale d’Inghilterra ha deciso che finanzierà il Tesoro del Regno Unito in maniera temporanea e di breve termine con il fine di: “Supportare le normali funzioni del mercato minimizzando l’impatto immediato del ricorso a fondi addizionali sui mercati monetari”. La notizia, che era già nell’aria da qualche giorno, date le difficoltà riscontrate dal Governo nell’emergenza Covid-19, è stata ufficializzata stamane, permettendo al Tesoro di poter scavalcare i mercati finanziari. Come spiega Il Sole 24 Ore, il Governo estenderà le dimensioni del suo conto presso la Banca, conto che viene chiamato Ways and Means Facility. Di norma tale conto si attesta intorno ai 400 milioni di sterline ma al momento l’Esecutivo non ha annunciato a quanto ammonterà l’aumento

Anche nel 2008, nel pieno della crisi finanziaria, vi fu bisogno di aumentare tale sostegno che arrivò a circa 20 miliardi di euro. Un mese fa il governatore della Banca d’Inghilterra, Andrew Bailey, aveva escluso un finanziamento della Ways and Mean Facility, ma la situazione, che nel Regno Unito va peggiorando, necessita di interventi urgenti. Questa è la seconda misura straordinaria prevista dal Governo. Come riporta Il Fatto Quotidiano, il Governo ha già previsto lo sforamento, con un aumento del debito dal 2,1%, al 2,4% del 2021, fino al 2,8% del 2022. Tradotto in cifre si prevede uno sforamento che può raggiungere 47,6 miliardi nel 2020.

Intanto il Governo ha annunciato 30 miliardi di sterline per la crisi sanitaria e un ingente aumento della spesa pubblica. Una somma che servirà per sostenere le imprese e per i lavoratori autonomi, oltre che per aiutare i presidi ospedalieri. A questi vanno aggiunti altri 6 miliardi per l’assunzioni di 50mila infermieri e la costruzioni di 40 nuovi ospedali nel Paese. In un’altra azione di concerto, il Tesoro e la Bank of England hanno annunciato il taglio di tassi di interesse al minimo storico, allo 0,25%.

Fonte: Il Fatto Quotidiano, Il Sole 24 Ore

Nessun commento:

Posta un commento