L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

venerdì 19 giugno 2020

Putin fa scacco al decadente occidente

Putin lancia un appello ai membri permanenti ONU: "75 anni dopo la seconda guerra mondiale è importante discutere insieme del futuro"


L'articolo, intitolato "Le vere lezioni del 75° anniversario della seconda guerra mondiale", è stato pubblicato oggi.
Il presidente russo Vladimir Putin ha scritto un articolo in occasione del 75° anniversario della fine della seconda guerra mondiale, che è stato pubblicato oggi sulla rivista americana The National Interest.

Nel suo articolo, intitolato "Le vere lezioni del 75° anniversario della seconda guerra mondiale", il capo di stato russo sottolinea, tra le altre cose, il contributo decisivo dell'Unione Sovietica e dell'Armata Rossa alla sconfitta della Germania nazista. Putin ha ricordato che le perdite dell'URSS durante la Grande Guerra Patriottica ammontano a quasi 27 milioni di persone.
Inoltre, ha condannato i tentativi da parte dei paesi occidentali di riscrivere l'esito della guerra e ha esortato tutti i paesi ad accelerare il processo di declassificazione degli archivi "come ha fatto la Russia negli ultimi anni".

Sul decisivo contributo dell'URSS alla sconfitta del nazismo

Vladimir Putin ha ricordato che l'Unione Sovietica e l'Armata Rossa hanno contribuito in modo decisivo alla sconfitta della Germania nazista. 

"L'Unione Sovietica e l'Armata Rossa, chiunque cerchi di provare il contrario oggi, ha dato il contributo principale e decisivo alla sconfitta del nazismo", ha ricordato il presidente russo.
"Sono gli eroi che hanno combattuto fino alla fine circondati dal nemico vicino a Bialystok e Maguilov, Uman e Kiev, Viazma e Kharkiv. Hanno lanciato un'offensiva vicino a Mosca e Stalingrado, Sebastopoli e Odessa, Kursk e Smolensk. Hanno liberato Varsavia, Belgrado, Vienna e Praga. Hanno fatto irruzione in Koenigsberg [attuale Kaliningrad] e Berlino ", ha ricordato ancora Putin.
"Onorare i veterani che hanno fatto del loro meglio per la Vittoria e ricordare quelli che sono morti sul campo di battaglia, è diventato il nostro dovere morale", ha aggiunto.
"Stiamo combattendo per una vera verità su questa guerra, senza fronzoli " , ha dichiarato il capo di stato russo.

Sui tentativi di riscrivere l'esito della guerra

Allo stesso tempo, Vladimir Putin ha sottolineato quanto siano "pericolosi" i tentativi di alcuni paesi occidentali di riscrivere la storia della seconda guerra mondiale.
" Il revisionismo storico , principalmente sul tema della seconda guerra mondiale e il suo esito, le cui manifestazioni stiamo ora assistendo in Occidente, è pericoloso perché distorce cinicamente e grossolanamente la comprensione dei principi di sviluppo pacifico stabiliti nelle conferenze di Yalta [ dal 4 all'11 febbraio 1945] e da San Francisco [dal 25 aprile al 26 giugno 1945] ", ha affermato il presidente.

Inoltre, Putin ha sottolineato che "non è giusto" affermare che la firma del Trattato di non aggressione tra la Germania e l'URSS, noto come Patto Ribbentrop-Molotov, sia stata la "ragione principale" dello scoppio della seconda guerra mondiale.

Il presidente dichiarò che "tutti i paesi chiave" erano "in una certa misura responsabili" dell'inizio della guerra. "Tutti hanno commesso errori fatali, credendo con arroganza di poter battere gli altri, ottenere vantaggi unilaterali per se stessi o evitare l'imminente catastrofe globale", ha scritto.

"La seconda guerra mondiale non è avvenuta all'improvviso, non è iniziata inaspettatamente o senza motivo ... Era il risultato di una serie di tendenze e fattori nella politica mondiale dell'epoca", ha continuato il presidente, aggiungendo che i principali fattori che " predeterminata la più grande tragedia nella storia umana erano l'egoismo degli stati, la codardia, la politica pacificatrice dell'aggressore, che stava guadagnando forza e la mancanza di desiderio delle élite politiche di cercare un compromesso ".

