L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

venerdì 25 dicembre 2020

La Bce finalmente diventa banca centrale prestatore di ultima istanza e questo permette agli stati di investire per migliorare la qualità della vita delle proprie comunità se volessero. In Italia investimento strutturale assunzione di almeno un milione di giovani nella Pubblica amministrazione

Caso assicurativo: la Banca centrale europea ha in effetti assunto il finanziamento statale


Fonte: Getty Images / Ed Pritchard, Thomas Mayer Marc Comes / Flossbach von Storch / dpa

Opinione Finanza pubblica

Uno stato assicurativo forte può creare denaro per tutti e per tutti

L’economista Thomas Mayer afferma che la Banca centrale europea si è già assunta la responsabilità del finanziamento degli stati

In qualità di potente compagnia di assicurazioni, lo stato ha assunto la guida dell’economia. Ha i fondi necessari stampati dalla sua banca centrale. Tuttavia, l’utilità dei cittadini è discutibile.

“L’enorme potere della tutela prevale su questi cittadini, che solo assicura il loro comfort e controlla il loro destino. È assoluto, dettagliato, preciso, lungimirante e moderato. Sarebbe come il patriarcato se – come tale – mirasse a preparare le persone all’età adulta; al contrario, cerca di Rendere le persone digiunate in modo irreversibile durante l’infanzia; è felice quando i cittadini sono in buone condizioni, a patto che pensino solo al loro benessere. Ama lavorare per la sua felicità; ma vuole lavorare su di lei da sola e decidere solo su di lei. Garantisce la loro sicurezza, vede e protegge i loro bisogni, Facilita il loro divertimento, gestisce le loro attività più importanti, dirige le loro attività, organizza i loro successi e divide la loro eredità; non potrebbe forse alleviarli completamente dall’ansia di pensare e dalle difficoltà di vivere? “È così che Alexis de Tocqueville descrisse molto chiaramente la condizione patriarcale premurosa negli anni ’30 dell’Ottocento.

Alla fine del diciannovesimo secolo, Otto von Bismarck fornì un modello per l’ingresso globale nello stato assicurativo. Il Cancelliere ha introdotto l’assicurazione sanitaria nel 1883 e l’assicurazione contro gli infortuni nel 1884. Dal 1889 al 1891 è stata aggiunta l’assicurazione pensionistica obbligatoria. Qualche decennio dopo venne istituita l’assicurazione statale contro la disoccupazione, prima nel 1911 in Gran Bretagna, poi nel 1919 in Italia, nel 1927 in Germania e nel 1935 negli Stati Uniti a livello federale.

Leggi anche


Tuttavia, l’assicurazione statale contro la disoccupazione non sembra essere sufficiente per proteggere i cittadini dalle crisi economiche. Quindi le esperienze della Grande Depressione nei primi anni ’30 aprirono la strada alla gestione economica attraverso la politica fiscale statale proposta da John Maynard Keynes nel 1936.

Tuttavia, l’applicazione pratica della politica economica keynesiana negli anni ’70, segnata dalla crisi petrolifera, ha portato alla “stagflazione”, in cui un’inflazione elevata è stata accompagnata da una crescita economica bassa. Durante gli anni ’80, questa esperienza portò lo Stato ad astenersi in gran parte dalla gestione economica.

Ma alla fine degli anni ’80, il presidente della Federal Reserve statunitense Alan Greenspan sembrava aver trovato una pietra filosofale per aiutare a guidare l’economia attraverso la politica monetaria. Le banche centrali sono diventate potenti assicuratori in tutto il mondo contro la recessione economica e le crisi finanziarie.

Tuttavia, anche durante la grande crisi finanziaria del 2007/08, hanno nuovamente avuto bisogno dell’aiuto statale per salvare le banche. Dopo aver in gran parte consumato la loro polvere sotto forma di tagli dei tassi di interesse quando è scoppiata l’epidemia di Corona, il paese, come potente assicuratore, ha riguadagnato il comando nell’economia.

Leggi anche


Ma lo “stato di assicurazione universale” – come lo chiama Ludger Schockencht, ex capo economista del ministero delle Finanze – sta raggiungendo i suoi limiti fiscali in tempi di pandemia. A differenza dell’assicurazione privata, uno stato assicurativo non può annullare le riserve finanziarie che sono state costituite in tempi migliori.

Quindi deve prendere in prestito i risparmi accumulati dal settore privato. Finché questi risparmi non hanno altri interessi, può farlo senza provocare un aumento dei tassi.

Tuttavia, se le sue richieste superano il desiderio dei risparmiatori di prestargli denaro ai tassi più bassi, rischia di allontanare altri clienti del capitale di risparmio dal correre a tassi di interesse più alti. Per evitare ciò, il paese assicurativo è passato di recente a far stampare i fondi necessari dalla sua banca centrale.

Leggi anche


Alla Banca centrale europea è legalmente vietato fornire finanziamenti monetari pubblici. Ma il diritto europeo è molto flessibile. Di conseguenza, anche la Banca centrale europea, come altre banche centrali, ha di fatto rilevato i finanziamenti statali, cosa che ovviamente nega.

Ciò diventa evidente se si persegue lo sviluppo di programmi di acquisto di obbligazioni. Se si estrapolano gli acquisti di obbligazioni pubbliche nei primi undici mesi dell’intero anno, è probabile che la Banca centrale europea abbia acquistato quest’anno in queste note meno di un trilione di euro, ovvero circa il nove per cento del PIL.

Il Fondo Monetario Internazionale (FMI) stima che i deficit di bilancio totali dei paesi dell’euro siano intorno al 10% del PIL, in modo che circa il 90% potrebbe essere finanziato dalla Banca Centrale Europea attraverso la creazione di nuova moneta.

Leggi anche


Se la Banca centrale europea continuerà come prima, cosa possibile secondo recenti decisioni, il prossimo anno potrebbe acquistare circa € 1,4 trilioni di titoli di Stato. Questo sarà più che sufficiente per finanziare il disavanzo di bilancio previsto dal FMI di 575 miliardi di euro per il 2021 e il debito previsto di 750 miliardi dal Fondo europeo di sviluppo.

Lo stato assicurativo, se portato all’estremo, può creare denaro per tutti e per tutti. Tuttavia, è dubbio che i cittadini possano acquistare qualcosa con esso.

Thomas Mayer è direttore fondatore del Flossbach von Storch Research Institute e professore all’Università di Witten / Herdecke.

Nessun commento:

Posta un commento