L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

giovedì 13 agosto 2020

Le parole non sono semplicemente i veicoli del pensiero, ma sono le fonti del pensiero, perché si pensa secondo i concetti che si hanno in mente

Il tabù innominabile che è padre di tutte le menzogne

Maurizio Blondet 13 Agosto 2020 
di Francesco Lamendola

C’è una cosa che non è sufficientemente chiara nella mente della quasi totalità delle persone, e cioè che tutto quel che ci sta capitando, la crisi che stiamo attraversando, prima di essere un fatto economico, o sociale, o politico, o giuridico, è un fatto culturale; e che prima di essere un fatto culturale, è un fatto morale; e prima ancora, un fatto intellettuale. Noi abbiamo smarrito il senso del vero e del falso; di conseguenza abbiamo smarrito il concetto del bene e del male; e di conseguenza abbiamo smarrito l’idea del giusto e dell’ingiusto.

Tutto il resto, la pandemia, l’emergenza sanitaria, la moneta unica europea, i tecnocrati di Bruxelles, i banchieri dell’alta finanza, il monopolio delle multinazionali, la perdita di sovranità degli stati e dei popoli, lo svuotamento del diritto e delle libertà costituzionali, l’asservimento pressoché totale di tutte le maggiori agenzie d’informazione, la politica ridotta a un teatrino in cui “governo” e “opposizione” si scambiano i ruoli secondo un copione prestabilito, la scuola e l’università ridotte ad agenzie di promozione dell’agenda del Nuovo Ordine Mondiale, la scienza medica prostituita agli interessi dei miliardari e le vaccinazioni di massa concepite come sistema per esercitare un controllo diretto sugli organismi fisici dei cittadini/sudditi, la chiesa cattolica purgata di ogni traccia di spiritualità e trasformata in una grande O.N.G., ebbene tutte queste cose non sono altro che riflessi dell’oblio del concetto di ciò che è vero e di ciò che è bene. E siccome abbiamo promosso, o subito, per anni, per decenni, anzi per alcuni secoli, la cultura del relativismo; siccome abbiamo masticato e introiettato le parole d’ordine del relativismo, fino a divenire inconsapevoli strumenti del disordine costituito e permanente, parlando con parole che non appartengono al nostro vocabolario e perciò pensando secondo schemi mentali che non appartengono alla nostra intelligenza, né fanno parte del nostro orizzonte spirituale: poiché, in breve, siamo stati plagiati, siamo stati addomesticati e non ce ne siamo accorti, siamo divenuti i peggiori nemici di noi stessi, proprio come un malato il quale non riconosca affatto la propria malattia, anzi si ostini ad assumere le sostanze che gli fanno malissimo e aggravano il suo stato, rifiutando con un fremito d’orrore la medicina che, sola, gli consentirebbe un principio di guarigione, sempre che il male non sia andato troppo avanti e abbia compromesso le funzioni vitali fondamentali.


Perciò la prima cosa che dovremmo fare, l’unica dalla quale potrebbe derivare, forse, un miglioramento, sarebbe sbarazzarci di tutto questo ciarpame, di questa immondizia intellettuale che non ci appartiene, che non viene da noi, e che altri hanno insinuato nella nostra mente, con opera minuziosa e capillare e con diabolica astuzia, sfruttando ogni nostra debolezza, ogni nostra vanità, ogni nostro passo falso. Perché solo dopo aver compiuto in noi stessi una tale bonifica radicale potremo iniziare a rivedere il mondo come esso realmente è, e non come lo si vede attraverso le lenti distorte che ci sono state applicate sugli occhi. In un certo senso, dobbiamo fare ciò che dovrebbe fare il tossicodipendente, o il seguace d’una setta al quale sia stato fatto il lavaggio del cervello: riconquistare la fiducia in se stesso, nella propria dignità e autonomia, strappandosi dai lacci di una condizione artificiale che lo tiene avvinto a una forza più grande della sua volontà, e perciò ridotto all’impotenza.

