L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

mercoledì 19 agosto 2020

Gli Emirati Arabi Uniti ingrandiscono Somaliland


SOMALILAND: INGRANDITO IL PORTO DI BERBERA, AMBIZIONI PER IL FUTURO

È stata completata l’espansione del molo del porto di Berbera, in Somaliland. La nuova infrastruttura, che ingrandisce il più antico scalo portuale del Corno d’Africa, offre altri 400 metri di banchina pronti ad accogliere un volume superiore di traffico marittimo.

I lavori d’espansione del molo sono stati compiuti dalla DP World, la multinazionale con sede a Dubai specializzata in logistica e operazioni nei terminal portuali e gestione di aree di libero scambio. Attorno a Berbera la DP World sta anche lavorando alla realizzazione di una zona economica speciale, che dovrebbe essere completata nel febbraio prossimo.

Secondo la stampa locale, la Dubai Ports World ha investito 442 milioni di dollari in questo progetto dal 2017.

Il porto di Berbera, costruito nel 1964 dai sovietici e ingrandito nel 1982 dagli americani, viene usato sia per il traffico commerciale che per quello militare. Il terminal vuole competere con gli scali di Gibuti e diventare uno snodo fondamentale nella regione. [CC]

Nessun commento:

Posta un commento