L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

venerdì 21 agosto 2020

Le mascherine meraviglioso terreno fertile per batteri e funghi, i governanti al potere le televisioni e i cespugli della carta stampata non lesinano di darci la nostra dose quotidiana di terrorismo, mai un giorno di astinenza ormai sono mesi che continuano a bombardarci. Hanno/avevano già deciso che ci sarebbe stato la seconda ondata

Merkel ha esagerato. Ma serve al Progetto.

Maurizio Blondet 21 Agosto 2020 

“Cosa succede effettivamente se si scopre che la decisione di imporre il lockdown per il coronavirus è stata sbagliata? Questa domanda legittima – fortemente screditata dai media ma udibile in tutto il paese – deve ora essere posta”:

Così esordisce un articolo che evoca il “falso allarme” e il “rovesciamento” del governo:

Corona-Fehlalarm? Wenn die Bundesregierung sich geirrt hat, wird sie „stürzen“

sul Deutsche Wirtschafts Nachrichten, giornale online . E prosegue:

“Perché la verità è che non sono solo i “negazionisti” , i “teorici della cospirazione”, gli “estremisti di destra”, i “radicali di sinistra” che dubitano della durezza delle misure della corona, ma anche molti cittadini e imprenditori. Non ci sono dubbi sul fatto che il virus corona sia esistito ed esista ancora. Solo la gravità delle misure è messa in dubbio dalla maggioranza della popolazione.

voci si erano espresse avvertendo dei rischi di blocco si sono alzate molto presto:

In una lettera aperta datata primo maggio 20202, (“Prima che sia troppo tardi!”, l’ Associazione Federale delle Piccole e Medie Imprese (BVMW) si è rivolta alla Cancelliera Angela Merkel e al Primo Ministro con una implorazione: “Con grande preoccupazione per il futuro di questo Paese e la prosperità dei suoi cittadini Facciamo appello alla politica: porre fine alla fissazione unilaterale su una prospettiva puramente virologica e così giocare pericolosamente con le prospettive future di questo paese. E’ in gioco il destino della classe media tedesca. Sblocca il blocco prima che sia troppo tardi! ” . Anche l’associazione industriale BDI ha spinto per un piano di uscita chiaro. “Ogni settimana di chiusura costa all’economia tedesca sottrae un valore aggiunto di un miliardo a due cifre medio”, ha dichiarato il presidente di BDI Dieter Kempf nel maggio 2020”.

Ma soprattutto (udite udite) “ il presidente del Bundestag tedesco, Wolfgang Schäuble, si è espresso contro il blocco in un’intervista con il Tagesspiegel . “Non dobbiamo lasciare le decisioni ai soli virologi, ma dobbiamo anche soppesarne gli enormi effetti economici, sociali, psicologici e di altro tipo. Spegnere semplicemente tutto per due anni, che avrebbe anche conseguenze terribili (…) Lo Stato deve garantire a tutti la migliore assistenza sanitaria possibile, ma le persone continueranno a morire di Corona “, ha detto Schäuble.

“Poi c’è il problema dell’interpretazione dei dati, su cui i virologi stanno litigando. In un’intervista con l’ Osnabrücker Zeitung, il virologo Hendrik Streeck ha criticato il blocco totale e le conseguenze sociali ed economiche che ne derivano per la Germania. La Germania “è andata in blocco troppo in fretta” perché, tra l’altro, “una certa pressione pubblica” – intende dire sui media – ha prevalso.

Per quanto riguarda il requisito della mascherina, ha detto: “All’inizio della pandemia, c’erano avvertimenti specifici contro le maschere. Le ragioni di ciò sono ancora valide, anche se stranamente sembrano non avere più importanza. Le persone accartocciano le maschere nelle tasche, continuano a toccarle e le legano alla bocca per due settimane, probabilmente non lavate. Questo è un meraviglioso terreno fertile per batteri e funghi “.

Per controbattere, “il virologo Christian Drosten ha quindi pubblicato uno studio che avrebbe dovuto dimostrare che le morti sarebbero state molto più alte senza il blocco. E i virologi hanno parlato ripetutamente, appoggiando Drosten o Streeck. Ma a chi dovremmo credere adesso? Se quello che uno dice è vero, l’altro è incompetente. Ma chi è l’uno e chi è l’altro?”

