L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

venerdì 30 ottobre 2020

L'Occidente falso e bugiardo si è affrettato a riconoscere i golpisti in Bolivia ma il voto popolare li ha spazzati mettendo a nudo il niente degli Stati Uniti, di Euroimbecilandia e di tutti i paesi servi

I golpisti boliviani abbandonati dall’Occidente andranno sotto processo

By Olsi
-28 Ottobre 2020



Perché i golpisti boliviani sono stati abbandonati dall’Occidente dopo le ultime elezioni? La storia si è ripetuta il 10 novembre 2019, quando il presidente eletto della Bolivia, Evo Morales, è stato rovesciato. L’ascesa di Morales e del suo partito, il Movimento per il socialismo (MAS), è stato uno dei tanti progetti democratici popolari della storia moderna del Sud America. Ma come tanti altri, in un rapido e sconcertante susseguirsi di accuse, disordini sociali e violenza organizzata, crollò in un colpo di stato con l’appoggio delle potenze occidentali.
eADV

I golpisti boliviani hanno represso i sostenitori di Morales?

Anez e il suo governo avevano appena spodestato il presidente Evo Morales con un colpo di stato. Nonché dispiegato le forze di sicurezza in una violenta repressione dei suoi sostenitori. Ci sono voluti solo 21 giorni dalle elezioni di ottobre all’assalto degli edifici del MAS e all’insediamento di un’amministrazione di estrema destra. Morales è fuggito dal Paese e molti dei suoi sostenitori sono perseguitati, aggrediti e brutalizzati. Le forze dell’ordine e i militari hanno sparato più volte in diretta contro i manifestanti. Secondo i media locali, almeno 37 persone sono morte negli scontri con i soldati e i poliziotti antisommossa. La polizia e l’esercito avrebbero addirittura assalito processioni di persone in lutto che trasportavano bare di coloro che erano uccisi durante le manifestazioni precedenti.

I golpisti boliviani salgono al potere con il benestare delle “democrazie” Occidentali

Il rovesciamento aveva ricevuto una parvenza di legittimità da parte dell’Organizzazione degli Stati Americani (OSA), a lungo considerata dai continenti di sinistra come uno strumento delle potenze occidentali e delle loro élite interne alleate. Il gruppo aveva denunciato irregolarità elettorali, accuse che si sono rivelate false. Non c’è bisogno di dire che l’amministrazione Trump è balzata in difesa del colpo di Stato. Infatti l’ha salutato come “un momento significativo per la democrazia nell’emisfero occidentale”.

Procedimento penale contro Jeanine Anez e alcuni golpisti boliviani


Il Parlamento boliviano ha approvato una risoluzione che chiede l’apertura di un procedimento penale contro l’ex presidente ad interim della nazione Jeanine Anez e alcuni ministri del suo governo per la repressione delle proteste del 2019.
La mozione dice che Anez deve essere processato per un decreto che autorizza l’esercito ad usare la forza contro i manifestanti nel novembre 2019. Mozione che esonera i militari da ogni responsabilità penale, nonché per quelli che sono chiamati “massacri” nelle città di Cochabamba e El Alto. Oltre alla stessa Anez, sette ministri del suo governo sono accusati di corruzione e di acquisto illegale di armi.

Human Rights Watch aveva accusato la Anez di perseguitare i suoi oppositori politici

Potrebbero essere processati il ministro degli Esteri Karen Longaric, il ministro della Difesa Fernando Lopez e il ministro della Giustizia Alvaro Coimbra. Appena saputo della decisione del Parlamento, Anez si è precipitato su Twitter per dichiararlo un esempio di persecuzione politica. “Il MAS [Movimento verso il socialismo] sta tornando a perseguire coloro che la pensano diversamente”, ha scritto, anche se è stato il suo stesso governo ad essere accusato da Human Rights Watch di perseguitare i suoi oppositori politici.

Il ritorno di Evo Morales in Bolivia

Un giudice boliviano che si è stabilito a La Paz lunedì scorso ha annullato un mandato d’arresto per l’ex presidente in esilio Evo Morales. Lui è stato in esilio per più di un anno in Messico e poi in Argentina. Ora potrebbe tornare in Bolivia senza paura di essere arrestato. Fuggito dal Paese nel novembre 2019 all’indomani di un’elezione controversa, tra richieste di dimissioni da comandante delle forze armate e da comandante della polizia nazionale.

Difeso anche dalla Human Rights Watch

A dicembre, i procuratori del governo conservatore ad interim accusano Morales di sedizione e terrorismo e hanno emesso un mandato di arresto. Il mandato sosteneva che Morales fosse responsabile delle violenze contro le proteste elettorali. Il mese scorso, Human Rights Watch ha affermato che le sue indagini non hanno rivelato alcuna prova che Morales abbia commesso atti di terrorismo. Ha osservato che il previsto procedimento giudiziario “sembra essere un attacco politico contro Morales e i suoi sostenitori piuttosto che un’applicazione della legge”.
Cancellazione definitiva del mandato

La cancellazione del mandato di lunedì segue i risultati delle elezioni del 2020 in Bolivia all’inizio di questo mese. Alle elezioni presidenziali in sostituzione a quelle annullate nel 2019, il vincitore indiscusso è stato Luis Arce. Il candidato del Movimiento al Socialismo, il partito di Morales. Morales è dichiarato incapace di candidarsi al Senato dai tribunali boliviani. Non ha una posizione nel governo di Arce, anche se è il capo del loro partito. Non ha detto quando o addirittura se tornerà in Bolivia.

Nessun commento:

Posta un commento