L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

venerdì 11 dicembre 2020

Arcuri e le siringhe, arriveranno le provvigioni?

09 Dicembre 2020 18:00

Arcuri e le 157 milioni di siringhe per vaccini anti Covid: qualcosa non torna

Giuseppe Masala

Eccoci qui a commentare l'ennesimo sperpero di danaro pubblico dell'Alto Commissario alle Pandemie Arcuri. Non bastavano le commissioni e le provvigioni multimilionarie per gli intermediari con la Cina per acquistare mascherine e ventilatori, non bastavano neanche gli sperperi sull'acquisto di banchi rotellati e fissi per le scuole. Ora ci si mettono anche le siringhe per inocularci il salvifico vaccino. In una gara che scadeva oggi ha bandito l'acquisto di 157 milioni siringhe, delle quali ben 150 milioni dovranno essere luer lock. Queste ultime oltre ad essere introvabili sul mercato o quasi costano anche 5 o 6 volte di più di una normale siringa adibita alla somministrazione dei vaccini.

L'Alto Commissario alle Pandemie sta provando a giustificarne l'acquisto con presunte richieste dall'Istituto Superiore di Sanità, del Comitato Tecnico Scientifico e addirittura della multinazionale farmaceutica Pfizer. Tutte e tre queste entità smentiscono seccamente di aver richiesto siringhe luer lock. Avanti così, tanto qualcuno pagherà.

Nessun commento:

Posta un commento