L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

martedì 2 giugno 2020

La Russia fa sua la Strategia del Mar Nostrum

Mosca negozia con Damasco l’ampliamento delle sue basi in Siria

1 giugno 2020 
in News


Il presidente russo Vladimir Putin ha incaricato i ministeri della Difesa e degli Esteri di negoziare con il governo siriano la cessione ai militari russi di ulteriori lotti di terreno e l’utilizzo di basi e acque territoriali. L’ordine è stato pubblicato sul portale del governo russo per le informazioni normative come ha riportato l’agenzia di stampa Nova. Dopo aver raggiunto un’intesa con la parte siriana, i ministeri dovranno firmarlo a nome della Russia.


Il gruppo aereo delle Forze Aerospaziali Russe (VKS) è stato costituito il 30 settembre 2015 nella base aerea siriana Khmeimim (nelle foto sopra), nei pressi di Latakia, per sostenere le forze governative siriane nella guerra ai terroristi.

Nel 2017, la Russia e la Siria hanno firmato un altro accordo, secondo il quale fino a 11 navi russe, comprese quelle dotate di propulsori nucleari, possono essere presenti contemporaneamente nella base navale di Tartus (nella foto sotto) di cui verranno ampliate le capacità di effettuare riparazioni.


L’accordo bilaterale per l’uso delle basi è valido per 49 anni con il rinnovo automatico salvo rinunce di uno dei due Stati contraenti per altri 25 anni.

L’Aeronautica Siriana ha reso noto di avere ricevuto ieri dalla Russia un secondo lotto di nuovi caccia Mig-29 presso la base aerea di Khmeimim dopo quelli arrivati nei giorni scorsi dalla Russia, una parte dei quali sarebbero stati trasferiti in Libia. Secondo le Forze armate di Damasco, i velivoli, il cui numero non è specificato, sono già operativi.

Foto TASS e Naval News

Nessun commento:

Posta un commento