(Vi ricorda qualcosa? a me sì)

Confondono gli studi internazionali

Il giornalista cita un caso specifico di falsificazione “scientifica” e mediatica: “ Nel luglio 2020, uno studio sul corona è stato pubblicato in Corea del Sud, che ha fatto il giro anche nel panorama della stampa tedesca. Secondo lo studio, i bambini e gli adolescenti infetti di età compresa tra i dieci e i 19 anni possono infettare i loro genitori e altri membri della famiglia con la corona più spesso degli adulti. Ma i ricercatori hanno ora rivisto le loro scoperte. Ora significano: non è veramente chiaro chi abbia infettato chi. Lo studio è stato pubblicato sulla rivista specializzata dei ” Centers for Disease Control and Prevention ” (CDC) americano [un altro scandalo Lancet: il CDC è un ente ufficialissimo ed autorevolissimo…] Anche la scoperta medica secondo cui le persone infette da corona possono essere nuovamente infettate subito dopo l’infezione non è corretta, riporta Sky News . Ma questa falsa scoperta aveva fatto il giro dei media tedeschi, il che non ha fatto che aumentare l’isteria di massa.

“È particolarmente vergognoso che siano stati prodotti rapporti e documentari [dalla radio tv pubblica: “Peste e Corona, la lotta dell’umanità contro le epidemie”] che nominassero la peste e il colera insieme al virus corona. Una rinomata rivista scientifica tedesca [Geo] ha affermato: “Maschere, divieti e teorie selvagge: i paralleli fra la peste e il corona. Molte cose che stiamo vivendo nella pandemia Covid sono avvenute già nei secoli precedenti – quando la peste devastò tutta l’Europa “. Dappertutto circolavano rapporti che tracciavano un parallelo con l’influenza spagnola o la peste. Dovrebbe essere ovvio che intere sezioni della popolazione sono state traumatizzate da questa tattica terroristica”.

Sì, decisamente ricorda qualcosa: stesso terrorismo mediatico come in Italia e quasi ovunque. Il Progetto è globale mica per nulla. 

“Ma torniamo alla domanda iniziale, prosegue DWN “Se emergesse che il lockdown è stato un errore, il governo federale potrebbe cadere?”

“In tal caso, non sarebbe solo l’opposizione a prendere di mira il governo federale per ottenere un profitto politico, ma ci sarebbero anche enormi tensioni all’interno della grande coalizione, specialmente all’interno del partito della Merkel. Gli oppositori interni del Cancelliere non si lascerebbero sfuggire questa opportunità per suggellare finalmente il destino politico della Merkel.

“E ci sono già numerosi fattori che potrebbero presto mettere nei guai il governo federale. Nei prossimi mesi, ma più probabilmente nel prossimo anno, la Germania dovrà affrontare un’ondata di fallimenti che non solo porteranno a un drastico aumento della disoccupazione, ma anche all’aumento degli sconvolgimenti sociali ed economici.

L’unica possibilità rimasta alla politica è stabilire una connessione causale tra un numero elevato di infezioni e minoranze sociali (parola in codice: “famiglie numerose”) al fine di convincere la popolazione maggioritaria a ulteriori misure e un secondo blocco. La storia che “una minoranza molto specifica” è la causa della diffusione dell’epidemia …. . Gli argomenti diffamatori sui gruppi sociali di tutti i tipi li adorano i media autoproclamati “liberali” e “democratici”.-

Vi lasciamo alla lettura integrale:


Con rincrescimento sorvoliamo su questo

Lo spauracchio della “seconda ondata”: il Robert Koch Institute intimidisce i cittadini con numeri fallati

“Da due settimane, il Robert Koch Institute ha lanciato un allarme continuo perché “il numero di casi è in aumento”. Quello che l’istituto non dice: che il numero di test è attualmente in fase di espansione massiccia….”

Mentre passiamo a un altro titolo illuminante:
Il governo federale vuole dare all’OMS più soldi e poteri

“La Germania e la Francia vogliono dare più soldi e potere all’Organizzazione mondiale della sanità (OMS): così propone un documento di riforma congiunto di entrambi i governi riportato da Reuters, che sarà discusso in seno all’OMS a settembre. Esso sottolinea che la pandemia della corona ha messo in luce le debolezze finanziarie e legali di lunga data dell’agenzia delle Nazioni Unite. A differenza del governo statunitense, che sta spingendo per una riforma dell’Oms per ridurre l’influenza della Cina, i due stati dell’UE vogliono risolvere i problemi strutturali dell’organizzazione [….] L’OMS dipende finanziariamente dalla Bill & Melinda Gates Foundation. Solo pochi mesi fa, Gates ha lanciato un appello per le donazioni in collaborazione con l’OMS, che ha portato circa 8 miliardi di dollari di tasse da decine di paesi.

“Berlino e Parigi affermano che il mandato dell’OMS non è supportato da risorse finanziarie e poteri legali sufficienti”. Insomma vogliono dotare l’OMS di Bill Gates di poteri coercitivi penali, dotarla di una polizia? Di un apparato giudiziario che incrimini i governi inadempienti ai suoi ordini? Il DWN:

“Il piano di riforma franco-tedesco vuole rafforzare l’OMS per consentirle di essere più “critica” di tutti gli Stati membri, se non rispettano le regole globali sulla trasparenza nella comunicazione di problemi di salute e malattia. Cosa significhi esattamente “essere critici” attualmente non è prevedibile”.