"Questa mancanza di intuizione, il rifiuto di creare un sistema di sicurezza collettiva, è costato milioni di vite e perdite enormi", ha ribadito il presidente russo. 
Putin ha anche avvertito che i sostenitori della revisione delle circostanze dello scoppio della seconda guerra mondiale "minano le basi" dell'intera struttura dell'Europa di oggi.

"Sfortunatamente, questo dimostra una politica deliberata volta a distruggere l'ordine mondiale del dopoguerra, la cui creazione è stata una questione di onore e responsabilità degli Stati, alcuni dei quali oggi hanno votato a favore di questa falsa risoluzione " , ha scritto il presidente, facendo riferimento alla risoluzione adottata dal Parlamento europeo il 19 settembre 2019, i cui autori e sostenitori stanno effettivamente cercando di equiparare l'URSS alla Germania nazista.

Sugli accordi di Monaco e la necessità di declassificare gli archivi

Inoltre, Putin ha sottolineato che diversi paesi "preferiscono seppellire nell'oblio gli accordi firmati tra nazisti e politici occidentali, oltre a non dare una valutazione giuridica o politica di questo tipo di cooperazione, come il consenso tacito o addirittura l'associazione diretta di alcuni politici europei nei piani barbari dei nazisti ".
In particolare, i fascicoli sui negoziati tra il Regno Unito e la Germania nazista non sono ancora stati declassificati.
In questo senso, il presidente russo ha esortato tutti i paesi ad accelerare il processo di declassificazione degli archivi nel periodo della seconda guerra mondiale e gli eventi che hanno avuto luogo prima di questa guerra "come ha fatto la Russia negli ultimi anni" .

Allo stesso modo, il presidente ha specificato che la Russia è pronta per un'ampia cooperazione internazionale in questo settore.
Nel suo articolo, Putin ha anche accusato diversi politici europei, in particolare la Polonia, di aver cercato di nascondere informazioni sugli accordi di Monaco per la spartizione della Cecoslovacchia.

Il presidente russo ha sottolineato che, con il loro sostegno agli accordi di Monaco, questi paesi europei "hanno violato i loro obblighi" e attualmente per loro "è vergognoso non ricordare" che a quei tempi l'Unione Sovietica era "l'unica a difendere la Cecoslovacchia".

Inoltre, Putin ha posto l'attenzione sul fatto che, a differenza di molti altri leader europei dell'epoca, il leader dell'Unione Sovietica, Iosif Stalin , non ha mai incontrato Adolf Hitler .
Allo stesso tempo, il presidente ha sottolineato che non esiste alcun documento d'archivio che dimostri che l'Unione Sovietica abbia preso in considerazione l'idea di attaccare preventivamente la Germania.

"Oggi è importante discutere insieme del futuro"

Vladimir Putin ha evidenziato che il moderno sistema di relazioni internazionali è "uno dei risultati più importanti della seconda guerra mondiale" e che gli attuali leader hanno il compito di garantire che questo sistema sia "preservato e migliorato".

"Anche i più intrattabili disaccordi geopolitici, ideologici o economici non ci privano dell'opportunità di cercare modi pacifici di esistenza e interazione , se c'è un desiderio", ha detto Putin.
"Oggi, come nel 1945, è importante dimostrare volontà politica e discutere insieme del futuro. I nostri colleghi [presidente della Cina] Xi Jinping, [presidente francese Emmanuel] Macron, [presidente degli Stati Uniti Donald] Trump e [ Il primo ministro britannico Boris] Johnson ha appoggiato l'iniziativa della Russia di tenere una riunione dei cinque membri permanenti delle potenze nucleari del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite. Siamo grati a loro e speriamo che abbia luogo un incontro personale il più presto possibile ", ha concluso il presidente russo.

Nessun commento:

Posta un commento