L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

martedì 1 dicembre 2020

Le Banche private italiane stanno svolgendo parzialmente e in maniera diversa (prendono gli interessi) il lavoro svolto dalla Banca d'Italia prima del 1981

Non solo Intesa, ecco come le banche fanno incetta di Bot e Btp

1 dicembre 2020


Tutti i dettagli su come e quanto le banche (in primis Intesa Sanpaolo) hanno sottoscritto Bot e Btp. Report centro studi Unimpresa

Il debito pubblico sottoscritto dalle imprese bancarie vale, oggi, 372 miliardi di euro. Bot e btp pesano per l’11% sul totale degli “attivi” nei bilanci del settore bancario. Attenzione ai 35 miliardi di obbligazioni “subordinate” delle banche: le famiglie esposte per 8,2 miliardi con i titoli più a rischio.

Ecco i dati salienti che emergono dalla ricerca del centro studi di Unimpresa.

Tutti i dettagli.

Sale la dipendenza dello Stato dalle banche del Paese: il debito pubblico sottoscritto dagli istituti di credito italiani vale, oggi, 372 miliardi di euro, il 18% in più rispetto ai 315 miliardi di inizio 2020. Bot e btp pesano per l’11% sul totale degli “attivi” nei bilanci del settore bancario, una percentuale record negli ultimi otto anni (il livello più basso nel 2017 con l’8,5%).

I NUMERI

Nel corso del 2020 è costantemente aumentata la quota di titoli di Stato del nostro Paese “in mano” alle banche, che hanno sostenuto le esigenze di liquidità del Tesoro durante la pandemia da Covid-19: da gennaio a settembre si è registrata una crescita di 56 miliardi.

I MILIARDI

A fronte di quasi 400 miliardi di titoli pubblici in portafoglio, le banche (a partire da Intesa Sanpaolo) hanno “venduto” sul mercato, negli ultimi anni, per finanziarsi, 281 miliardi di loro obbligazioni, delle quali 36 miliardi corrispondono a emissioni subordinate, cioè la categoria “a rischio” di azzeramento, secondo la direttiva europea sui salvataggi bancari, in caso di dissesti: le famiglie hanno comprato, complessivamente, 54 miliardi di bond bancari e, di questi, 8 miliardi sono “subordinati”.

IL REPORT DI UNIMPRESA SULLE BANCHE

Questi i dati principali di un’analisi del Centro studi di Unimpresa sugli acquisti di titoli di Stato delle banche e sulle emissioni obbligazionarie del settore bancario, secondo la quale i titoli pubblici sottoscritti dalle banche italiane corrispondono all’11% dei loro attivi di bilancio, percentuale assai più alta rispetto alla media dell’area euro: nei portafogli degli istituti dell’eurozona, infatti, il debito pubblico dei rispettivi paesi pesa per il 3,5%.

IL COMMENTO DI SPADAFORA

«Lo sforzo del settore bancario per sostenere una fase complessa della nostra economia è stato notevole e pure apprezzabile. Tuttavia, esistono evidenti e preoccupanti squilibri di cui non si riescono a calcolare, in questo momento, gli effetti di medio-lungo periodo, sull’economia reale, sul risparmio» commenta il vicepresidente di Unimpresa, Giuseppe Spadafora. «Ma soprattutto ci preoccupa il potere che le banche comprano nel momento stesso in cui sottoscrivono quote aggiuntive di debito pubblico, con la scusa di sostenere le esigenze di liquidità del Tesoro. I big del credito acquistano un enorme potere contrattuale nei confronti dello Stato italiano, ma noi non sappiamo come lo negozieranno in futuro e, soprattutto, con quali effetti sull’economia reale, in particolare sulle piccole e medie imprese» osserva ancora Spadafora.

I DATI BANKITALIA

Secondo l’analisi del Centro studi di Unimpresa, che ha elaborato dati della Banca d’Italia, a settembre 2020 il debito pubblico detenuto dalle banche ammontava a 372,5 miliardi, in crescita di 56,7 miliardi (+18,0%) rispetto a gennaio scorso. Tra il 2012 e il 2020 (settembre), si è registrata una crescita di 49,8 miliardi (+15,4%); negli ultimi otto anni, il livello più basso di sottoscrizioni di bot e btp da parte degli istituti è stato toccato nel 2017 con 283,7 miliardi, pari all’8,5% degli attivi. Percentuale che oggi è a livelli record, 11,0%, lo stesso livello massimo raggiunto nel 2014 con 383 miliardi di debito pubblico nei portafogli degli istituti. Tali percentuali sono assai più elevate di quelle osservate nell’area euro: la quota di debito pubblico dei propri paesi sottoscritto dalle banche dell’eurozona, infatti, corrisponde, oggi, al 3,5% degli attivi (settembre 2020), era al 3,8% nel 2012, al 4,4% (livello più alto) nel 2014.

