L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

sabato 23 maggio 2020

R2020 - ACCENDIAMO TANTI PICCOLI #FUOCHI DI RESISTENZA - Associazioni, comitati, gruppi di cittadini, amministratori locali, politici… tutti coloro che si battono contro le grandi opere inutili, le colate di cemento, la devastazione ambientale, l’abbattimento selvaggio dei nostri alberi, per una terra libera dai veleni, un’agricoltura senza pesticidi, un’economia reale, virtuosa, non basata su speculazioni e frodi. Per una moneta che sia davvero Bene Comune. Per una scienza che non sia dogma, una ricerca indipendente e una medicina che sia in primis prevenzione. Per la sanità pubblica. Per la libera scelta e l’autodeterminazione degli individui. Per uno Stato che guardi alla Salute, delle persone e del Pianeta. Per ripristinare immediatamente la nostra Costituzione e farla valere, davvero


NASCE #R2020: la Rete per unire tutti coloro che Resistono, Reagiscono e si Reinventano

22 MAGGIO 202022 MAGGIO 2020 
di Sara Cunial 

– In questi tempi bui, in cui i valori democratici sono calpestati insieme ai diritti degli italiani, tantissime persone stanno aprendo gli occhi. Da una parte la delusione e la rabbia verso una politica portata avanti contro qualsiasi ragionevolezza e rispetto per la #Vita, dall’altra la consapevolezza di non essere soli nel ripudiare questa situazione e a immaginare un domani diverso.

La nuova #RESISTENZA nasce da qui: da una nuova #COSCIENZA.

Per mantenere in piedi un sistema neoliberista che ha fallito sotto tutti i punti di vista ci hanno ingabbiati, imbavagliati, ingannati, svenduti e umiliati. Hanno ridotto interi Paesi alla fame e un Pianeta allo stremo. È tempo di #REAGIRE e di costruire insieme un #FUTURO diverso da quello che ci stanno propinando.

Per questo insieme a due amici e colleghi – il consigliere regionale del Lazio, Davide Barillari, e l’ex parlamentare Ivan Catalano – abbiamo pensato di dar vita al coordinamento #R2020, in cui riunire tutti i vari movimenti che RESISTONO e che già oggi si impegnano in difesa dei territori e della Vita.

Siamo cittadini liberi che vogliono vivere in un Paese libero per questo abbiamo deciso di mettere al servizio della collettività uno strumento di aggregazione in cui riunire tutti i vari movimenti che già oggi si battono per gli stessi interessi: per il Bene Comune, la tutela della salute, dell’ambiente e dei propri figli.

Associazioni, comitati, gruppi di cittadini, amministratori locali, politici… tutti coloro che si battono contro le grandi opere inutili, le colate di cemento, la devastazione ambientale, l’abbattimento selvaggio dei nostri alberi, per una terra libera dai veleni, un’agricoltura senza pesticidi, un’economia reale, virtuosa, non basata su speculazioni e frodi. Per una moneta che sia davvero Bene Comune. Per una scienza che non sia dogma, una ricerca indipendente e una medicina che sia in primis prevenzione. Per la sanità pubblica. Per la libera scelta e l’autodeterminazione degli individui. Per uno Stato che guardi alla Salute, delle persone e del Pianeta. Per ripristinare immediatamente la nostra Costituzione e farla valere, davvero.

Non si tratta di un partito né, tantomeno, un invito ad abbandonare le singole battaglie o la propria identità, anzi! Rafforziamo quel tipo di impegno, amplifichiamolo, ma facciamolo nel contesto di un progetto comune.
ACCENDIAMO TANTI PICCOLI #FUOCHI DI RESISTENZA, in Italia come altrove, mettiamoli in rete e rendiamo virale la ribellione, cosicché sia impossibile reprimerci tutti. Ciascuno sarà il megafono delle singole istanze. Tutti insieme saremo un’unica voce.

“Nessun potere riesce a sopravvivere di fronte a una massa che pensa e fa trionfare la coerenza sopra la codardia, l’impegno sopra il quieto vivere, l’equità sopra le piccole avidità” (Francesco Gesualdi).

È il momento di agire per il mondo che vogliamo. Un mondo in cui l’interesse di tutti sia prioritario a quello di pochi. Un mondo in cui il Ben-Essere delle persone e della Terra non sia sacrificato a potenti multinazionali o a un manipolo di criminali come sta avvenendo oggi.

👉 CHIUNQUE DESIDERI CONOSCERE IL PROGETTO E ADERIRE POTRÀ FARLO SUL SITO WWW.R2020.IT.

Inoltre, chi vorrà potrà mettere a disposizione della Rete anche le proprie professionalità e competenze per supportare istanze comuni. Medici, avvocati, accademici, esperti… creiamo una rete di professionisti in aiuto di chi vorrebbe portare il cambiamento nelle proprie amministrazioni locali o realtà territoriali. Presentiamo istanze, esposti, atti a livello locale, regionale, nazionale e internazionale. Facciamo sentire la nostra voce. 

È tempo di cambiare rotta. Non sarà una cosa semplice, ma uniti ce la possiamo fare. Ognuno con le proprie peculiarità. Adesso è il momento di ribellarci, creare nuove comunità resilienti e rinascere insieme, come singoli e come Paese.

Torniamo a RESPIRARE insieme. Costruiamo realtà RESILIENTI. Riconosciamoci e riconnettiamoci con gli altri esseri viventi e con Madre Terra per riappropriarci della libertà di esprimere i nostri talenti e REALIZZARCI come individui e come comunità.

Mail: info@r2020.it

Nessun commento:

Posta un commento