L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

venerdì 15 maggio 2020

La diversa strategia della Svezia, che non ha imprigionato i cittadini nelle proprie case. Seconda parte

https://www.progettoalternativo.com/2020/05/la-svezia-una-strategia-per-affrontare.html

LA STRATEGIA DELLA SVEZIA CONTRO LA PANDEMIA: SCUOLE PRIMARIE APERTE E ANZIANI DA PROTEGGERE (SECONDA E ULTIMA PARTE)


(di David Rossi)
13/05/20 

La Svezia non cessa di stupire. Il Paese nordico sta affrontando la crisi attuale con grande coraggio, ma anche con estremo realismo: consiglio di leggere la seconda parte dell’intervista lasciando la parte i pregiudizi italioti frutto di letture di parte.

Stoccolma non ha deciso di lasciar libera la pandemia di fare il suo corso, né ha abbandonato la popolazione al proprio destino. Mentre da noi le cifre effettive delle stragi nelle RSA sono ancora nascoste e le decine di migliaia di morti comporteranno almeno un decennio di processi, la Svezia ammette gli errori e i tantissimi morti nei centri di cura per anziani.

Ringrazio il Ministero della Salute svedese per aver prontamente risposto alle nostre domande.

Il COVID-19 uccide soprattutto negli ospedali e nelle case di cura. Quanti letti e ventilatori avevate all’inizio della pandemia e quanto sono aumentati fino ad oggi?

Abbiamo più che raddoppiato la quantità di letti e ventilatori disponibili in terapia intensiva dall'inizio della pandemia e non abbiamo ancora smesso di investire.

“Il grande dibattito che stiamo affrontando in questo momento riguarda le case di cura per le persone anziane, dove abbiamo registrato focolai devastanti del coronavirus. Ciò comporta il fatto che il tasso di mortalità della Svezia è più alto rispetto ai nostri vicini nordici. Sono in corso delle indagini, perché dobbiamo capire quali raccomandazioni non sono state seguite e perché”, afferma il dott. Tegnell nella sua intervista con Nature. Avete raccolto statistiche specifiche sui decessi nelle case di cura? Quando avete iniziato a metterle in sicurezza? Quali misure sono state intraprese? La nostra rivista è stata piuttosto attiva nel riferire di questi casi in Italia e in altri paesi.

Per proteggere i cittadini più anziani, il governo ha vietato le visite alle case di cura per gli anziani. L'Agenzia svedese per la salute pubblica ha anche emesso rigide raccomandazioni per le persone di età superiore ai 70 anni affinché evitino i contatti con gli altri e per l'intera popolazione di astenersi dal visitare gli anziani. E come accennato in precedenza, l'87% delle persone di età superiore ai 70 anni sta seguendo le raccomandazioni dell'Agenzia della sanità pubblica.

Tuttavia, l'età media dei decessi correlati a COVID è di 81 anni. E oltre un terzo dei decessi connessi a COVID-19 in Svezia sono casi in case di cura per anziani. Uno dei principali obiettivi dell’impegno della Svezia per frenare COVID-19 è il rafforzamento della protezione per coloro che vivono in case di cura anziani. Sono stati forniti più dispositivi di protezione e programmi di formazione online per il personale, i test sono stati aumentati e oltre mille ispezioni saranno effettuate dall'Ispettorato per l'assistenza sanitaria e sociale per vedere quali misure sono necessarie per rafforzare la protezione delle persone anziane in queste strutture.

Qual è stato l'impatto economico della crisi COVID-19 sull'economia svedese? Saremmo particolarmente interessati a conoscere la disoccupazione, i mercati dei consumatori, i servizi e la spesa pubblica.

La crisi ha avuto gravi effetti sugli Svedesi e sull'economia svedese. Molte aziende stanno chiudendo. Prevediamo che la disoccupazione possa aumentare in modo spaventoso. Il governo ha adottato diverse misure economiche per mitigare gli effetti economici e stabilizzare l'economia.

Molte persone sono sorprese che la maggior parte delle scuole siano aperte in Svezia. Il dottor Tegnell sembra essere sorpreso dalla loro sorpresa. Avete statistiche sui bambini come veicolo di contagio nelle loro famiglie? I nonni hanno contatti più rari con i giovani che nell'Europa meridionale?

Il governo si avvale della consulenza dell'Agenzia di sanità pubblica svedese in merito alla chiusura delle scuole. Attualmente, tutta l'istruzione nelle scuole secondarie superiori e nelle università viene condotta online, ma le scuole materne e le scuole dell'obbligo per i bambini fino a 15 anni rimangono aperte.

Finora, la valutazione dell'Agenzia per la salute pubblica della Svezia è che le chiusure scolastiche non sono necessarie dal punto di vista della salute pubblica. La diffusione di COVID-19 tra i bambini nelle scuole è limitata. È stato preso in considerazione il fatto che la chiusura delle scuole comporterebbe altre ripercussioni negative per la società svedese. Ad esempio, secondo le stime, il 39% del personale sanitario dovrebbe lasciare il lavoro se le scuole dovessero chiudere, il che causerebbe problemi significativi ai nostri ospedali.

In circa l'80% delle famiglie svedesi, entrambi i genitori lavorano. Di conseguenza, la chiusura delle scuole costringerebbe un genitore in ogni famiglia a lasciare il proprio impiego, la qual cosa che avrebbe un effetto immediato su molte funzioni vitali per la società come l'assistenza sanitaria, l'assistenza agli anziani, l'assistenza sociale, la polizia e i vigili del fuoco. La maggior parte dei bambini in Svezia è iscritta all'istruzione della prima infanzia fortemente sovvenzionata e ai centri pubblici di doposcuola.

Tuttavia, se l'Agenzia di sanità pubblica svedese ritenesse che tutte le scuole svedesi dovrebbero chiudere per combattere la diffusione di COVID-19, il governo è pronto a farlo. Il Parlamento svedese ha recentemente adottato una legge per attuare la chiusura scolastica qualora la valutazione epidemiologica dovesse cambiare e esiste già una possibilità legale di chiudere le scuole a livello locale, se necessario, per frenare la diffusione locale di COVID-19.

Non posso parlare di quanto spesso i nonni abbiano incontrato i loro nipoti prima di questa crisi, ma so che dall'inizio di questa pandemia abbiamo raccomandato alle persone di età superiore ai 70 anni di evitare i contatti sociali e loro lo stanno facendo. Abbiamo persone anziane che non hanno incontrato i loro figli o nipoti per settimane e settimane…

Quali sono i prossimi passi della vostra strategia?

Come accennato in precedenza, le misure vengono regolarmente perfezionate e adeguate in risposta agli sviluppi sul campo. La politica e le decisioni del governo mirano a limitare la diffusione dell'infezione nel paese, garantire la disponibilità di risorse sanitarie, limitare l'impatto sui servizi critici, mitigare le ricadute su persone e aziende.


Foto: Försvarsmakten

Nessun commento:

Posta un commento