I BOND

Quanto alle emissioni obbligazionarie delle banche, il totale in circolazione è pari a 281,8 miliardi e, di questi, 35,9 miliardi corrispondono a bond subordinati ovvero la categoria a rischio in caso di risoluzioni e salvataggi bancari, così come disposto dalla direttiva europea “Brrd” (Bank Recovery and Resolution Directive). Le famiglie hanno acquistato complessivamente 54,4 miliardi di obbligazioni bancarie (8,2 miliardi di subordinate): 2,7 miliardi scadono nel 2020, 9,4 miliardi nel 2021, 10,4 miliardi nel 2022, 13,9 miliardi nel biennio 2023-2024, 17,4 miliardi nel periodo 2025-2029, altri 382 milioni nel 2030 e oltre. Le operazioni “infragruppo” (cioè gli acquisti di bond da banche del medesimo gruppo societario) valgono in tutto 23,6 miliardi (1,1 miliardi i bond subordinati): 741 milioni scadono nel 2020, 2,3 miliardi nel 2021, 3,8 miliardi nel 2022, 5,1 miliardi nel biennio 2023-2024, 9,2 miliardi nel periodo 2025-2029, altri 2,3 miliardi nel 2030 e oltre. I bond bancari in circolazione comprati dalle banche italiane concorrenti ammontano a 27,4 miliardi (1 miliardi i subordinati): 1,1 miliardi scadono nel 2020, 3,6 miliardi nel 2021, 5,4 miliardi nel 2022, 8,6 miliardi nel biennio 2023-2024, 8,1 miliardi nel periodo 2025-2029, altri 462 milioni nel 2030 e oltre. Tutti gli altri investitori (tra cui fondi, imprese, assicurazioni) hanno in portafoglio 176,2 miliardi di titoli obbligazionari delle banche (25,5 miliardi sono emissioni subordinate): 7,8 miliardi scadono nel 2020, 18,2 miliardi nel 2021, 31,2 miliardi nel 2022, 41,4 miliardi nel biennio 2023-2024, 61,7 miliardi nel periodo 2025-2029, altri 15,7 miliardi nel 2030 e oltre. Sul totale di 281,8 miliardi, 12,4 miliardi scadono nel 2020, 33,6 miliardi nel 2021, 50,9 miliardi nel 2022, 69,2 miliardi nel biennio 2023-2024, 96,5 miliardi nel periodo 2025-2029, altri 18,9 miliardi dal 2030 in poi.

I RISCHI

In relazione ai rischi derivanti dal tipo di emissioni obbligazionarie, sono le famiglie la categoria maggiormente esposta agli eventuali effetti dell’applicazione delle regole europee sulle risoluzioni bancarie. Gli 8,2 miliardi di bond subordinati acquistati dal comparto retail corrispondono al 15,1% del totale delle emissioni sottoscritte: si tratta della percentuale più alta: la quota di subordinate “in mano” fondi, assicurazioni e imprese è pari al 14,5% (25,5 miliardi su 176,2 miliardi); le stesse banche sembrano avere un atteggiamento assai più prudente considerando che è pari al 3,8% la quota di subordinati acquistati da istituti concorrenti (1,1 miliardi su 27,4 miliardi) e al 4,7% quella di istituti dello stesso gruppo dell’emittente (1,1 miliardi su 23,6 miliardi). In totale, i bond subordinati (35,9 miliardi) valgono il 12,8% del totale delle obbligazioni bancarie in circolazione (281,8 miliardi).

1 commento:

  1. ✅ RECUPERO TRUFFA BINARIO ❌ Le opzioni binarie, Forex e simili sono un mezzo per fare soldi ma è più simile al gioco d'azzardo.

    Non ci sono mezzi sicuri per garantire che una persona possa trarne profitto ed è per questo che si può anche considerare una truffa.

    Non dimentichiamo che alcune persone ti danno persino il ��% di garanzia di realizzare profitti e finiscono per scappare con i tuoi soldi. Internet oggi è pieno di truffe sul recupero delle opzioni binarie, si vedono così tante testimonianze condivise su come un'azienda o società li ha aiutati a recuperare ciò che hanno perso con le opzioni binarie. Ma credici, è solo un modo per attirare più persone e finire per truffarle.

    ❌ Potresti anche aver incontrato alcune persone che dicono che ti daranno la garanzia di scambi di successo, ma finiscono anche per essere TRUFFATORI. Qui dici che cose come il 200% garantito in sole 2 settimane e quando entri in commercio con loro, iniziano a dirti di pagare la percentuale dei profitti prima di poter ottenere il tuo reddito.

    Questi sono tutti bugiardi, per favore evitali. Ma se sei stato una vittima di questi ragazzi, allora dovresti contattare PYTHONAX ora‼ ️

    ✳️ La grande domanda è "Qualcuno può recuperare i soldi persi a causa di opzioni binarie e truffe?" Dirò di sì e ti dirò come. L'unico modo per recuperare i tuoi soldi è assumere HACKER che ti aiutino a entrare nel sistema di sicurezza del database delle aziende utilizzando le informazioni che fornisci loro, estrai il tuo file e recupera i tuoi soldi. Sembra una cosa davvero impossibile da fare, te lo dirò, dovrebbe essere impossibile, ma con l'uso di software appositamente progettati noti a HACKER e autorità (come FBI, CIA ecc.) È possibile e l'unico modo per recuperare i tuoi soldi.

    ✅ PYTHONAX è un gruppo di hacker che usa le proprie capacità di hacking per dare la caccia ai truffatori e aiutare le persone a recuperare i propri soldi dai truffatori di Internet. Abbiamo solo bisogno dei dettagli di contatto di SCAMMERS e Paymnet Info e entro 4-8 ore i tuoi soldi ti verranno restituiti.

    ✳️ Puoi contattarci tramite le e-mail di seguito-: PYTHONAXSERVICES@GMAIL.COM

    Forniamo anche servizi di hacking legale come:
    ��Hacking / clonazione del telefono �� Hacking e-mail e recupero password
    �� Hacking di social media e recupero di password
    �� Recupero file cancellati
    �� Monitoraggio mobile
    �� Rilevamento ed eliminazione dei virus.
    E-mail: PYTHONAXHACKS@GMAIL.COM




    Pythonax. 2020 © Tutti i diritti riservati.

    RispondiElimina