L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

lunedì 29 giugno 2020

Sono mesi che i mass media ci terrorizzano con la loro dose quotidiana di distillato di paura e ansia, non vogliono assolutamente dire che il covid-19 è curabile in qualsiasi stadio con terapie di diverso tipo. Sono vermi che mestano nel fango

DOMENICA 28 GIUGNO 2020
Negli Stati Uniti i nuovi casi di contagio continuano ad aumentare

In particolare negli stati del sud, come Texas e Arizona, che hanno deciso di reintrodurre alcune restrizioni

 
Le auto delle persone in attesa di fare il test per il coronavirus all'Hard Rock Stadium di Miami (AP Photo/Wilfredo Lee)

Negli Stati Uniti sono ormai alcuni giorni che i nuovi casi quotidiani di coronavirus aumentano dal giorno precedente. Come ha scritto il Washington Post, sabato 27 giugno – in cui sono stati registrati 44.782 nuovi casi di contagio – è stato il quinto giorno consecutivo in cui i nuovi casi sono stati maggiori del giorno precedente. E dall’inizio della pandemia i nuovi casi registrati in un solo giorno non erano mai stati così tanti.

Se vuoi capire meglio cosa succede con il coronavirus in Italia, c’è la newsletter quotidiana del Post: arriverà fino a che ce ne sarà bisogno. Iscriviti qui, è gratis.

L’aumento dei nuovi casi è in parte riconducibile all’aumento del numero di test che vengono effettuati, ma è anche conseguenza del fatto che diversi stati, in particolare quelli del sud del paese, stanno individuando un numero di casi notevolmente più alto rispetto al passato. Alcuni stanno anche decidendo di rimandare le riaperture previste, o addirittura pensano di tornare a imporre limitazioni che avevano rimosso.


La maggior parte dei nuovi casi quotidiani arriva da grandi e popolosi stati come Florida, Texas, California e Arizona. Come ha scritto il Washington Post, tra gli stati che negli ultimi giorni hanno avuto il maggior numero di nuovi casi giornalieri ci sono anche Georgia, South Carolina e Nevada.

In Florida i nuovi casi registrati negli ultimi giorni sono sempre vicini ai 10mila e in Texas sono ormai diversi giorni che non scendono sotto i 5mila. E Texas e Florida sono due stati tra quelli che, come ha fatto notare il Wall Street Journal, «sono stati fra gli ultimi a imporre restrizioni e tra i primi a riaprire». Sia in Florida che in Texas sono state reintrodotte alcune restrizioni, in particolare relative ai bar e ai locali pubblici, e altre sono attese nei prossimi giorni.

I problemi, però, non sono solo negli stati del sud degli Stati Uniti. Anche lo stato di Washington, al confine con il Canada e che a marzo era stato quello con più casi di coronavirus, sta rimandando le previste riaperture.

Nel frattempo, i casi confermati negli Stati Uniti hanno superato i 2,5 milioni, circa il 25 per cento di quelli individuati in tutto il mondo, e gli Stati Uniti sono sia il paese con più casi che quello con più morti registrati: secondo gli ultimi dati, oltre 125mila.

Nessun commento:

Posta un commento