L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

domenica 6 dicembre 2020

Gli Emirati Arabi Uniti non hanno preclusioni ma preferenze ora gli Stati Uniti devono decidere. Gli accordi sono a doppio senso e non solo a vantaggio di una parte, la partita che hanno ingaggiato gli emirati, il prezzo da pagare per l'accordo co gli ebrei sionisti


04 Dicembre 2020 21:43

Gli USA ritrattano sulla vendita dei caccia F-35 agli Emirati Arabi Uniti. Abu Dhabi sceglie gli Su-57 della Russia?

La Redazione de l'AntiDiplomatico

Gli Emirati Arabi Uniti (EAU) sono decisi a dotarsi ad ogni costo di caccia di ultima generazione. L’obiettivo sarebbe quello di acquisire i caccia stealth F-35 prodotti dagli Stati Uniti. Il presidente uscente Trump ha dato il suo assenso ma l’affare è bloccato dal Congresso che si oppone. Così come Israele che detiene l’esclusività in Medio Oriente del velivolo statunitense. La vendita dei caccia agli emiratini, secondo Tel Aviv, metterebbe a rischio la superiorità militare nella regione di Israele. Così se non arrivano i caccia stealth e i droni MQ-9 Reaper, Abu Dhabi fa sapere che si rivolgerà ad altre fonti. 

"Preferiremmo avere la migliore attrezzatura statunitense, o individueremo altre fonti”, ha affermato Yousef al-Otaiba, ambasciatore degli Emirati Arabi Uniti negli Stati Uniti. “Si tratta di promuovere un Medio Oriente più stabile e sicur0”, ha poi aggiunto il diplomatico emiratino. 

La dichiarazione è arrivata dopo che il senatore democratico Chris Murphy ha annunciato di aver introdotto una risoluzione privilegiata insieme al senatore Bob Menendez e al senatore Rand Paul, per fermare l'affare da 23 miliardi di dollari per bloccare la vendita dei caccia F-35, i droni Reaper e munizioni. 

L'annuncio è stato fatto tramite un thread Twitter in cui Murphy ha riconosciuto di aver sostenuto accordi di sicurezza con gli Emirati Arabi Uniti in passato, ma "questa vendita è diversa".

“Nello Yemen, gli Emirati Arabi Uniti e l'Arabia Saudita hanno ucciso migliaia di civili con armi di fabbricazione statunitense. In Libia, gli Emirati Arabi Uniti stanno violando l'embargo internazionale sulle armi. E ci sono prove che gli Emirati Arabi Uniti abbiano trasferito illegalmente attrezzature militari statunitensi a milizie estremiste nello Yemen", ha affermato Murphy.

Inoltre negli USA credono che gli emirati potrebbero trasferire informazioni sensibili sugli armamenti statunitensi a Russia e Cina. Tuttavia, Al-Otaiba ha respinto l'affermazione secondo cui gli Emirati Arabi Uniti hanno stretti legami con Russia e Cina definendola una "grossolana esagerazione". Ha anche sottolineato che gli Emirati Arabi Uniti ospitano già gli squadroni F-35 statunitensi presso la base aerea di Al Dhafra ad Abu Dhabi.

Quindi gli Emirati Arabi Uniti potrebbero virare verso il caccia stealth Su-57 prodotto dalla Russia. L'aereo da caccia Su-57 è progettato per avere supercruise, supermaneuverability, stealth e avionica avanzata per superare gli aerei da combattimento della generazione precedente e le difese terrestri e navali. Combinando le capacità di un aereo d'attacco e di un jet da combattimento, l'uso di materiali compositi e tecnologie innovative e la configurazione aerodinamica del caccia assicurano radar di basso livello e firma a infrarossi.

Può distruggere tutti i tipi di bersagli aerei, terrestri e navali. È dotato di tecnocoglia stealth con le più avanzate apparecchiature radioelettroniche di bordo, tra cui un potente computer di bordo (il cosiddetto secondo pilota elettronico), il sistema radar diffuso sul suo corpo e alcune altre innovazioni, in particolare, l'armamento posto all'interno della sua fusoliera.

Nessun commento:

Posta un commento