E come lasciarsi sfugggire questo altro titolo?
È iniziato il primo esperimento sul reddito di base, con campioni di capelli e indagini sui contatti sociali

Si apprende che “ l’Istituto tedesco per la ricerca economica (DIW Berlin), l’associazione “Mein Grundeinkommen” e gli scienziati dell’Istituto Max Planck per la ricerca sui beni collettivi, con l’Università di Colonia vogliono appurare quanto segue:

“Come cambia la vita quotidiana delle persone quando ricevono 1200 euro al mese, incondizionatamente, che ne abbiano bisogno o meno?”

E’ un’ indagine a lungo termine.

“ Chiunque abbia residenza in Germania e abbia almeno 18 anni può presentare domanda di partecipazione. Non appena saranno un milione di candidati, inizierà un processo di selezione e estrazione. A partire dalla primavera del 2021, 120 partecipanti riceveranno 1200 euro al mese per tre anni. Il progetto è finanziato tramite donazioni (Blackstone? Gates? Altri miliardari del Forum di Davos? Non è specificato].

“Gli scienziati vogliono scoprire, attraverso sondaggi regolari dei partecipanti, come sta cambiando la loro vita quotidiana a causa del denaro: vita lavorativa, le finanze, la famiglia e le relazioni, i contatti sociali e anche i possibili cambiamenti psicologici. Campioni di capelli vengono utilizzati anche per analizzare il livello di stress”.

“Vogliamo sapere cosa fa con il comportamento e gli atteggiamenti e se il reddito di base può aiutare ad affrontare le attuali sfide della nostra società”, ha detto martedì a Berlino Michael Bohmeyer, iniziatore dell’associazione Mein Grundeinkommen.

Spiega il giornale: “L’idea di un reddito di base incondizionato è discussa da anni. I sostenitori sono, ad esempio, il boss di sinistra Katja Kipping, ma anche il fondatore della catena di farmacie dm, Götz Werner. Ciò che si intende con questo è una prestazione a cui ogni cittadino dovrebbe avere diritto, indipendentemente dalle condizioni di vita e di reddito e dalla condizione lavorativa. In altre parole, una somma X che viene regolarmente versata a tutti senza controlli preliminari, ricchi, poveri, neonati o anziani. A volte si parla anche di “rendita di cittadinanza

“Gli oppositori dell’idea temono che un tale pagamento abbassi la motivazione delle persone e alla fine le renda più infelici. Sono sottolineati anche i costi. In termini puramente matematici, un reddito di base di 1000 euro per quasi 83 milioni di cittadini tedeschi costerebbe quasi un trilione di euro all’anno. Secondo l’Ufficio federale di statistica, la spesa pubblica totale è stata di circa 1.500 miliardi di euro all’anno.

L’associazione My Basic Income contraddice su entrambi i punti: non ci sono prove per la “tesi della pigrizia”. In tutti i progetti pilota nel mondo, il lavoro è continuato allo stesso modo o anche di più. Esistono diversi modelli di finanziamento.

“Il reddito di base è essenzialmente una riforma fiscale”, scrive l’associazione sul suo sito web. Le persone a basso reddito avrebbero più soldi a disposizione, la cosiddetta classe media più o meno la stessa e le più ricche un po ‘meno di prima. “La conclusione è che queste persone pagano più tasse di quante ne percepiscono il reddito di base”. Con Hartz IV esiste già una sorta di reddito di base – solo questo non è incondizionato, ma garantisce demotivazione, paura esistenziale e sfiducia”.

Se vede qui come la Germania sia all’avanguardia nella sperimentazione del Progetto del capitalismo terminale: dare agli esseri umani ormai superflui un reddito alimentare che li faccia dipendere dal largitore, e ne garantisca la passività politica di gregge; non ci si rivolterà più contro nessun lockdown né vaccinazione plurima, perché se no perdi il “reddito”. Un tempo il si diceva: “Il denaro comanda lavoro”, adesso il denaro è creato per creare soggezione.

Un grande progresso. Lo stesso precoizzato dallo scrittore Ferdianno Camon,


“Tutto nello Stato, niente al di fuori dello Stato, nulla contro lo Stato”, sancì il Duce. Ferdinando Camon ha scritto sull’Unità e ora su Avvenire. Dal comunismo al fascismo passando per il bergoglismo è un attimo: basta che siano sempre loro a comandare.

Nessun commento:

Posta un commento