L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

sabato 5 dicembre 2020

La Via della Sete Terrestre funziona e aumenta i suoi transiti

In forte aumento traffico ferroviario tra Cina e Europa
2.158 treni da inizio anno a interporto di confine con Mongolia

Xinhua
03 dicembre 202014:45NEWS

(ANSA-XINHUA) - HOHHOT, 03 DIC - Un totale di 2.158 treni merci in servizio sulle rotte ferroviarie tra la Cina e l'Europa sono transitati nei primi 11 mesi di quest'anno attraverso il valico di frontiera di Erenhot, nella Regione autonoma della Mongolia Interna, in Cina settentrionale, segnando una crescita del 53,4% su base annua. Lo ha reso noto l'operatore ferroviario locale, China Railway Hohhot Group.

Tra questi, il numero di treni diretti all'estero da gennaio a novembre si è attestato a 1.023, in aumento del 54,3% su base annua, mentre 1.135 convogli risultavano in entrata in Cina, in crescita del 52,6% rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso.
Per soddisfare al meglio le esigenze del servizio di treni merci Cina-Europa, il dipartimento ferroviario di Erenhot ha trasformato parte dello spazio di carico dell'interporto destinato alle merci sfuse, che originariamente gestiva il deposito di tronchi e minerale di ferro, in aree di carico di container. (ANSA-XINHUA).

Nessun commento:

Posta un commento