L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

venerdì 26 giugno 2020

Valori di destra idee di sinistra, non è difficile

E’ LA FINE DEI PARTITI?
24 Giugno 2020
– di Michele Falcone –

 

Ci hanno detto che nel 2020 (e forse anche prima) l’era dei partiti è finita e che destra e sinistra oramai non esistono più. C’è chi dice addirittura che essere di destra nel 2020 sia anacronistico, vergognoso e addirittura chi dice che sia un crimine.

Non so se tutto ciò sia vero ma so per certo che essere di destra oggi è soprattutto una cosa: difficile. Lo è perché tra populismo, sovranismo, qualunquismo e trasformismo è facile cadere nel ridicolo molto più che a sinistra (forse).

Lo è perché noi, che abbiamo scelto di sederci dalla parte del torto, perché tutte le altre parti erano occupate, siamo brutti, grossi e cattivi. Ma allora che senso ha definirsi di destra nel ventunesimo secolo?
Ha senso perché in questo mondo di rovine in cui viviamo, mantenersi in piedi non è un diritto, è un dovere. Ed è un dovere anche sfuggire dall’immobilismo, dal “tanto non cambierà niente”.

Io credo nelle Identità, nella Tradizione e nel Folklore dei popoli del mondo ma credo anche che il globalismo e l’internazionalismo siano la morte della civiltà. Le Nazioni esistono perché i loro confini sono stati scritti con il sangue di chi è morto per difenderle e chi cerca di cancellarle con gli idoli religiosi del libero scambio, della libera circolazione, del libero mercato lo fa sempre perché antepone gli interessi economici alla storia.

E libertà è anche libertà di imporsi delle regole, anche rigide se necessario. Io credo nel sangue e nel suolo che vincono sull’oro, credo nel Sacro. Credo che il Tempio sia sacro perché non è in vendita (ancora per poco a quanto pare).

Credo che bisogni essere marmo in questa palude che ci vuole tutti uguali, tutti perfetti. Ma è necessario essere marmo con le ali, perché appunto siamo nel 2020 e non cento anni fa. Io credo che il tempo non sia denaro, ma che sia tutto il resto.

Diciamocela tutta, la destra italiana è tutt’altro che perfetta, anzi a volte lascia a desiderare non poco. Ma d’altronde nessuno è perfetto, la vera differenza sta in questo.

Esserne consapevoli, essere consci che l’uomo è imperfetto. Desiderare una società perfetta dove tutti si vogliono bene e vivono in pace è criminale come desiderare che tutti vivano in guerra. Non esiste solo bianco o nero, e da qui nasce proprio la Destra Sociale, l’apparente ossimoro più bello del mondo conosciuto.

Per dirla alla Diego Fusaro: è necessario avere idee di sinistra ma valori di destra. Non so se essere di Destra sia un crimine, ma dopo tutto secondo Dante vi è un girone infernale per gli ignavi, ma da quanto ci risulta… nessun girone per i destrorsi.

Nessun commento:

Posta un commento