L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

lunedì 19 ottobre 2020

Energia Pulita - Fra 4 anni arriverà la nuova diga, la Bumbuna II in Sierra Leone



Sierra Leone: La diga di Bumbuna verso il closign finanziario

La costruzione della seconda fase del progetto idroelettrico di Bumbuna in Sierra Leone si sta avvicinando alla chiusura finanziaria a seguito dell’impegno di sostegno finanziario di InfraCo Africa, una società finanziata da più governi che fornisce capitale di sviluppo iniziale e competenze per lo sviluppo di progetti infrastrutturali nell’Africa subsahariana.

La società Private Infrastructure Development Group (PIDG) di proprietà di Private Infrastructure Development Group (PIDG) ha garantito di offrire 6 milioni di dollari per l’implementazione del progetto di energia rinnovabile in corso di sviluppo da parte di Joule Africa.

InfraCo Africa diventa il quarto ente che si impegna a sostenere il progetto idroelettrico Bumbuna II. Altri sono Electrification Financing Initiative (ElectriFI), uno strumento di investimento finanziato dall’Unione Europea e gestito dalle istituzioni finanziarie europee per lo sviluppo, la Development Bank of South Africa (DBSA),un’istituzione finanziaria per lo sviluppo interamente di proprietà del governo sudafricano e la African Alpha Investment Partners, una società di investimento con sede a Londra fondata per contribuire a riunire opportunità di investimento e capitali in tutto il continente africano.

Joule Africa spera di completare il processo di leva finanziaria per il suo progetto entro il prossimo anno, in modo da iniziare i lavori di costruzione vera e propria che richiederanno 48 mesi per essere completati.

Il progetto idroelettrico Bumbuna II

Il progetto idroelettrico di Bumbuna II prevede la costruzione di una nuova diga di 115 km² sul fiume Seli a Yiben che fornirà l’acqua per la rotazione di due turbine della centrale idroelettrica di Bumbuna II che produrrà circa 143 MW di elettricità.

L’elettricità sarà immessa nella rete elettrica del paese attraverso una linea di trasmissione a 225 kV da Yiben a Freetown. Questa linea ad alta tensione sarà collegata anche al sistema di scambio di energia dell’Africa occidentale che collega diversi paesi vicini, tra cui la Costa d’Avorio, la Liberia e la Guinea.

Si prevede che questo progetto avrà un impatto estremamente positivo, consentendo uno sviluppo economico sostenibile nel paese dell’Africa occidentale.

Nessun commento:

Posta un commento