Tale opera di bonifica dovrebbe partire dal linguaggio, perché noi pensiamo secondo le parole che adoperiamo: le parole infatti non sono semplicemente i veicoli del pensiero, ma sono anche, e soprattutto, le fonti del pensiero, perché si pensa secondo i concetti che si hanno in mente, e se i concetti vengono definiti mediante parole ingannevoli, create apposta per confonderci e asservirci, proprio come la moneta falsa è stampata allo scopo d’ingannare chi se ne serve, allora succede che noi pensiamo secondo schemi che non sono i nostri, ma di quelli che ci controllano e ci manipolano. Le parole chiave, in fondo, non sono moltissime, anche se quasi ogni giorno i giornali e la stampa ne creano di nuove: quando sono state riconosciute e smontate quelle di uso più frequente, si è già con ciò aperta una grossa crepa nel muro della prigione che ci tiene rinchiusi, peraltro a nostra insaputa, poiché ci è stato fatto credere dai maestri dell’illusionismo che la nostra non è una prigione, ma un magnifico palazzo con giardino, reso amabile dalla presenza di tutto ciò che può gratificare i sensi e soddisfare i nostri desideri, un palazzo dal quale siamo liberi, liberissimi di uscire o rientrare a nostro talento. Così almeno ci vien fatto credere, ma la verità è tutta il contrario. Ci fanno dire accoglienza, ma si dovrebbe dire invasione. Ci fanno dire pari opportunità e quote rosa, ma si dovrebbe dire: dittatura femminista. Ci fanno dire omosessualità, ma si dovrebbe dire invece omofilia, oppure omoerotismo, perché l’omosessualità semplicemente non esiste, essendo la sessualità la relazione reciproca dei due sessi dalla quale scaturisce la vita, e il vero scopo di quella parola è creare l’impressione che la categoria dell’omosessualità stia su un piano concettuale paritetico rispetto alla categoria della eterosessualità, celando il fatto che in natura esiste solo l’eterosessualità e quindi tanto varrebbe chiamarla sessualità e basta. Ci fanno dire diritto all’istruzione, ma si dovrebbe dire indottrinamento statale. Ci fanno dire tolleranza, ma è in effetti prevaricazione delle minoranze protette.

Ci fanno dire crimini d’odio, ma ciò che vogliono colpire è la libertà di pensiero. Ci fanno dire omofobia, ma il più delle volte è difesa della famiglia naturale. Ci fanno dire inclusione, ma in realtà si tratta d’inserire a viva forza qualcuno che non può o non vuole integrarsi, come un ragazzo autistico in una quinta liceo, dove non riesce, non diciamo ad imparare il greco e il latino, ma neppure ad avere un qualsiasi rapporto coi compagni; o come un immigrato maghrebino che odia l’Occidente, odia la cristianità e viene in Italia ben deciso a non tralasciare una sola delle sue abitudini e tradizioni, pretende che la moglie e le figlie grandicelle se ne vadano in giro indossando il chador e sogna il giorno in cui la Mezzaluna scintillerà al sole sulla cupola di Michelangelo nella basilica di San Pietro (con la benedizione del santo padre Bergoglio, dell’arcivescovo Paglia e del cardinale Bassetti). Ci fanno dire interruzione di gravidanza, ma è aborto volontario. Ci fanno dire sospensione delle terapie mediche, ma spesso è eutanasia bella e buona, come nel caso del piccolo Alfie Evans. Ci fanno dire procreazione assistita, ma è fecondazione artificiale e preferibilmente fecondazione eterologa, l’espediente prediletto dalle coppie lesbiche per avere un figlio nonostante tutto, ossia beffando la natura e facendo a meno dell’odiosa (e ormai decisamente anacronistica) collaborazione maschile. Ci fanno dire maternità surrogata, ma si dovrebbe dire utero in affitto.

E ancora: vogliono che diciamo migrazioni, ma si tratta in realtà di traffico calcolato di carne umana, sponsorizzato e finanziato da nobili filantropi come George Soros. Vogliono che diciamo antirazzismo, ma è odio e disprezzo della propria identità e della propria cultura. Vogliono che diciamo Nazioni Unite, ma è il Governo del Nuovo Ordine Mondiale. Vogliono che diciamo nuovo umanesimo, ma è totalitarismo anticristiano in salsa massonica. Vogliono farci dire Unione Europea, ma è dittatura delle grandi banche private. Vogliono farci dire euro, ma è il marco svalutato nel solo interesse tedesco, una moneta della quale siamo obbligati a servirci, con nostro danno grave e permanente. Vogliono farci dire Paesi frugali, ma sono Stati canaglia, paradisi fiscali come l’Olanda o Paesi in clamoroso superplus commerciale, contro tutte le regole dell’Unione, come la Germania.

Vogliono anche farci dire pandemia, ma è il pretesto sanitario per attuare un colpo di stato indolore e generalizzato. Vogliono poi farci dire complottismo, quando è denuncia di un complotto reale; fake-news, quando sono, sovente, notizie fin troppo veritiere e perciò imbarazzanti per il potere e i suoi zelanti servitori; farci dire nemici del diritto d’Israele a esistere, quando si tratta di ricordare il diritto ad esistere dei palestinesi, del quale si son dimenticati tutti, specie nei salotti buoni della sinistra e della cultura progressista. Vogliono anche che diciamo integralisti cattolici o cattolici tradizionalisti, quando sono semplicemente dei veri cattolici; chiesa in uscita, quando è l’anti-chiesa ovvero la sinagoga di Satana; dialogo interreligioso, quando è mortificazione del cattolicesimo; ecumenismo, quando è protestantesimo mascherato; e soprattutto antisemitismo, quando è denuncia ragionata e documentata di una rete di potere mondiale estremamente organizzata ed efficace, che fa capo ai Rotschild e ad altre famiglie di banchieri multimiliardari (non tutti ebrei), come i Warburg, i Rockefeller, i Goldman, i Lehman, più i vari Gates, Soros, Bezos, Zuckerberg.

(L’integrale, indispensabile, qui:


Nessun commento:

Posta un commento