L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

mercoledì 9 settembre 2020

Covid 19 - come far mangiare l'arcigay a quattro ganasce

ARCURI , un aiutino all’ArciGay? (Ah, ci fosse un Palamara in Italia!)

Maurizio Blondet 9 Settembre 2020 

(Un giudice, volevo dire…)
È la Nexus made srl di Ostia una delle ditte che ha vinto il discusso appalto degli arredi scolastici.
L’azienda organizza e promuove eventi fieristici, non ha mai prodotto banchi. Non dispone di uno stabilimento.
Vanta un fatturato di 400mila euro, in tutt’altre attività.
Un buon ristorante fattura ben più della “Nexus srl”.
Ha vinto un appalto di 45MLN di euro di soldi nostri.
Insomma, un’azienda dalle forti capacità tecniche ed economiche come richiesto dal bando degli ONESTIH.
Dovrà produrre (???) 180mila banchi, 20mila dovranno essere consegnati entro il 12 settembre, 160mila il 31 ottobre.
La Nexus non ha un sito internet, non si trova il numero di telefono.
Il titolare Franco Aubry (socio con 100 euro, proprietario e amministratore unico), così come Fabio Aubry (socio con 3.900 euro, fabbricatore di tende) non sono reperibili.
La sede della società è nello stesso stabile di quella dell’Arcigay di Ostia, e ha un capitale sociale di 4.000 euro. Le sono stati pagati 247,80 euro a banco.
45 MILIONI DI EURO.
Non avendo struttura produttiva può solo fare la cresta su soldi nostri rivendendo roba prodotta altrove a rischio imprenditoriale zero.
Regalino del governo di sx.
Questo è ciò per cui paghiamo Arcuri, il PD e il PD a cinque stelle della trasparenza in streaming.

Della cosa si sta occupando Claudio Borghi. Seguirlo sul tweet

Nessun commento:

Posta un commento